Giusy Versace

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giusy Versace
Giuseppina Versace - 2013 IPC Athletics World Championships.jpg
Giusy Versace ai Mondiali paralimpici 2013.
Dati biografici
Nome Giuseppina Versace
Nazionalità Italia Italia
Atletica leggera paralimpica Athletics - Paralympic pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Velocità
Record
100 m T43 14"44 (2014)
200 m T43 29"74 (2013)
Società Flag of None.svg Atletica Vigevano
Statistiche aggiornate al 3 giugno 2014

Giuseppina Versace, detta Giusy (Reggio Calabria, 20 maggio 1977), è un'atleta paralimpica italiana.[1][2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Reggio Calabria, nel 1996 si trasferisce a Londra per quasi un anno e dal 1999 vive e lavora a Milano. Figlia di Alfredo Versace, cugino di Donatella Versace e Santo Versace, si occupa di moda fino a che all'età di 28 anni, nel 2005, ha un grave incidente stradale che le fa perdere entrambe le gambe.

Nel 2007 torna a guidare. Nel 2010 inizia a correre con delle protesi in carbonio diventando così la prima atleta donna della storia a correre con doppia amputazione agli arti inferiori. Nel 2011 fonda l'associazione Disabili No Limits Onlus di cui è tuttora presidente.

Per la FISPES corre con la società "Handy Sport" di Ragusa, mentre per la FIDAL è tesserata per l'Atletica Vigevano. Si allena allo stadio "Dante Merlo" di Vigevano, seguita da Andrea Giannini.

Nel giugno 2011 in Spagna, a Valencia, Giusy centra il minimo richiesto sui 100 m per le Paralimpiadi di Londra 2012 e il 12 maggio 2012 ai campionati italiani di Torino segna un nuovo record europeo correndo i 100 m in 15"50.

Nel 2013 scrive la sua prima autobiografia, Con la testa e con il cuore si va ovunque edita da Mondadori.

Nel frattempo Giusy raccoglie una serie di titoli e record italiani: titolo e record ai Campionati italiani indoor di Ancona (9"67) e titolo e record sui 100 e 200 metri ai Campionati italiani paralimpici outdoor di Grosseto 2013: 14"93 e 30"41. Il 6 giugno 2013 al Golden Gala Pietro Mennea di Roma sui 100 metri corre in 14"72 (nuovo primato italiano) e l'8 giugno a Hengelo (Paesi Bassi) i 200 metri in 29"74, abbattendo il muro dei 30 secondi.

Ai mondiali di Lione di fine luglio si ferma alle semifinali dei 100 metri. Qualche giorno dopo disputa la finale diretta dei 200 metri, classificandosi settima con 30"57.

Il 30 maggio 2014, ai Campionati italiani di Grosseto, Giusy Versace vince il suo ottavo e nono titolo italiano sui 100 e 200 metri, facendo segnare, nella prova più corta, il nuovo record italiano di categoria: 14"44.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rosanna Biffi, Giusy Versace: in pista per missione in Famiglia Cristiana, 18 agosto 2010. URL consultato il 2 gennaio 2012.
  2. ^ Riccardo Benotti, Il prima e il dopo di Giusy in Sir, 31 marzo 2013. URL consultato il 2 aprile 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]