Alfonso López Trujillo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alfonso López Trujillo
cardinale di Santa Romana Chiesa
Juan Pablo II - S M de Medellin 5.jpg
Il cardinale Alfonso López Trujillo con papa Giovanni Paolo II, 5 luglio 1986
Escudo Alfonso Lopez Trujillo.svg
Veritas in Caritate
Incarichi ricoperti
Nato 8 novembre 1935, Villahermosa
Ordinato presbitero 13 novembre 1960
Nominato vescovo 25 febbraio 1971 da papa Paolo VI (poi beato)
Consacrato vescovo 25 marzo 1971 dall'arcivescovo Aníbal Muñoz Duque (poi cardinale)
Elevato arcivescovo 22 maggio 1978 da papa Paolo VI (poi beato)
Creato cardinale 2 febbraio 1983 da papa Giovanni Paolo II (poi santo)
Deceduto 19 aprile 2008, Roma

Alfonso López Trujillo (Villahermosa, 8 novembre 1935Roma, 19 aprile 2008) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico colombiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Formazione e ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Ancora giovane si trasferì a Bogotá e frequentò l'università. Lì entrò in seminario. Completò gli studi a Roma laureandosi in filosofia presso l'Angelicum. Poi ottenne un dottorato in filosofia all'Università San Tommaso d'Aquino.

Fu ordinato presbitero il 13 novembre 1960 e, dopo aver studiato altri due anni a Roma, tornò a Bogotà dove gli venne affidato l'incarico di insegnante di filosofia nel locale seminario per quattro anni. Nel 1968, organizzò il nuovo ufficio pastorale dell'arcidiocesi di Bogotá, e tra il 1970 e il 1972 fu vicario generale dell'arcidiocesi.

Ministero episcopale e cardinalato[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 febbraio 1971 papa Paolo VI lo nominò arcivescovo titolare di Boseta e arcivescovo ausiliare di Bogotá; ricevette l'ordinazione episcopale il 25 marzo seguente dalle mani dell'arcivescovo Aníbal Muñoz Duque (poi cardinale), coconsacranti il vescovo Eduardo Francisco Pironio (poi arcivescovo e cardinale) ed il vescovo Pablo Correa León.

Nel 1972 López Trujillo fu eletto segretario generale del consiglio episcopale latinoamericano, incarico che mantenne fino al 1984. Durante il suo segretariato, nel 1979 ci fu la terza conferenza generale dell'episcopato latinoamericano, alla quale partecipò papa Giovanni Paolo II; si tenne a Puebla de Zaragoza, in Messico.

Il 22 maggio 1978 papa Paolo VI lo nominò arcivescovo coadiutore di Medellín; succedette alla medesima sede il 2 giugno 1979. Tra il 1979 ed il 1983 fu presidente del CELAM e dal 1987 al 1990 fu presidente della conferenza episcopale colombiana.

Fu creato cardinale presbitero di Santa Prisca da Giovanni Paolo II nel concistoro del 2 febbraio 1983; a quel tempo era il cardinale più giovane del collegio cardinalizio, e lo rimase fino al 1991.

L'8 novembre 1990 venne nominato presidente del pontificio consiglio per la famiglia ed il 9 gennaio 1991 lasciò l'arcidiocesi di Medellín.

Fu promosso cardinale vescovo il 17 novembre 2001 con il titolo della sede suburbicaria di Frascati.

Partecipò, in qualità di cardinale elettore, al conclave del 2005, che portò all'elezione di papa Benedetto XVI.

Morì a Roma il 19 aprile 2008, all'età di 72 anni, dopo quattro settimane di ricovero dovuto a complicanze causate dal diabete.

Le esequie si sono tenute il 23 aprile alle ore 11 all'Altare della Cattedra della Basilica di San Pietro. La santa messa è stata celebrata dal cardinale Angelo Sodano, decano del Collegio Cardinalizio. Al termine, la liturgia esequiale è stata presieduta dal Santo Padre Benedetto XVI, il quale ha tenuto l'omelia e il rito dell'ultima commendatio e della valedictio.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Genealogia episcopale.

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Successione apostolica.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Balì Cavaliere di Gran Croce di Giustizia del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio (Casa di Borbone-Due Sicilie) - nastrino per uniforme ordinaria Balì Cavaliere di Gran Croce di Giustizia del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio (Casa di Borbone-Due Sicilie)
— [1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dal sito web del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo titolare di Boseta Successore BishopCoA PioM.svg
Manuel Jerónimo Yerena y Camarena 25 febbraio 1971 - 22 maggio 1978 Antonio Magnoni
Predecessore Segretario generale del Consiglio Episcopale Latinoamericano Successore Mitra heráldica.svg
Eduardo Francisco Pironio 1972 - 1979 Antonio Quarracino
Predecessore Arcivescovo metropolita di Medellín Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Tulio Botero Salazar, C.M. 2 giugno 1979 - 9 gennaio 1991 Héctor Rueda Hernández
Predecessore Presidente del Consiglio Episcopale Latinoamericano Successore Mitra heráldica.svg
Aloísio Leo Arlindo Lorscheider, O.F.M. 1979 - 1983 Antonio Quarracino
Predecessore Cardinale presbitero di Santa Prisca Successore CardinalCoA PioM.svg
Giovanni Benelli 2 febbraio 1983 - 17 novembre 2001 Justin Francis Rigali
Predecessore Presidente della Conferenza Episcopale della Colombia Successore Escudo Episcopado de Colombia.svg
Héctor Rueda Hernández 1987 - 1990 Pedro Rubiano Sáenz
Predecessore Presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia Successore Emblem Holy See.svg
Edouard Gagnon, P.S.S. 8 novembre 1990 - 19 aprile 2008 Ennio Antonelli
Predecessore Cardinale vescovo di Frascati Successore CardinalCoA PioM.svg
Paolo Bertoli 17 novembre 2001 - 19 aprile 2008 Tarcisio Bertone, S.D.B.
Controllo di autorità VIAF: (EN95267696 · LCCN: (ENn50066861 · ISNI: (EN0000 0001 2144 2172 · GND: (DE110566866 · BNF: (FRcb12057885k (data)