Edoardo Sylos Labini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Edoardo Sylos Labini (Pomezia, 4 dicembre 1971) è un attore e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore e autore di teatro, dove ha esordito nel 1995, al fianco di Alida Valli in Questa sera si recita a soggetto di Luigi Pirandello, regia di Giuseppe Patroni Griffi, cinema e televisione. Dopo aver calcato i palcoscenici dei più importanti teatri italiani deve la sua popolarità all'interpretazione di alcune fiction e soap opera di successo come Vivere, Incantesimo 9 e 10, Le tre rose di Eva e ancor prima nel 2001 alla campagna pubblicitaria di una nota marca di the, con il famoso spot tormentone Anto’, fa caldo, regia di Alessandro D'Alatri. Dal 1999 sperimenta un nuovo tipo di intrattenimento teatrale ribattezzato dalla critica Disco Teatro che prevede l'uso in scena di una consolle da dj con la quale l'attore interagisce arrampicandosi sui crepacci dei suoni e giocando con i ritmi dei piatti. Da questa esperienza nasce la collaborazione con il dj Antonello Aprea con il quale mette in scena gli spettacoli: "Rum e Vodka" dell'irlandese C.McPherson, "Donne, Velocità - Pericolo" sul Movimento Futurista di FT Marinetti, "Bang Bang" tratto da Sex,Drug,Rock roll di Bogosian, "Italo Balbo, Cavaliere del Cielo" per il centenario dell'Aeronautica Italiana, "Disco Risorgimento, una storia romantica" per il 150° dell'Unità d'Italia sulla figura di Giuseppe Mazzini, "Gabriele d'Annunzio, tra amori e battaglie" per il 150° della nascita del Vate con il patrocinio del Vittoriale degli Italiani. Nel 2008 è ideatore e direttore artistico del Festival Il Mito di Enea nel territorio di Pomezia - Pratica di Mare. Dal novembre 2012 è ideatore e curatore della pagina domenicale OFF "Gli artisti italiani che nessuno vi racconta" del quotidiano nazionale Il Giornale che dal 4 novembre 2013 è diventato un web magazine diretto dallo stesso Sylos Labini http://ilgiornaleoff.it/

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Iscritto alla nuova Forza Italia, il 24 marzo 2014 partecipa al Comitato di Presidenza del partito.[1]

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Teatrografia[2][modifica | modifica wikitesto]

  • 2013 - "Gabriele d'Annunzio, tra amori e battaglie" di E.Sylos Labini - F. Sala, regia F. Sala
  • 2012 - "Uno Sbagliato" di E. Sylos labini , regia Max Zanin
  • 2011 - "Disco Risorgimento, una storia romantica" di Sylos Labini-Gili, regia Alessandro D'Alatri
  • 2011 - "Italo Balbo cavaliere del cielo" di Sylos Labini-Sala, regia Francesco Sala
  • 2010 - "La meravigliosa avventura della Repubblica Romana" di e regia E. Sylos Labini
  • 2010 - "Disco Risorgimento" di e regia F. Gili
  • 2009 - "Bang Bang" di e regia E. Sylos Labini
  • 2008 - "I quaderni di Pomezia" di A. Pennacchi, regia E. Sylos Labini
  • 2008 - "Talem" di S. Belbel regia A. Iuorio
  • 2005 - "Donne - velocità, pericolo" di Sala-Pornaro - Sylos Labini, regia Sala – Pornaro
  • 2004 - "Il misantropo" di Molière, regia R. Guicciardini
  • 2003 - "Scritti Metropolitani" di e regia E. Sylos Labini
  • 2002 - "Pilato Sempre" di G.Albertazzi, regia A. Pugliese
  • 2002 - "Giulio Cesare" di W.Shakespeare, regia M. Panici
  • 2000 - "Liliom" di F. Molnar, regia M. Panici
  • 2000 - "Corpus Christi" di T. Mc Nally, regia E. La Manna
  • 2000 - "Antonio e Cleopatra" di W.Shakespeare, regia N. Bruschetta
  • 1999 - "La Signora omicidi" di W.Rose, regia G. Cairelli
  • 1999 - "Rum e vodka" di C.Mc Pherson, regia N. Zavagli
  • 1999 - "Nella città l’inferno" di D.Maraini, regia F. Tavassi
  • 1998 - "Le notti di Cabiria" di F.Fellini, regia S. Marconi
  • 1998 - "Scritti metropolitani per violino" di E. Sylos Labini, regia P. P. Sepe
  • 1997 - "E ballando ballando" di J.Penchenaut, regia G. Sepe
  • 1995 - "Questa sera si recita a soggetto" di L. Pirandello, regia G. Patroni Griffi

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Malgrado abbiano lo stesso cognome non è nipote dell'economista Paolo Sylos Labini essendoci solamente un rapporto molto indiretto risalente alla seconda metà del 1800 (il bisnonno di Edoardo Sylos Labini era cugino del padre dell’economista Paolo Sylos Labini).

Il 16 settembre 2011 ha sposato Luna Berlusconi, figlia di Paolo, il fratello di Silvio, da cui ha avuto il 17 gennaio 2012 la piccola Luce.[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ufficio di Presidenza: Berlusconi nomina il Comitato di Presidenza
  2. ^ EDOARDO SYLOS LABINI: Ricerca nelle Rubriche di Teatro.Org
  3. ^ Luna Berlusconi sposa Edoardo Sylos Labini - CityClub it

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]