Jean-Jacques Eydelie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jean-Jacques Eydelie
Jean-Jacques Eydelie.jpg
Dati biografici
Nazionalità Francia Francia
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Squadra Angouleme Angoulême
Ritirato 2003 - giocatore
Carriera
Giovanili
Nantes Nantes
Squadre di club1
1984-1992 Nantes Nantes 132 (5)
1986-1987 Laval Laval 17 (0)
1987-1988 Tours Tours  ? (?)
1992-1993 O. Marsiglia O. Marsiglia 27 (0)
1994-1995 Benfica Benfica  ? (?)
1995-1997 Bastia Bastia 53 (1)
1997-1999 Sion Sion 29 (1)
1998 Walsall Walsall 11 (0)
1999-2000 Zurigo Zurigo 22 (0)
2000-2001 Avranches 2 (0)
2001-2003 Stade Beaucarie 5 (0)
Carriera da allenatore
2006-2007 Limoges Limoges
2009 Angouleme Angoulême
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 1 maggio 2010

Jean-Jacques Eydelie (Angoulême, 3 febbraio 1966) è un allenatore di calcio ed ex calciatore francese.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Calciatore[modifica | modifica sorgente]

Cresciuto nelle giovanili del Nantes, debuttò in prima squadra nell'annata 1984-1985 e, ad eccezione del biennio 1986-1988, giocò sempre nella formazione giallo-verde.

Nell'estate 1992 passò all'Olympique Marsiglia, con cui vinse la Coppa dei Campioni battendo in finale il Milan per 1-0. La squadra marsigliese si vide poi revocare il titolo di Campione di Francia a causa dell'Affaire VA-OM che costò al club transalpino, oltre alla perdita dello Scudetto, la retrocessione in Division 2 per illecito sportivo.

In merito a quella vicenda Eydelie, dopo aver ripetuto più volte di essere innocente, confessò di aver pagato 250.000 Franchi ad alcuni giocatori del Valenciennes affinché lasciassero vincere l'OM. Confessò inoltre di non aver agito da solo, ma di essere stato aiutato dal dirigente marsigliese Jean-Pierre Bernès e dalla moglie del giocatore Christophe Robert[1].

In seguito venne squalificato per 1 anno da tutte le competizioni organizzate dalla FIFA e dall'UEFA[2] e venne condannato ad un anno di galera con l'accusa di corruzione.

Dopo aver lasciato Marsiglia giocò un anno in Portogallo con il Benfica per poi tornare in patria e disputare stagioni nel Bastia (1995-1997), nell'Avranches (2000-2002) e nel Beaucaire (2002-2003).

Inframmezzò le esperienze in queste squadre con stagioni giocate in Inghilterra con il Walsall e in Svizzera con le maglie del Sion e dello Zurigo.

Dopo il ritiro[modifica | modifica sorgente]

All'inizio del 2006, presentando il libro autobiografico Je ne joue plus! (Non gioco più!), affermò che nella finale contro il Milan tutta la squadra francese era dopata e che il risultato della partita era stato concordato in cambio di una certa somma di denaro.

Il libro però era pieno di contraddizioni, in quanto dichiarò inizialmente che "tutta la squadra era dopata", e in seguito che solo Rudi Völler non si sottopose al trattamento medico prima della gara, oltre a non fare i nomi dei prodotti[3].

Subito dopo le dichiarazioni di Eydelie è emerso che l'UEFA fece i controlli anti-doping, con esito negativo, ed arrivarono le smentite di Didier Deschamps, Marcel Desailly, Alen Bokšić e Rudi Völler[3].

Nella stagione 2006-2007 ha esordito come allenatore allenando la squadra del Limoges, nella Seconda serie del Campionato Amatori francese, e nel 2009 ha allenato l'Angouleme.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Olympique Marsiglia: 1992-1993

Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

Olympique Marsiglia: 1992-1993

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Eydelie confessa
  2. ^ Clamoroso in Francia: Marsiglia in B, Tapie fuori dal calcio, Bernes radiato
  3. ^ a b Galliani più scandaloso di Eydelie

Controllo di autorità VIAF: 32284531