Filosofia islamica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Il termine filosofia islamica (arabo: الفلسفة الإسلامية, al-falsafa al-islāmiyya) indica l'insieme delle questioni filosofiche sollevate dai pensatori musulmani.

Il "filosofo", nel mondo musulmano, è detto faylasúf (pl. falásifa) e la filosofia è chiamata fálsafa, termine derivato dal greco antico.

La filosofia islamica prese vari orientamenti, tutti improntati più verso un eclettismo, dovuto forse alla mancanza di strumenti critici quando contributi esterni all'Islam venivano accettati, che verso una direzione propria, e tutti segnati dalla necessità di adattare questi contributi ai principi religiosi dell'Islam.

Malgrado i filosofi musulmani fossero sempre guardati con sospetto dalla comunità islamica e spesso anche perseguitati, essi furono credenti come tutti gli altri nel mondo musulmano, solo che nella ricerca della verità si avvalsero degli strumenti loro forniti dalla filosofia greca, che cercarono di mettere in sintonia con la propria religione.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Corbin, Henry (1991), Storia della filosofia islamica, Adelphi, Milano.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]