Linfield Football Club

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Linfield
Calcio Football pictogram.svg
The Blues
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px Blu.png Blu
Dati societari
Città Belfast
Paese Regno Unito Regno Unito
Confederazione UEFA
Federazione Ulster banner.svg IFA
Campionato IFA Premiership
Fondazione 1886
Presidente Irlanda del Nord Jim Kerr
Allenatore Irlanda del Nord Warren Feeney (giocatore-allenatore)
Stadio Windsor Park
(24.734 (capacità di sicurezza 12.342) posti)
Sito web www.linfieldfc.com
Palmarès
Titoli nazionali 51 Campionati nordirlandesi
Trofei nazionali 42 Coppe nordirlandesi
9 Coppe di Lega nordirlandesi
3 IFA Charity Shield
22 City Cup
33 Gold Cup
42 County Antrim Shield
15 Ulster Cup
Trofei internazionali 1 Setanta Sports Cup

1 Blaxnit Cup

Si invita a seguire il modello di voce

Il Linfield Football & Athletic Club, spesso abbreviato semplicemente in Linfield e noto internazionalmente come Linfield FC, è una società calcistica semi professionistica nordirlandese con sede a Belfast. Disputa le partite casalinghe nella zona sud di Belfast, presso Windsor Park, sede anche delle partite della Nazionale di calcio.

Il Linfield è membro della IFA Premiership, lega calcistica dell'Irlanda del Nord seconda per antichità solo alla Football League inglese. I “blues”, come vengono soprannominati dai propri tifosi, sono la squadra che vanta più titoli nazionali (ben 51) mentre i trofei complessivi conquistati sono 218, in oltre 120 anni di storia: ciò le permetterebbe di essere la squadra più titolata al mondo ma, considerando il professionismo pieno, il primato spetta ai Rangers di Glasgow.

Insieme al Glentoran, al Cliftonville e al Lisburn Distillery, il Linfield ha preso parte a tutte le edizioni del campionato nordirlandese, a partire dal stagione 1890-1891, anno del primo trofeo giocato e vinto. Il principale avversario del Linfield è il Glentoran, che gioca le partite interne al The Oval, situato nella zona est di Belfast. Le due squadre sono note anche con il nome “The Big Two”.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Linfield fu fondato nel marzo del 1866 a Sandy Row, una comunità di operai protestanti del sud di Belfast, unionista e lealista, affiliata, specialmente durante il periodo noto come “The Toubles”, con i paramilitari dell’Ulster Defence Association (UDA) e con l’Orange Order. Fondato da operai dell’Ulster Spinning Company’s Linfield Mill, il club era inizialmente noto come Linfield Athletic Club e giocava le gare casalinghe al The Meadow, campo situato appena dietro la fabbrica. Nel 1899, il club si spostò nella Ulsterville Avenue, prima di stabilizzarsi definitivamente nel 1904 a Windsor Park, stadio che ha subito ospitato anche match internazionali. La prima partita giocata nel nuovo stadio fu proprio contro i rivali cittadini del Glentoran, il 2 settembre 1905, anche se a quel tempo la rivalità più accesa era quella contro il Belfast Celtic.

Roy Coyle, sulla panchina del Linfield dal 1975 al 1990, è il manager più vincente nella storia del club, con ben 31 trofei vinti. Alle sue spalle si posiziona David Jeffrey, attuale manager del Linfield, che dal 1997 ha collezionato 30 trofei vinti tra campionato e coppe.

L’ex capitano del Linfield, Noel Bailie, detiene un record straordinario con 1013 presenze con la maglia dei blues. Giocando sotto la guida di quattro diversi allenatori (da Roy Coyle a David Jeffrey, passando per Eric Bowyer prima e Travor Anderson poi) Bailie ha vinto 10 campionati e 7 coppe d’Irlanda, raggiungendo la millesima apparizione il 24 aprile 2010 in un match contro il Crusaders FC. Dopo il suo addio al calcio a 40 anni, la società ha deciso di ritirare la maglia numero 11 di Bailie, meraviglioso giocatore per la storia del Linfield.

Il 50º titolo, vinto il 26 aprile 2011 con un secco 4-0 sul Lisburn Distillery, ha reso il club il più titolato della storia del calcio nordirlandese. L’ultimo campionato è stato vinto il 28 aprile 2012, nonostante la sconfitta interna subita dagli eterni rivali del Glentoran all’ultima giornata.

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Windsor Park.

Il Linfield gioca le gare interne al Windsor Park, nel sud di Belfast. Venne aperto nel 1905 e ridisegnato dall’Architetto scozzese Archibald Leitch, famoso per aver progettato tra gli altri stadi come Ibrox Park, Hampden e Goodison Park. Lo stadio fu ultimato negli anni 30, non subendo più grandi variazioni nel corso degli anni. La tribuna dedicata al tifo organizzato è la Spion Kop mentre la capienza dello stadio, originariamente di 24.700 posti, è stata dimezzata a 12.300 per motivi di sicurezza. Durante le gare della nazionale di calcio nordirlandese la capienza viene aumentata con dei posti a sedere temporanei.

Il Linfield percepisce il 15% degli incassi come affitto per le partite della nazionale; questo è motivo di forti discussioni, dato che questi ricavi extra consentono al club di avere un tetto ingaggi superiore alle altre squadre della lega che, avendo un budget molto limitato, non possono permettersi di tesserare giocatori di classe superiore rispetto agli standard del calcio nordirlandese.

Windsor Park è attualmente in una fase di ristrutturazione massiccia per aumentarne sia la capacità sia la sicurezza, allineandosi così alle vigenti norme UEFA.

Settarismo e violenza[modifica | modifica wikitesto]

Il Linfield è etichettato come un club protestante, essendo stato fondato da operai protestanti in una zona di Belfast solitamente ostile ai cattolici. Inoltre, all’interno della società vige la regola non scritta di non tesserare giocatori cattolici o comunque non protestanti. Questo è ed è stato rispettato negli anni in maniera molto ferrea, eccezion fatta per alcuni giocatori cattolici che hanno giocato per poco nelle file del Linfield, durante il periodo passato alla storia come “The Troubles”. Quindi parliamo di settarismo, anche se è lo stesso manager David Jeffrey a proclamare il desiderio dei giocatori di indossare la “famous blue shirt”, senza alcun riferimento alla religione. Per i tifosi però non è così. L’episodio più recente risale a marzo 2012 in occasione della sentitissima sfida tra il Linfield e il Derry City, valida per il ritorno dei quarti di finale della Setanta Cup. La partita si è disputata al Brandywell Stadium di Londonderry, città del tristemente famoso Bloody Sunday. Durante la gara si è potuto assistere agli ormai consueti cori da stadio e canti anticattolici, contro l’IRA, il papa e gli scandali di pedofilia che hanno più volte interessato la Chiesa, ai quali i tifosi del Derry hanno risposto con canti a favore dell’IRA e altro ancora. La tensione all’interno dello stadio era alta al punto che, a fine gara, si è reso necessario l’intervento delle forze dell’ordine per impedire uno scontro che sembrava ormai inevitabile. Ma episodi ben più gravi sono successi in passato. Le tensioni settarie, maggiore causa dei conflitti durante le partite del campionato nordirlandese, raggiunsero il culmine in occasione del Boxing Day del 1948 disputatosi a Windsor Park tra Linfield e Belfast Celtic. La partita finì con l’invasione di campo seguita da uno scontro tra le due fazioni, nel quale l'attaccante protestante del Belfast Celtic, Jimmy Jones, ne uscì con una gamba rotta. L'anno successivo la lega prese una decisione radicale: bannare il Belfast Celtic da tutte le competizioni nordirlandesi, per sempre. Nel 1997, il match contro il Coleraine fu sospeso dopo che un tifoso scagliò due bottiglie sul terreno di gioco a seguito dell'espulsione di due giocatori del Linfield. Nel maggio del 2005 ci sono stati problemi di ordine pubblico a Dublino in occasione della finale di Setanta Cup tra Linfield e Shelbourne. Nello stesso mese ai tifosi del Linfield è stata vietata la trasferta al The Oval per la sfida contro il Glentoran, perché il mese prima duri scontri avevano coinvolto entrambe le tifoserie. Nel 2008, tre sostenitori dei blues furono arrestati a Dublino, con l'accusa di reati contro l’ordine pubblico durante il match di Setanta Cup contro il St. Patrick’s Athletic. Nel maggio dello stesso anno, Conor Hagan, giocatore del Linfield, fu colpito da un razzo lanciato dalla tribuna dei sostenitori del Cliftonville, mentre pochi giorni dopo è stato ancora l’intervento della polizia a sedare una rivolta in occasione del Boxing Day contro il solito Glentoran.

Cultura, identità, religione, politica, ma anche la complessa storia d’Irlanda ha reso forte ed aspra la rivalità tra il Linfield e le altre squadre dell’isola; rivalità che sconfina molte volte in atti di violenza che vanno al di là del risultato sportivo e della partita giocata sul campo. In questo senso sono stati fatti dei notevoli passi avanti da parte del club, il quale sta collaborando con la IFA in una campagna promossa dalla stessa federazione chiamata “Give Sectarianism The Boot” (Diamo Un Calcio Al Settarismo). Nel 2006, anche il presidente della FIFA Sepp Blatter, si è congratulato con il Linfield per il suo impegno profuso contro il razzismo.

Record europei[modifica | modifica wikitesto]

Il Linfield partecipa regolarmente ai preliminari delle maggiori competizioni europee, piazzandosi sempre al primo o al secondo posto e anche al terzo posto del campionato nordirlandese. Nonostante questo non si è mai qualificata alla fase a gironi della nuova Champions League. Il risultato di maggior successo ottenuto dal Linfield è stato nell’edizione 1966-67 della vecchia Coppa Campioni, dove il club è arrivato fino ai quarti di finale eliminato dal PFC CSKA Sofia in virtù del 2-2 casalingo e della sconfitta per 1-0 in Bulgaria. Durante questa edizione l'attaccante del Linfield Arthur Thomas si piazzò al secondo posto della classifica cannonieri con 5 reti segnate, alle spalle di Paul van Himst dell’Anderlecht. Nell’edizione del 1984-85, dopo aver passato il primo turno contro lo Shamrock Rovers, il Linfield esce al secondo, eliminato dai greci del Panathinaikos. Nel 1987-88, la partita giocata tra le mura amiche contro il Lillestrøm fu macchiata dal lancio di un razzo dalla tribuna, così che il Linfield dovette giocare le due successive gare interne in campo europeo a Wrexham, in Galles. Nell’edizione del 1993-94, il Linfield esce al primo turno contro la Dinamo Tiblisi vedendosi poi ripescata a causa dell’espulsione dal torneo della squadra georgiana, per illeciti sportivi; affronta così il Copenhagen. Il passaggio del turno sembrava ormai ipotecato con la vittoria per 3-0 al Windsor Park, ma al ritorno in Danimarca, i blues persero clamorosamente per 4-0.

Statistiche competizioni europee[modifica | modifica wikitesto]

