Durata di una nota musicale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Parti di una nota:
1 - coda,
2 - gambo,
3 - testa.

Nella notazione musicale, il valore di una nota indica la durata relativa di una nota musicale. Il valore è indicato per mezzo di una simbologia grafica che modifica le parti di una nota: testa, gambo e coda. La coda viene più propriamente definita "cediglia" o "virgola".

Vi sono altresì simboli grafici che indicano il valore di una pausa.

Nomi e simboli[modifica | modifica sorgente]

Il valore di una nota non è il valore di una durata assoluta, ma è relativa alla durata delle altre note. Nella seguente tabella, ogni simbolo è esattamente il doppio della durata del simbolo sottostante.

In alcune terminologie (in uso specialmente in Germania e negli Stati Uniti), per indicare il valore di una nota si usa semplicemente la frazione: nota intera anziché semibreve, metà anziché minima, poi quarto, ottavo, sedicesimo, ecc.

Nota Pausa Nome italiano Nome britannico
Valore
Music-octwholenote.png Music-octwholerest.png Massima (in disuso) Maxima \frac{32}{4}
Music-quadwholenote.png Music-quadwholerest.png Lunga (in disuso) Longa \frac{16}{4}
Music-doublewholenote.png Music-alt-doublewholenote.png Music-doublewholerest.png Breve (rara) Breve \frac{8}{4}
Music-wholenote.png Music-wholerest.png Semibreve Semibreve \frac{4}{4}
Music-halfnote.png Music-halfrest.png Minima Minim \frac{2}{4}
Music-quarternote.png Music-quarterrest.png Semiminima Crotchet \frac{1}{4}
Music-eighthnote.png Music-eighthrest.png Croma Quaver \frac{1}{8}
Music-sixteenthnote.png Music-sixteenthrest.png Semicroma Semiquaver \frac{1}{16}
Music-thirtysecondnote.png Music-thirtysecondrest.png Biscroma Demisemiquaver \frac{1}{32}
Music-sixtyfourthnote.png Music-sixtyfourthrest.png Semibiscroma Hemidemisemiquaver \frac{1}{64}
Music-hundredtwentyeighthnote.png Music-hundredtwentyeighthrest.png Fusa (in disuso) Quasihemidemisemiquaver \frac{1}{128}
Semigarrapatea.png Silencio de semigarrapatea.png Semifusa (in disuso) Demisemihemidemisemiquaver \frac{1}{256}

[modifica | modifica sorgente]

Varianti nella notazione della breve

La breve può essere rappresentata in diverse differenti varianti, come mostrato qui a destra.

In alcuni casi la lunga può essere usata per indicare una nota particolarmente lunga, di durata indefinita, come alla fine di un pezzo.

Quando la nota possiede un gambo, questo può essere posizionato a destra e salire dalla testa della nota, oppure essere posizionato a sinistra e scendere dalla testa della nota, eccetto il caso della lunga e della massima. Nella maggioranza dei casi, per una questione di compattezza, il gambo si pone a destra se la nota si trova più in basso del rigo centrale, oppure a sinistra se si trova più in alto.

Quattro semicrome collegate tra loro

Quando due o più note che posseggono delle code si trovano in successione, vengono collegate tra loro da tante bande diritte quante sono le code.

Modificatori[modifica | modifica sorgente]

Una nota con il punto. Il suo valore è di 1/4 più 1/8.

Il valore di una nota musicale può essere ulteriormente aumentato posizionando uno, due o tre punti dopo della sua testa. Un punto aumenta la durata della nota della sua metà, il punto successivo ne aumenta la lunghezza della metà del punto precedente. Quindi:

WhiteNotehead.svg
StemOfNote.svg
Music-dot.svg
Music-dot.svg
Music-dot.svg
=
WhiteNotehead.svg
StemOfNote.svg
+
BlackNotehead.svg
StemOfNote.svg
+
BlackNotehead.svg
StemOfNote.svg
UpSingleFlag.svg
+
BlackNotehead.svg
StemOfNote.svg
UpSingleFlag.svg
UpSingleFlag.svg

Gruppi irregolari[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi gruppi irregolari.

Vi sono poi altri sistemi per rappresentare le note in terzi di tempo, in quinti od in sesti.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica