Ernests Gulbis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ernests Gulbis
Flickr - Carine06 - Ernests Gulbis.jpg
Ernests Gulbis
Dati biografici
Nazionalità Lettonia Lettonia
Altezza 190 cm
Peso 85 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 194-157 (55,27%)
Titoli vinti 6
Miglior ranking 10° (9 giugno 2014)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 2T (2009, 2014)
Francia Roland Garros SF (2014)
Regno Unito Wimbledon 3T (2013)
Stati Uniti US Open 4T (2007)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 26-26
Titoli vinti 2
Miglior ranking 130° (23 novembre 2009)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open -
Francia Roland Garros -
Regno Unito Wimbledon 1T (2007)
Stati Uniti US Open -
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 14 luglio 2014

Ernests Gulbis (Riga, 30 agosto 1988) è un tennista lettone residente a Jurmala, in Lettonia.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Ha partecipato a qualche torneo juniores, poi è passato presto al professionismo allenato da Nikola Pilic. Fra i suoi maggiori successi, si ricorda la partecipazione agli ottavi agli US Open 2007 dove ha sconfitto il top-10 Tommy Robredo prima di perdere da Carlos Moyá (periodo in cui si ritrova tra i primi cento in graduatoria). Il 10 settembre 2007 ha raggiunto la posizione numero 46 a livello ATP.

Nel 2008 ha raggiunto i quarti di finale al Roland Garros, a Wimbledon invece è eliminato al secondo turno dal poi vincitore Rafael Nadal, riuscendo a togliergli un set, impresa riuscita solo allo svizzero Roger Federer per due volte durante la finale. Il 28 febbraio 2010 si aggiudica il primo titolo ATP a Delray Beach, sconfiggendo in finale il bombardiere croato Ivo Karlović.

Il 27 aprile dello stesso anno batte, al secondo turno degli Internazionali d'Italia, abbastanza sorprendentemente il n. 1 del mondo Roger Federer in tre set 2-6, 6-1, 7-5. Nel torneo romano Gulbis riesce ad arrivare fino alla semifinale in cui viene sconfitto in 2h 47' dallo spagnolo Rafael Nadal (n. 3 del mondo) con il punteggio di 6-4, 3-6, 6-4. Raggiunge in seguito anche i quarti di finale al Master 1000 di Madrid, superato in tre set tirati da Federer. Il 31 Luglio 2011 vince il torneo di Los Angeles: successo in finale su Mardy Fish (n. 9) con lo score di 5-7, 6-4, 6-4.

2013[modifica | modifica sorgente]

Ad inizio 2013, in seguito alla sconfitta nel torneo di Bergamo contro il polacco Przysiezny (6-4 7-6) Gulbis (che a fine 2012 era sprofondato addirittura alla posizione n.159 del Ranking) inizia a pensare di potersi ritirare dalle attività agonistiche; dopo quel match però Il 3 marzo 2013 torna a vincere un torneo, bissando il successo di tre anni prima, a Delray Beach, dopo aver sconfitto in semifinale il tedesco Tommy Haas, n. 19 del mondo, con il punteggio di 6-3 4-6 7-6(2), e in finale il francese Édouard Roger-Vasselin, con il punteggio di 7-6(3) 6-3.

Gioca molto bene ad Indian Wells dove viene sconfitto da Rafael Nadal 4-6, 6-4, 7-5 agli ottavi di finale e ripete la sua ottima prestazione due mesi dopo, a Roma, dove viene sconfitto sempre da Nadal agli ottavi di finale con il punteggio di 1-6, 7-5, 6-4; in entrambi i casi Nadal è stato il vincitore del torneo. Al torneo Master 1000 di Montreal raggiunge i quarti di finale, sconfiggendo il n. 2 del mondo e fresco vincitore di Wimbledon Andy Murray, con il netto punteggio di 6-4, 6-3.

Cede però nel match successivo a Milos Raonic in tre equilibrati set (7-6, 4-6, 6-4). Il 22 settembre 2013, sconfiggendo Guillermo Garcia-Lopez, ottiene il quarto titolo in carriera (secondo stagionale), il primo a San Pietroburgo, con il punteggio di 3-6, 6-4, 6-0. Chiude l'anno da n. 24 del mondo, ben 127 posizioni più in alto rispetto al 2012.

2014[modifica | modifica sorgente]

Inizia l'anno cedendo nei quarti di finale di Doha al futuro vincitore Nadal. Agli Australian Open non va oltre il secondo turno (sconfitta in tre set da Sam Querrey), mentre raggiunge la semifinale dell'ATP 500 di Rotterdam, prima di perdere da Berdych in due set. Vince il quinto titolo in carriera a Marsiglia dove sconfigge in finale Jo-Wilfried Tsonga con il punteggio di 7-65, 6-4. Il 24 maggio conquista il suo sesto titolo ATP superando in finale, a Nizza, Federico Delbonis in due set (6-1, 7-6). Agli Open di Francia 2014 sconfigge per la seconda volta in carriera lo svizzero Roger Federer in 5 set lottatissimi (6-7, 7-6, 6-2, 4-6, 6-3), tornando nei quarti di finale di un torneo dello Slam dopo sei anni, e proprio nei quarti annichilisce Tomáš Berdych in tre set (6-3, 6-2, 6-4) raggiungendo, per la prima volta, le semifinali in uno Slam. Nelle semifinali impatta contro Novak Đoković, pur vincendo un set, che lo sconfigge 6-3 6-3 3-6 6-3.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Gulbis ha nel servizio esplosivo e preciso, che gli permette di mettere a segno molti ace, e nel rovescio solido e potente le sue armi migliori; a questi due fondamentali accompagna una buona risposta al servizio - soprattutto di rovescio - e una buona manualità, grazie alla quale gioca spesso pregevoli palle corte e pallonetti. Un dritto occasionalmente incerto, una difesa a tratti claudicante e un carattere talvolta irrequieto e spesso incostante lo hanno tenuto a lungo lontano dalle zone alte della classifica: solo nel giugno 2014 si è assicurato l'ingresso nella top 10 con la semifinale raggiunta al Roland Garros.