Competizione Turno Avversario Casa Trasferta Totale
Coppa dei Campioni 1959-1960 PR Svezia Göteborg 2–1 1–6 3–7
Coppa dei Campioni 1961-1962 PR Germania Est Vorwärts Berlin = 0–3 0–3
Coppa dei Campioni 1962-1963 1R Danimarca Esbjerg 1–2 0–0 1–2
Coppa delle Coppe 1963-1964 2R Turchia Fenerbahçe SK 2–0 1–4 3–4
Coppa dei Campioni 1966-1967 1R Lussemburgo Aris 6–1 3–3 9–4
2R Norvegia Vålerengen 1–1 4–1 5–2
QF Bulgaria CSKA Red Flag 2–2 0–1 2–3
Coppa delle Fiere 1967-1968 1R Germania Est Lokomotive Leipzig 1–0 1–5 2–5
Coppa delle Fiere 1968-1969 1R Portogallo Vitória de Setúbal 1–3 0–3 1–6
Coppa dei Campioni 1969-1970 1R Jugoslavia Stella Rossa Belgrado 2–4 0–8 2–12
Coppa delle Coppe 1970-1971 1R Inghilterra Manchester City 2–1 0–1 2–2 (regola gol trasferta)
Coppa dei Campioni 1971-1972 1R Belgio Standard Liège 2–3 0–2 2–5
Coppa dei Campioni 1975-1976 1R Paesi Bassi PSV Eindhoven 1–2 0–8 1–10
Coppa dei Campioni 1978-1979 1R Norvegia Lillestrøm 0–0 0–1 0–1
Coppa dei Campioni 1979-1980 PR Irlanda Dundalk 0–2 (regola gol trasferta) 1–1 1–3
Coppa dei Campioni 1980-1981 1R Francia Nantes 0–1 (regola gol trasferta) 0–2 0–3
Coppa UEFA 1981-1982 1R Belgio Beveren 0–5 0–3 0–8
Coppa dei Campioni 1982-1983 1R Albania 17 Nëntori 2–1 0–1 2–2 (regola gol trasferta)
Coppa dei Campioni 1983-1984 1R Portogallo Benfica 2–3 0–3 2–6
Coppa dei Campioni 1984-1985 1R Irlanda Shamrock Rovers 0–0 1–1 1–1 (regola gol trasferta)
2R Grecia Panathinaikos 3–3 1–2 4–5
Coppa dei Campioni 1985-1986 1R Svizzera Servette 2–2 1–2 3–4
Coppa dei Campioni 1986-1987 1R Norvegia Rosenborg 1–1 0–1 1–2
Coppa dei Campioni 1987-1988 1R Norvegia Lillestrøm 2–4 1–1 3–5
Coppa UEFA 1988-1989 1R Finlandia TPS 1–1 (regola gol trasferta) 0–0 1–1 (regola gol trasferta)
Coppa dei Campioni 1989-1990 1R URSS Dnipro Dnipropetrovsk 1–2 (regola gol trasferta) 0–1 1–3
UEFA Champions League 1993-1994 PR Georgia Dinamo Tbilisi 1–1 1–2 2–3 (regola gol trasferta)
1R Danimarca Copenhagen 3–0 0–4 3–4
Coppa UEFA 1994-1995 PR Islanda FH 3–1 0–1 3–2
1R Danimarca Odense 1–1 0–5 1–6
Coppa delle Coppe 1995-1996 QR Ucraina Shakhtar Donetsk 0–1 1–4 1–5
Coppa UEFA 1998-1999 1QR Cipro Omonia 5–3 1–5 6–8
Coppa UEFA 1999-2000 QR Georgia Lokomotivi Tbilisi 1–1 0–1 1–2
UEFA Champions League 2000-2001 1QR Finlandia Haka 2–1 0–1 2–2 (regola gol trasferta)
UEFA Champions League 2001-2002 1QR Georgia Torpedo Kutaisi 0–0 0–1 0–1
Coppa UEFA 2002-2003 QR Norvegia Stabæk 1–1 0–4 1–5
UEFA Champions League 2004-2005 1QR Finlandia HJK 0–1 0–1 0–2
Coppa UEFA 2005-2006 1QR Lettonia Ventspils 1–0 1–2 2–2 (regola gol trasferta)
2QR Svezia Halmstad 2–4 1–1 3–5
UEFA Champions League 2006-2007 1QR Slovenia Gorica 1–3 2–2 3–5
UEFA Champions League 2007-2008 1QR Svezia Elfsborg 0–0 0–1 0–1
UEFA Champions League 2008-2009 1QR Croazia Dinamo Zagreb 0–2 1–1 1–3
UEFA Europa League 2009-2010 1QR Danimarca Randers 0–3 0–4 0–7
UEFA Champions League 2010-2011 2QR Norvegia Rosenborg 0–0 0–2 0–2
UEFA Champions League 2011-2012 2QR Bielorussia BATE Borisov 1–1 0–2 1–3
UEFA Champions League 2012-2013 1QR Fær Øer B36 Tórshavn 0–0 0–0 0–0 (4–3 rigori)
2QR Cipro AEL Limassol 0–0 0–3 0–3
UEFA Europa League 2013-2014 1QR Fær Øer ÍF Fuglafjørður 3–0 2–0 5–0
2QR Grecia Skoda Xanthi 1–2 1–0 2–2
UEFA Europa League 2014-2015 1QR Fær Øer B36 Tórshavn 1–1 2–1 3–2
2QR Svezia AIK 1–0 0–2 1–2


The Blues Brothers[modifica | modifica wikitesto]

Nel Regno Unito, tre squadre sono conosciute con l’appellativo di “The Blues Brothers” e sono: i Rangers FC, il Linfield FC e il Chelsea FC, compagini che giocano rispettivamente in Scozia, Irlanda del Nord e in Inghilterra. Il termine “Blues Brothers” è facilmente riconducibile al colore blu delle magliette di queste squadre, ma non è tutto. Rangers, Linfield e Chelsea sono infatti tre club protestanti, quindi lealisti e a favore della regina d’Inghilterra. Durante i loro match si sente cantare spesso l’inno britannico “God Save the Queen” e le tribune del tifo organizzato sono ricche di vessilli e bandiere che ricordano il Regno Unito, l’Irlanda del Nord e la Scozia. Per portare un esempio di quanto i “Blues Brothers” siano legati alla regina, basti pensare che sopra la porta d’ingresso dello spogliatoio dei Rangers ad Ibrox Park, vi è un quadro raffigurante “the Queen” che i giocatori colpiscono con un colpetto prima di entrare in campo, in segno di buon auspicio. Il legame tra i tre club è molto forte, quindi, per motivi religiosi e politici.

Per la prima volta nella storia, al termine della stagione 2009-10, Rangers, Linfield e Chelsea vinsero rispettivamente i propri campionati, così da scatenare una festa infinita sia tra i giocatori sia soprattutto tra i tanti supporters delle tre squadre in blu.

Annualmente si giocano delle amichevoli tra queste squadre come Rangers-Chelsea, giocata il 28 luglio 2007 ad Ibrox Park, che ha visto la vittoria per 2-0 dei padroni di casa grazie alle reti segnate da Nacho Novo e Filip Sebo, e Linfield-Rangers, giocata il al Windsor Park il 16 luglio 2011 che ha visto ancora una volta i Gers di Glasgow vincere per 1-4.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

1890-1891, 1891-1892, 1892-1893, 1894-1895, 1897-1898, 1901-1902, 1903-1904, 1906-1907, 1907-1908, 1908-1909, 1910-1911, 1913-1914, 1921-1922, 1922-1923, 1929-1930, 1931-1932, 1933-1934, 1934-1935, 1948-1949, 1953-1954, 1954-1955, 1955-1956, 1958-1959, 1959-1960, 1960-1961, 1961-1962, 1965-1966, 1968-1969, 1970-1971, 1974-1975, 1977-1978, 1978-1979, 1979-1980, 1981-1982, 1982-1983, 1983-1984, 1984-1985, 1985-1986, 1986-1987, 1988-1989, 1992-1993, 1993-1994, 1999-2000, 2000-2001, 2003-2004, 2005-2006, 2006-2007, 2007-2008, 2009-2010, 2010-2011, 2011-2012
1890-1891, 1891-1892, 1892-1893, 1894-1895, 1897-1898, 1898-1899, 1901-1902, 1903-1904, 1911-1912, 1912-1913, 1914-1915, 1915-1916, 1918-1919, 1921-1922, 1922-1923, 1929-1930, 1930-1931, 1933-1934, 1935-1936, 1938-1939, 1941-1942, 1944-1945, 1945-1946, 1947-1948, 1949-1950, 1952-1953, 1959-1960, 1961-1962, 1962-1963, 1969-1970, 1977-1978, 1979-1980, 1981-1982, 1993-1994, 1994-1995, 2001-2002 2005-2006, 2006-2007, 2007-2008, 2009-2010, 2010-2011, 2011-2012
1986-1987, 1991-1992, 1993-1994, 1997-1998, 1998-1999, 1999-2000, 2001-2002, 2005-2006, 2007-2008
1993 (titolo condiviso), 1994, 2000
2005
1915-1916, 1917-1918
1942-1943, 1944-1945, 1945-1946
1890-1891, 1891-1892, 1892-1893, 1893-1894, 1894-1895, 1898-1899, 1902-1903, 1904-1905, 1912-1913, 1913-1914, 1914-1915, 1916-1917, 1917-1918, 1918-1919, 1921-1922, 1926-1927, 1927-1928, 1929-1930, 1932-1933, 1933-1934, 1934-1935, 1935-1936, 1937-1938
1898-1899, 1903-1904, 1905-1906, 1906-1907, 1907-1908, 1912-1913, 1913-1914, 1916-1917, 1921-1922, 1922-1923, 1927-1928, 1928-1929, 1929-1930, 1931-1932, 1932-1933, 1933-1934, 1934-1935, 1937-1938, 1941-1942, 1946-1947, 1948-1949, 1952-1953, 1954-1955, 1957-1958, 1958-1959, 1960-1961, 1961-1962, 1962-1963, 1965-1966, 1966-1967, 1972-1973, 1976-1977, 1980-1981, 1981-1982, 1982-1983, 1983-1984, 1994-1995, 1997-1998, 2000-2001, 2003-2004, 2004-2005, 2005-2006 , 2013-2014
1894-1895, 1897-1898, 1899-1900, 1900-1901, 1902-1903, 1903-1904, 1907-1908, 1909-1910, 1919-1920, 1921-1922, 1926-1927, 1928-1929, 1935-1936, 1937-1938, 1949-1950, 1951-1952, 1957-1958, 1958-1959, 1961-1962, 1963-1964, 1967-1968, 1973-1974
1915-1916, 1920-1921, 1921-1922, 1923-1924, 1926-1927, 1927-1928, 1928-1929, 1930-1931, 1935-1936, 1936-1937, 1942-1943, 1946-1947, 1948-1949, 1949-1950, 1950-1951, 1955-1956, 1957-1958, 1959-1960, 1961-1962, 1963-1964, 1965-1966, 1967-1968, 1968-1969, 1970-1971, 1971-1972, 1979-1980, 1981-1982, 1983-1984, 1984-1985, 1987-1988, 1988-1989, 1989-1990, 1996-1997
1948-1949, 1955-1956, 1956-1957, 1959-1960, 1961-1962, 1964-1965, 1967-1968, 1970-1971, 1971-1972, 1974-1975, 1977-1978, 1978-1979, 1979-1980, 1984-1985, 1992-1993
1993-1994, 1997-1998
1961-1962
1970-1971
1980-1981
1961-1962
1921-1922

Rosa 2014-2015[modifica | modifica wikitesto]

Rosa aggiornata al 12 giugno 2014.

N. Ruolo Giocatore
3 Inghilterra D Jamie Richards
4 Irlanda del Nord D Christopher Hegarty
5 Inghilterra D Mark Haughey
6 Inghilterra D Jimmy Callacher
7 Irlanda del Nord A Andrew Waterworth
8 Inghilterra C Stephen Lowry
9 Irlanda del Nord A Peter Thompson
10 Irlanda del Nord A Michael Carvill
12 Irlanda del Nord C Kirk Millar
14 Inghilterra C Aaron Burns
15 Irlanda del Nord D Sean Ward
16 Irlanda del Nord D Matthew Clarke
17 Irlanda del Nord A Sammy Morrow
N. Ruolo Giocatore
19 Irlanda del Nord P Ross Glendinning
21 Irlanda del Nord A Warren Feeney
22 Irlanda del Nord C Jamie Mulgrew
23 Irlanda del Nord D Reece Glendinning
24 Inghilterra A Conor McMenamin
25 Irlanda del Nord C Paul McElroy
26 Irlanda del Nord C Ivan Sproule
27 Inghilterra A Rodney Brown
28 Irlanda del Nord C Seanan Clucas
31 Irlanda del Nord D Niall Quinn
32 Inghilterra C Ross Clarke
33 Irlanda del Nord P Jonathan Tuffey
35 Inghilterra P Gareth Deane

Rose stagioni passate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio