Ohel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Tomba di Rachele, sovrastata da un'ohel a cupola, come appariva nel 1910 ca.

Ohel (in ebraico: אוהל?; plur. ohalim, lett. "tenda") si riferisce sia ad una ordinaria tenda o una abitazione, sia ad una struttura costruita sopra una tomba quale segno di prominenza e importanza della persona lì sotto sepolta. Nello specifico attualmente Ohel è un tempio religioso a Queens, New York, meta di pellegrinaggio annuale di migliaia di ebrei. Vi sono sepolti il Rebbe[1], Rabbi Menachem Mendel Schneerson e suo suocero Rabbi Yosef Yitzchok Schneersohn (i due più recenti capi religiosi del movimento ebraico ortodosso chiamato Chabad-Lubavitch). Anche le tombe dei precedenti Rebbe di Chabad sono chiamate Ohel.

L'Ohel Chabad si trova al Cimitero Montefiore (sul Francis Lewis Boulevard) di Queens, a New York.

Breve storia[modifica | modifica sorgente]

Come abitazione[modifica | modifica sorgente]

La parola ohel viene citata diverse volte nel Tanakh contestualmente ad una abitazione; in particolare ci si siferisce alla tenda di Abramo, nella quale accoglieva viandanti (Genesi 18:2-8), o le tende nelle quali Giacobbe e le sue mogli vivevano e viaggiavano (Genesi 31:33).

Come casa di studio[modifica | modifica sorgente]

Sinagoga Ohel Jacob a Monaco di Baviera, 1891.

Ohel è anche sinonimo di una Beth Midrash, siccome la Torah descrive il patriarca Giacobbe quale "uomo semplice, che abitava in tende"[2] (Gen. 25:27)—che Rashi spiega riferirsi alle "tende di Shem e Eber" nelle quali Giacobbe studiò la Torah. Basata su questa interpretazione la parola ohel è ache usata per nominare una sinagoga, come la Sinagoga Ohel Rachel a Shanghai[3] e la Sinagoga Ohel Leah a Hong Kong.[4]

Come copertura di sepolcro[modifica | modifica sorgente]

Molti importanti rebbe chassidici e capi di comunità ebraiche sono sepolti in tombe sovrastate da strutture simili ad abitazioni, chiamate appunto ohel. Oltre all'ohel Chabad esistono quelli del Gaon di Vilna; di Rabbi Jonathan ben Uzziel (il suo sepolcro viene solitamente chiamato col nome del luogo ove si trova, "Amuka" - da Amuka appunto, in Israele); i rebbe della dinastia Sochatchov, Rabbi Avrohom Bornsztain e suo figlio Rabbi Shmuel Bornsztain; Rabbi Chaim Ozer Grodzinski, capo religioso degli ebrei dell'Europa orientale pre-bellica.

In Israele i profeti ebraici, i saggi talmudici e i principali capi religiosi sono sepolti sotto imponenti ohalim, come quello sopra la tomba di Rachele vicino a Bethlehem, l'ohel color turchese sopra la tomba del profeta Abacuc vicino a Pardes Hanna, e l'ohel che ricopre la tomba di Chaim Joseph David Azulai (detto il Chida) a Har HaMenuchot in Gerusalemme.

Come nome proprio[modifica | modifica sorgente]

Ohel è il nome del quarto figlio di Zorobabele; il suo nome viene citato nei Libri delle Cronache I, 3:20.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Rebbe (רבי) è una parola yiddish che significa maestro, insegnante o mentore e deriva dalla stessa parola in ebraico Rabbi, che è la forma originale in lingua ebraica di "rabbino", significante "mio maestro".
  2. ^ 'Beth Midrash (ebraico: בית מדרש; anche Beis Medrash, Beit Midrash, pl. batei midrash o botei medrash) è una sala di studio (letter. una "Casa [di] Interpretazione" o "Casa [di] Apprendimento" in ebraico). Differente dallasinagoga, sebbene molte sinagoghe vengano usate anche come batei midrash o viceversa.
  3. ^ "Storia ebraica di Shanghai" (EN)
  4. ^ "Ohel Leah Synagogue: Celebrating Our First Century (1902-2002)" (EN)

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]