Controversie Chabad-Lubavitch

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Approfondimento

Questa voce esamina le controversie specifiche del movimento Chabad. Per un approfondimento storico e informativo della voce propria Chabad, vedi Chabad-Lubavitch.

Chabad-Lubavitch[1] è uno dei più grandi movimenti religiosi del giudaismo chassidico. Il movimento ha il suo centro principale nel quartiere di Crown Heights a Brooklyn. Chabad (חב"ד) è un acronimo ebraico di Chochmah, Binah, Da'at (in ebraico: חָכְמָה, בִּינָה, דַּעַת?) che significano Saggezza, Comprensione e Conoscenza.[2] Lubavitch è l'unica branca esistente di una famiglia di sette chassidiche conosciute un tempo collettivamente come Movimento Chabad: i nomi vengono ora usati in maniera intercambiabile. Un membro dello Chabad può venir chiamato sia "Chabadnik" (in ebraico: חב"דניק?) o anche "Lubavitcher" (in yiddish ליובאוויטשער).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Ritratto di Shneur Zalman di Liadi (1745-1812) fondatore di Chabad e autore delle opere filosofiche Tanya e Shulchan Aruch HaRav.

Fondato nel tardo XVIII secolo da Shneur Zalman di Liadi, Chabad-Lubavitch ha avuto sette capi religiosi, chiamati rebbe. Menachem Mendel Schneerson succedette a suo suocero, Yosef Yitzchok Schneersohn nel 1950, diventando il settimo leader del movimento, posizione che ha tenuto fino alla morte nel 1994.

Il fondatore, Rabbi Shneur Zalman fu arrestato due volte dai russi sotto false accuse. Sviluppò un sistema intellettuale e un approccio al giudaismo intesi a ribattere la critica che il Chassidismo fosse anti-intellettuale. Tramite un metodo parzialmente basato sulla Cabala, la filosofia Chabad fornisce un sistema per la comprensione divina.[3] La filosofia Chabad incorpora gl'insegnamenti della Kabbalah quale mezzo per gestire la propria vita e la propria psiche. Insegna che ogni aspetto del mondo esiste solo attraverso l'intervento divino. Usando un approccio intellettuale e profonde meditazioni, Chabad spiega come uno possa ottenere il controllo completo delle proprie inclinazioni.[3] Staccandosi dallo Chassidismo iniziale, la filosofia Chabad eleva la mente al di sopra delle emozioni.[4]

Questo movimento ha assunto preminenza internazionale sotto la direzione del settimo (e ultimo) Rebbe Lubavitcher, Rabbi Menachem Mendel Schneerson. La credenza che Schneerson sia il Messia e che ritornerà, o che persino non sia mai morto, ha creato frizioni e dibattiti tra la comunità Chabad. Dalla sua morte nel 1994, il movimento si è diviso in fazioni antagonistiche. La continua battaglia finanziaria tra le fazioni a partire dal 1995, come anche la contestazione della proprietà che è sede del quartier generale Chabad a Brooklyn, ha creato molteplici controversie.[5]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

  1. Conversione di Moshe Schneersohn
  2. Separazione Strashelye (dinastia chassidica)
  3. Controversia sull'Olocausto
  4. Messianismo Chabad
  5. Proprietà Weinstock
  6. Controversie locali (per nazione)
  7. Controllo di 770 Eastern Parkway

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ - anche Chabad, Habad o Lubavitch
  2. ^ Informazioni su Chabad-Lubavitch a Chabad.org
  3. ^ a b Stroll, Avrum, Encyclopedia Judaica, seconda ed., Vol. 18 pp. 503-505 (ISBN 00286-59287).
  4. ^ Weiner, Hebert, 9 1/2 Mystics (ISBN 00206-81607).
  5. ^ "Lawsuit over Chabad Building Puts Rebbe's Living Legacy on Trial", The Jewish Daily Forward, Nathaniel Popper, 16 marzo 2007

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]