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Singolare[modifica | modifica sorgente]

Vittorie (6)[modifica | modifica sorgente]

Legenda
Grande Slam (0)
ATP World Tour Finals (0)
ATP Masters 1000 (0)
ATP World Tour 500 (0)
ATP World Tour 250 (6)
Numero Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 28 febbraio 2010 Stati Uniti Delray Beach International Tennis Championships, Delray Beach Cemento Croazia Ivo Karlović 6-2, 6-3
2. 31 luglio 2011 Stati Uniti Farmers Classic, Los Angeles Cemento Stati Uniti Mardy Fish 5-7, 6-4, 6-4
3. 3 marzo 2013 Stati Uniti Delray Beach International Tennis Championships, Delray Beach Cemento Francia Édouard Roger-Vasselin 7-63, 6-3
4. 22 settembre 2013 Russia St. Petersburg Open, San Pietroburgo Cemento (i) Spagna Guillermo Garcia-Lopez 3-6, 6-4, 6-0
5. 23 febbraio 2014 Francia Open 13, Marsiglia Cemento (i) Francia Jo-Wilfried Tsonga 7-65, 6-4
6. 24 maggio 2014 Francia Open de Nice Côte d'Azur, Nizza Terra battuta Argentina Federico Delbonis 6-1, 7-65

Doppio[modifica | modifica sorgente]

Vittorie (2)[modifica | modifica sorgente]

Numero Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 14 aprile 2008 Stati Uniti U.S. Men's Clay Court Championships, Houston Terra battuta Germania Rainer Schüttler Uruguay Pablo Cuevas
Spagna Marcel Granollers
7-5 7-63
2. 18 luglio 2009 Stati Uniti Indianapolis Tennis Championships, Indianapolis Cemento Russia Dmitrij Tursunov Australia Ashley Fisher
Australia Jordan Kerr
6-4 3-6 [11-9]

Risultati in progressione[modifica | modifica sorgente]

Torneo 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 Carriera V-S
Tornei Grande Slam
Australia Australian Open, Melbourne A A LQ 1T 2T 1T 1T 1T A 2T 2–6
Francia Roland Garros, Parigi A A 2T QF 2T 1T 1T 1T 2T SF 12–8
Regno Unito Wimbledon, Londra A A 1T 2T 2T A 1T 2T 3T 2T 6–7
Stati Uniti US Open, New York A LQ 4T 2T 1T 1T 2T 2T 1T 6–7
Vittorie-Sconfitte 0–0 0–0 4–3 6–4 3–4 0–3 1–4 2-4 3-3 7-3 26–28
ATP World Tour Finals
Regno Unito ATP World Tour Finals, Londra A A A A A A A A A 0–0
ATP Masters 1000
Stati Uniti Indian Wells A A A 2T 2T 2T 3T 1T 4T QF 11–7
Stati Uniti Miami A A A 2T 1T A 2T 1T A 2T 2–5
Monaco Monte-Carlo A A A A 1T 2T 2T A 2T 1T 3–5
Italia Roma A A A A 2T SF A A 3T 3T 9-4
Spagna Madrid A A A 2T 1T QF A A A QF 7-4
Canada Montreal/Toronto A A 1T 1T LQ 2T 3T A QF 6–5
Stati Uniti Cincinnati A A A QF LQ 3T 1T A 1T 5-4
Cina Shanghai NMS 1T 1T 1T A A 0–3
Francia Parigi A A A A LQ 3T A A 1T 3–2
Vittorie-Sconfitte 0–0 0–0 0–1 6–5 2–6 12–7 4–6 0-2 9-6 46–39
Giochi Olimpici
Giochi Olimpici ND 1T ND A ND 0–1
Statistiche Carriera
Finali ATP World Tour 0 0 0 0 0 1 1 0 2 4
Tornei ATP vinti 0 0 0 0 0 1 1 0 2 4
Vittorie-Sconfitte 0–2 4–2 10–14 24–22 20–26 31–20 18–22 17-18 37-18 161-144
Ranking di fine anno 451 141 61 53 90 24 61 136 24 N/A
Sigla Risultato
V Vincitore
F Finalista
SF Semifinalista
QF Quarti di Finale
4T Quarto turno
3T Terzo turno
2T Secondo turno
1T Primo turno
RR Round Robin (World Finals)
LQ Turno di Qualifica
ND Non tenutosi
A Assente
Legenda superfici
Cemento
Terra battuta
Erba

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]