19 Kislev

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

La data ebraica 19 Kislev (in ebraico: י"ט כסלו?) si riferisce al 19º giorno del mese ebraico di Kislev.[1]

Festival della liberazione di Rabbi Shneur Zalman[modifica | modifica sorgente]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Questa data ha un significato importante per il movimento chassidico. Rabbi[2] Shneur Zalman di Liadi (in ebraico: שניאור זלמן מליאדי?), primo Rebbe[2] di Chabad (noto anche come "Alter Rebbe" in Yiddish) fu denunciato ingiustamente da un certo Avigdor e arrestato con accuse menzognere di aver sostenuto l'Impero Ottomano. I suoi accusatori evidenziarono il fatto che avesse esortato i suoi seguaci ad inviare denaro alla Terra di Israele, come "prova" delle sue presunte aspirazioni insurrezionali (in realtà il denaro era stato inviato per sostenere gli ebrei poveri e indigenti). In quel periodo la Terra di Israele faceva parte dell'Impero Ottomano, che era in guerra con la Russia. Rabbi Shneur Zalman fu imputato di tradimento e imprigionato ma successivamente rilasciato nell'anno secolare 1798, nella data ebraica di Martedì 19 Kislev. I 53 giorni di prigionia di Rabbi Shneur Zalman si dice corrispondano ai 53 capitoli della prima sezione del Tanya.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Kislev è il terzo mese del calendario ebraico, secondo la sequenza ordinaria. In ebraico: כסלב. Corrisponde al Dicembre del calendario gregoriano.
  2. ^ a b Rabbino in italiano viene indicato come Rebbe (רבי) in Yiddish che significa maestro, insegnante, o mentore e deriva dalla stessa parola in ebraico Rabbi, che è la sua forma originale in lingua ebraica, significante "mio maestro".

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Ebraismo Portale Ebraismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ebraismo