Ennio Antonelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'attore omonimo, vedi Ennio Antonelli (attore).
Ennio Antonelli
cardinale di Santa Romana Chiesa
Cardinal Ennio Antonelli.jpg
Coat of arms of Ennio Antonelli.svg
Voluntas Dei pax nostra
Titolo Cardinale presbitero di Sant'Andrea delle Fratte
Incarichi attuali Presidente emerito del Pontificio Consiglio per la Famiglia
Nato 18 novembre 1936 (1936-11-18) (77 anni)

a Todi

Ordinato presbitero 2 aprile 1960 dall'arcivescovo Ilario Alcini
Consacrato vescovo 29 agosto 1982 dal vescovo Decio Lucio Grandoni
Elevato arcivescovo 6 ottobre 1988
Creato cardinale 21 ottobre 2003 da papa Giovanni Paolo II

Ennio Antonelli (Todi, 18 novembre 1936) è un cardinale e arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Frequenta il ginnasio nel Seminario vescovile di Todi, quindi il liceo nel Seminario regionale di Assisi.

Studia filosofia e teologia alla Pontificia Università Lateranense. Viene ordinato presbitero nel 1960 per la diocesi di Todi. È assistente ecclesiastico dell'Associazione Maestri Cattolici, del Movimento Maestri di Azione Cattolica e del Gruppo Laureati di Azione Cattolica, quindi rettore del Seminario.

Si laurea in lettere classiche all'Università di Perugia. Insegna lettere e storia dell'arte, dal 1968 al 1983 nei licei, insegna in pari tempo teologia dogmatica all'Istituto Teologico di Assisi.

Nel 1982 è nominato vescovo di Gubbio, quindi promosso arcivescovo di Perugia-Città della Pieve (6 novembre 1988). In questo ruolo è anche presidente della Conferenza Episcopale Umbra. Viene nominato da papa Giovanni Paolo II segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana, nel 1995, confermato dal papa nella stessa carica nel 2000.

Il 21 marzo 2001 viene nominato arcivescovo metropolita di Firenze, il 21 ottobre 2003 è creato cardinale del titolo di Sant'Andrea delle Fratte.

Il 7 giugno 2008 viene nominato presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia. Rinuncia all'incarico, per raggiunti limiti d'età, il 26 giugno 2012, e gli succede l'arcivescovo Vincenzo Paglia.

È membro del Pontificio Consiglio per i Laici e del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali.

Attività[modifica | modifica sorgente]

Ha svolto un'intensa attività pastorale ed ha partecipato a numerosi convegni nazionali nei vari settori pastorali. Importante il suo contributo nella preparazione del Giubileo del 2000, con riferimento ai giovani, ad artisti e ai lavoratori.

Genealogia episcopale[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Santo Stefano Papa e Martire - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Santo Stefano Papa e Martire
— Firenze, 21 ottobre 2004
Predecessore Vescovo di Gubbio Successore BishopCoA PioM.svg
Cesare Pagani 25 maggio 1982 - 6 ottobre 1988 Pietro Bottaccioli
Predecessore Arcivescovo di Perugia-Città della Pieve Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Cesare Pagani 6 ottobre 1988 - 26 maggio 1995 Giuseppe Chiaretti
Predecessore Segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana Successore Mitra heráldica.svg
Dionigi Tettamanzi 26 maggio 1995 - 5 aprile 2001 Giuseppe Betori
Predecessore Arcivescovo di Firenze Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Silvano Piovanelli 21 marzo 2001 - 7 giugno 2008 Giuseppe Betori
Predecessore Cardinale presbitero di Sant'Andrea delle Fratte Successore CardinalCoA PioM.svg
Thomas Joseph Winning dal 21 ottobre 2003 in carica
Predecessore Presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia Successore Emblem Holy See.svg
Alfonso López Trujillo 7 giugno 2008 - 26 giugno 2012 Vincenzo Paglia

Controllo di autorità VIAF: 66406186 LCCN: nr2002028521