Controspionaggio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rotore di Enigma
Rotore di Enigma
Questa voce fa parte della serie
Intelligence
Voci principali
Voci correlate
Categoria:
Tecniche di intelligence

Il controspionaggio è l'attività d'intelligence per il contrasto allo spionaggio condotto da una fazione ostile all'interno dello Stato.

La attività di controspionaggio sono svolte non solo da organizzazioni governative verso servizi segreti di altri paesi, ma per reprimere organizzazioni criminali, o anche da privati per tutelare brevetti o altri segreti industriali dallo spionaggio industriale.

Compiti[modifica | modifica wikitesto]

Fra i compiti principali del controspionaggio vi sono anche:

  1. interrogare i disertori (agenti, funzionari, politici, militari, ...) provenienti da altri paesi per verificarne l'affidabilità. La storia dello spionaggio, infatti, annovera casi in cui un'agenzia di spionaggio ha inviato in campo avverso finti disertori che, svelando informazioni vere insieme a tante altre fasulle, hanno compiuto un'opera di disinformazione tale da compromettere l'operatività e l'efficacia di chi lo aveva accolto (ad esempio facendo credere ed indirizzando l'individuazione di traditori che in realtà non lo sono o, al contrario, convincendo che non vi sono traditori quando in realtà ne esistono). In alcuni casi il finto disertore è stato così abile nel guadagnare la fiducia degli avversari da disarticolarne pesantemente le attività;
  2. gestire agenti e funzionari stranieri che, pur non avendo disertato, forniscono informazioni sensibili per denaro o per motivi ideologici, verificando la veridicità di quanto appreso per svelare i casi di agente-doppio, cioè chi fa credere di lavorare per gli avversari mentre di fatti è ancora leale con i suoi. Questi agenti-doppi, per essere creduti, sono istruiti per fornire informazioni riservate ma facilmente verificabili per consentire agli avversari di accertarne l'autenticità, ma le rimanenti sono false ed architettate ad arte per disinformare e confondere;
  3. scoprire i traditori della propria fazione.
  4. smascherare e punire eventuali spie infiltrate all'interno del Paese.
  5. controllare e monitorare il personale straniero che svolge attività "sensibili" all'interno del Paese.

Organizzazioni preposte[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lista di servizi segreti.

Alcune nazioni hanno specifiche organizzazioni per svolgere questi compiti:

Decalogo del controspionaggio [1]
National Security Agency headquarters, Fort Meade, Maryland.jpg
Kw-26.jpg
CDAA Elmendorf AFB.PNG

I. Gioca d'attacco
II. Rispetta la tua professionalità
III. Domina il territorio
IV. Conosci la tua storia
V. Non ignorare l'analisi
VI. Non dilettarti nel dilettantismo
VII. Addestra il personale
VIII. Non farti mettere da parte
IX. Non fare questo mestiere troppo a lungo
X. Mai mollare applicando sempre e comunque il Protocollo

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Ten Commandments of Counterintelligence — Central Intelligence Agency, citato in Rapetto - Di Nunzio, L'atlante delle spie, pag. 26 — vedasi Bibliografia, infra.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra