Federazione di Bosnia ed Erzegovina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Federazione di Bosnia-Erzegovina)
Federazione di Bosnia ed Erzegovina
entità
(BSHR) Federacija Bosne i Hercegovine
(SR) Федерација Босне и Херцеговине
Federacija Bosne i Hercegovine
Localizzazione
Stato Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina
Amministrazione
Capoluogo Sarajevo
Presidente Živko Budimir (HSP)
Data di istituzione 14 dicembre 1995
Territorio
Coordinate
del capoluogo
43°50′51.36″N 18°21′23.04″E / 43.8476°N 18.3564°E43.8476; 18.3564 (Federazione di Bosnia ed Erzegovina)Coordinate: 43°50′51.36″N 18°21′23.04″E / 43.8476°N 18.3564°E43.8476; 18.3564 (Federazione di Bosnia ed Erzegovina)
Superficie 26 110,5 km²
Abitanti
Entità confinanti Distretto di Brčko, Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina
Altre informazioni
Lingue Bosniaco, croato, serbo[1]
Fuso orario UTC+1
ISO 3166-2 BA-BIH
Cartografia

Federazione di Bosnia ed Erzegovina – Localizzazione

Sito istituzionale
Bandiera in uso fino al 2007

La Federazione di Bosnia ed Erzegovina è una delle due entità politico-amministrative in cui è suddivisa la Bosnia ed Erzegovina, quella a maggioranza musulmana e croata. Viene chiamata anche semplicemente "federazione" (federacija). Per via della pulizia etnica operata durante la guerra civile la popolazione serba non appartenente alle due etnie maggioritarie (croati e musulmani) è calata in maniera rilevante.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Federazione di Bosnia ed Erzegovina fu istituita con gli Accordi di Washington del maggio 1994. I territori controllati dai Croati e dai Bosniaci furono suddivisi in 10 cantoni autonomi. Il sistema cantonale fu scelto per impedire i soprusi di un gruppo etnico sull'altro.

Nel 1995 gli eserciti bosniaci e croati della Federazione di Bosnia ed Erzegovina sconfissero le forze della Repubblica della Bosnia occidentale, che fu annessa alla federazione.

Con gli Accordi di Dayton del 1995, la Federazione di Bosnia ed Erzegovina fu definita come una delle due entità della Bosnia ed Erzegovina e ne incluse il 51% del territorio (l'altra entità, la Republika Srpska include il 49%). A divisione delle due venne tracciata la Linea di Confine Inter-Entità.

L'8 marzo 2000 il Distretto di Brčko si formò come un'entità autonoma all'interno della Bosnia ed Erzegovina e fu creato con porzioni di territorio di entrambe le entità allora esistenti. Il Distretto di Brčko è ora un territorio condiviso da entrambe le entità.

Divisione amministrativa[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cantoni della Federazione di Bosnia ed Erzegovina.

La Federazione di Bosnia ed Erzegovina è suddivisa in 10 cantoni, che raggruppano le 79 municipalità dell'entità:

Cantoni della Federazione di Bosnia ed Erzegovina
  1. Una-Sana, Unsko-Sanski Kanton
  2. Posavina, Posavski Kanton
  3. Tuzla, Tuzlanski Kanton
  4. Zenica-Doboj, Zeničko-Dobojski Kanton
  5. Podrinje Bosniaca, Bosanskopodrinjski Kanton
  6. Bosnia Centrale, Srednjebosanski Kanton o Županija Središnja Bosna
  7. Erzegovina-Narenta, Hercegovačko-neretvanski Kanton o Hercegovačko-neretvanska Županija
  8. Erzegovina Occidentale, Zapadnohercegovačka Županija
  9. Sarajevo, Kanton Sarajevo
  10. Bosnia Occidentale, Zapadnobosanska / Hercegbosanska Županija


Città[modifica | modifica wikitesto]

Principali città della Federazione di Bosnia ed Erzegovina

Lista delle maggiori città della Federazione (dati aggiornati al 2006 [1]):

Popolazione[modifica | modifica wikitesto]

Mappa etnica della Bosnia ed Erzegovina, 1991

La Federazione comprende il 51% del territorio bosniaco ed è abitata da circa il 60% della popolazione totale. Tutte le informazioni riguardanti la popolazione, comprese le composizioni etniche, sono soggette ad errori a causa della mancanza di censimenti ufficiali dopo la guerra (l'ultimo risale al 1991).
Nel 2002 la popolazione della Federazione fu stimata intorno ai 2,5 milioni di persone, di cui 80% bosgnacchi, 14% croati, 4,4% serbi e 1% altri.
La popolazione serba è diminuita molto dopo il 1991 a causa della pulizia etnica avvenuta durante la guerra bosniaca; alcuni serbi hanno deciso di tornare dall'esilio nella Republika Srpska, andando a formare maggioranze etniche nelle municipalità di Drvar, Bosansko Grahovo, Glamoč e Bosanski Petrovac.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Constitution of the Federation of Bosnia and Herzegovina (PDF). URL consultato l'11 settembre 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]