Shmuel Schneersohn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Shmuel Schneersohn (in ebraico: שמואל שניאורסון?; Lyubavichi, 29 aprile 1834Lyubavichi, 14 settembre 1882) è stato un filosofo, mistico e religioso russo, oltreché mistico ebreo.

Rabbino ortodosso e quarto Rebbe (capo spirituale, in questo contesto) [1] del movimento religioso chassidico Chabad-Lubavitch.

Vita[modifica | modifica sorgente]

Schneersohn nacque a Lyubavichi (Lubavitch), il 2 Iyar 1834, settimo figlio dello Tzemach Tzedek. Si trovò a confrontarsi con la competizione di tre fratelli, principalmente quella di Rabbi Yehuda Leib Schneersohn[2] che fondò una dinastia a Kapust dopo la morte del padre. Anche altri fratelli stabilirono dinastie nelle cittadine russe di Liadi, Bobruisk, e Nezhin. Fece tutto il possibile per migliorare la situazione degli ebrei perseguitati.[3]

Nel 1848 Schneersohn si sposò con la figlia di suo fratello, Rabbi Chaim Shneur Zalman Schneersohn. Dopo alcuni mesi ella morì e Schneersohn sposò Rivkah, una nipote di Rabbi Dovber Schneuri, il Mitteler Rebbe.

Si racconta che Schneersohn avesse sempre a disposizione dei carri per l'evacuazione dei libri in caso d'incendio.[4]

Oltre al suo attivismo comunitario, Schneersohn ebbe vasti interessi intellettuali. Parlava diverse lingue straniere, incluso il latino.[5] Scrisse abbondantemente su numerosi temi religiosi e secolari ma molti dei suoi scritti non vennero mai pubblicati e rimangono ora solo in forma di manoscritto.[5] I suoi discorsi iniziarono ad esser pubblicati per la prima volta col titolo Likkutei Torat Shmuel nel 1945 da Kehot, e finora sono stati stampati 12 volumi.[5]

Ebbe quattro figli e due figlie, morì a Lyubavichi, il 13 Tishri 1882, e fu succeduto da suo figlio Sholom Dovber.[5]

Schneersohn esortò a studiare la kabbalah come prerequisito della propria umanità:

« Se una persona è in grado di comprendere i Seder hishtalshelus (segreti kabbalistici sulle più alte sfere spirituali) – e non lo fa – egli non può esser considerato un essere umano. In qualsiasi momento uno deve sapere dove si trova la propria anima. È una mitzvah (comandamento) e un obbligo conoscere i seder hishtalshelus.[6] »

Aforismi[modifica | modifica sorgente]

  • Il mondo dice: "Se non riesci a strisciare sotto, scavalca." Ma io dico: "Lechatchilah Ariber, sin dall'inizio, scavalca."[7]
  • Non puoi ingannare Dio: alla fine, non puoi nemmeno ingannare gli altri. L'unico che puoi ingannare è te stesso. E ingannare uno stupido non è una grande impresa.[8]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Rebbe (רבי) è una parola Yiddish che significa maestro, insegnante, o mentore e deriva dalla stessa parola in ebraico Rabbi, che è la forma originale in lingua ebraica di "rabbino", significante "mio maestro".
  2. ^ Vedi la pagina di Menachem Mendel Schneersohn (s.v. "Figli")
  3. ^ Sefer HaToldot Rav Shmuel, Admor Maharash, Glitzenstein, A. H.
  4. ^ The Messiah of Brooklyn: Understanding Lubavitch Hasidim Past and Present (Il messia di Brooklyn: capire i chassidim Lubavitch passati e presenti), M. Avrum Ehrlich, cap.16 nota 12, KTAV Publishing, ISBN 0881258369
  5. ^ a b c d Encyclopedia of Hasidism, entry: Schneersohn, Shmuel (Enciclopedia dello Chassidismo, voce: Schneersohn, Shmuel). Naftali Lowenthal. Aronson, Londra 1996. ISBN 1568211236
  6. ^ Sefer HaToldos Admur Maharash
  7. ^ Spiegazioni del Lubavitcher Rebbe
  8. ^ Antologia Nechama Greisman

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Controllo di autorità VIAF: 33288460