FIFA Fair Play Award

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il FIFA Fair Play Award è un riconoscimento assegnato dalla FIFA a individui o enti che abbiano promosso nel mondo del calcio comportamenti ispirati ai valori di lealtà e correttezza sportiva. È assegnato annualmente a partire dal 1987, con la sola eccezione del 1994, quando il riconoscimento non fu assegnato.

Vincitori[modifica | modifica wikitesto]

Anno Vincitore Motivazione
1987 Scozia Tifosi del Dundee United Football Club Per il loro comportamento al termine della finale di ritorno della Coppa UEFA 1986-1987. I tifosi scozzesi andarono a festeggiare assieme ai tifosi vincitori del Göteborg.[1]
1988 Germania Frank Ordenewitz Il giocatore del Werder Brema ammise di aver fatto un fallo di mano in area di rigore non visto dall'arbitro nel match contro il Colonia di Bundesliga 1987-1988. Ordenewitz spiegò che avrebbe fatto la stessa cosa nuovamente in quanto questo gesto era in linea con la sua concezione di sportività.[2]
Spettatori al torneo di Calcio dei XXIV Giochi Olimpici
1989 Trinidad e Tobago Tifosi di Trinidad e Tobago Per il loro comportamento al termine della sconfitta contro gli USA: un pareggio nell'ultima giornata del Campionato CONCACAF 1989 avrebbe significato una storica qualificazione ai mondiali di Italia 90.
1990 Inghilterra Gary Lineker Per i suoi 15 anni da calciatore professionista senza un cartellino giallo o rosso.
1991 Spagna Federazione calcistica della Spagna
Brasile Jorginho
1992 Belgio Federazione calcistica del Belgio
1993 Ungheria Nándor Hidegkuti
Zambia Federazione calcistica dello Zambia In memoria dei 18 giocatori della Nazionale di calcio dello Zambia, e del relativo staff, deceduti in un incidente aereo nel 1993 e per il conseguente sforzo per ricostruire da zero la nazionale, la quale successivamente andò vicinissima a qualificarsi per USA 94.
1994 Non assegnato
1995 Francia Jacques Glassmann Per aver denunciato, nel periodo di militanza al Valenciennes un tentativo di corruzione fatto a lui e ai suoi due compagni di squadra, Christophe Robert e Jorge Burruchaga, dal giocatore marsigliese Jean-Jacques Eydelie (compagno di squadra nel 1987-1988 al Tours) e dal dirigente Jean-Pierre Bernès.
1996 Liberia George Weah
1997 Irlanda Tifosi dell'Irlanda Per i loro comportamenti esemplari prima delle partite, specialmente in quella contro il Belgio negli spareggi di qualificazione al Mondiale di Francia 1998.
Slovacchia Jozef Zovinec Per i suoi 60 anni di calcio a livello amatoriale senza un cartellino giallo.
Stati Uniti Julie Foudy Per i suoi sforzi contro lo sfruttamento del lavoro minorile.
1998 Stati Uniti Federazione calcistica degli Stati Uniti d'America Per la sportività dei rispettivi paesi durante il Campionato mondiale di calcio 1998 in cui le due nazionali si sono sfidate, nonostante le tensioni politiche in quel periodo.
Iran Federazione calcistica dell'Iran
Irlanda del Nord Federazione calcistica dell'Irlanda del Nord
1999 Nuova Zelanda Comunità calcistica della Nuova Zelanda
2000 Sudafrica Lucas Radebe Per il suo lavoro contro il razzismo.
2001 Italia Paolo Di Canio Ai tempi del West Ham, per aver volontariamente preso il pallone con le mani interrompendo l'azione in quanto il portiere avversario Paul Gerrard dell'Everton era a terra infortunato.
2002 Giappone Comunità calcistica del Giappone Per aver dimostrato spirito di fratellanza e sportività nell'organizzazione del Campionato mondiale di calcio 2002
Corea del Sud Comunità calcistica della Corea del Sud
2003 Scozia Tifosi del Celtic Football Club Per il loro comportamento esemplare al termine della sconfitta nella finale di Coppa UEFA 2002-2003
2004 Brasile Federazione calcistica del Brasile
2005 Perù Comunità calcistica di Iquitos Per il loro pieno sostegno nell'organizzazione del Campionato mondiale di calcio Under-17 2005, per il loro comportamento esemplare verso tutte le squadre partecipanti e il loro incredibile contributo al calcio.
2006 Tifosi del mondiale 2006 In riconoscimento del sostegno del club per le cause umanitarie e programmi di sviluppo a favore dei bambini di tutto il mondo.
2007 Spagna Futbol Club Barcelona
2008 Turchia Federazione calcistica della Turchia Per aver rispettivamente incoraggiato i propri Paesi al dialogo, in quanto ufficialmente non esistevano relazioni internazionali tra essi.[3]
Armenia Federazione calcistica dell'Armenia
2009 Inghilterra Bobby Robson Insignito postumo per le "qualità signorili che mostrò durante tutta la sua carriera da giocatore e da allenatore"[4]
2010 Haiti Nazionale Under-17 di calcio femminile di Haiti Per essere andati avanti coraggiosamente "nonostante il peggior tipo di sofferenza, perdita e dolore dopo il devastante Terremoto di Haiti del 2010[5]
2011 Giappone Federazione calcistica del Giappone Per aver dovuto sopportare i molti disagi a seguito del terremoto che ha colpito il loro paese nel marzo 2011, e durante la quale molte persone hanno perso la vita. La squadra ha dimostrato grande coraggio nell'arrivare alla finale di Coppa del Mondo femminile del 2011.
2012 Uzbekistan Federazione calcistica dell'Uzbekistan Per il fair play mostrato dalle squadre nazionali uzbeke e dalle squadre di club locali che hanno partecipato alle competizioni della confederazione asiatica.
2013 Afghanistan Federazione calcistica dell'Afghanistan Per "la dedizione e il duro lavoro per sviluppare il calcio a livello di base" e "per aver costruito le basi per il gioco, organizzando un campionato nazionale in mezzo alla violenza e alla distruzione"[6].
2014 Volontari della Coppa del Mondo 2014 Per "aver speso il loro tempo e la loro energia per aiutare la FIFA ad organizzare la miglior Coppa del Mondo possibile, per aver portato entusiasmo e calore al torneo e averlo reso speciale e senza queste persone la FIFA non sarebbe stata capace di organizzare i suoi eventi in tutto il mondo" [7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dundee Utd reach the UEFA Cup Final 1987. URL consultato il 26 dicembre 2014.
  2. ^ The FIFA Fair Play Award for 1988 has been awarded.... URL consultato il 26 dicembre 2014.
  3. ^ Fair Play for Armenia, Turkey. URL consultato il 26 dicembre 2014.
  4. ^ Fair Play Award honours Robson. URL consultato il 26 dicembre 2014.
  5. ^ Haiti’s standard bearers show the way. URL consultato il 26 dicembre 2014.
  6. ^ FIFA Awards Afghanistan 'Fair Play Award For 2013'. URL consultato il 26 dicembre 2014.
  7. ^ FIFA Fair Play winner: FIFA tournament volunteers. URL consultato il 13 gennaio 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Calcio