Kubark Counterintelligence Interrogation

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Kubark Counterintelligence Interrogation è un manuale sulle tecniche di interrogatorio "pesanti", di diretta derivazione militare, rivolto ai funzionari e agli agenti della CIA (Central Intelligence Agency), elaborato a seguito degli esperimenti condotti nel progetto MKULTRA.

La parola Kubark è un criptonimo con cui la CIA designava sé stessa.[1]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il testo, del giugno 1963, è stato tenuto segreto fino al 24 gennaio 1997, quando è stato desecretato dalla NSA (National Security Agency) insieme ad un altro documento della CIA, lo Human Resource Exploitation Manual del 1983, per la cui realizzazione fu utilizzato in larga misura anche il "Kubark".

La divulgazione è stata possibile in seguito all’applicazione del Freedom of Information Act (FOIA), una legge degli Stati Uniti che obbliga il Governo a rendere noti i documenti ufficiali.

Contenuto e struttura[modifica | modifica sorgente]

Il Kubark Counterintelligence Interrogation è un rapporto di 126 pagine basato su ricerche e inchieste scientifiche condotte da specialisti (contiene un'approfondita bibliografia) e redatto per l’addestramento all’ottenimento di informazioni di intelligence utili e necessarie alla sicurezza nazionale.

Il manuale è strutturato in dieci parti nelle quali vengono analizzate le figure dell’interrogato e dell’interrogante, lo screening (indagine, verifica) e i preliminari all’interrogatorio, le tecniche di controspionaggio (CI - counterintelligence) non coercitive e quelle coercitive in caso di “fonti resistenti” (resistant sources). Lo studio inizia con la trattazione dell’interrogatorio in generale (parti I, II, III, IV, V, VI) e continua con l’interrogatorio di controspionaggio (VII) e dell’esame di fonti resistenti (VIII, IX, X).

Il testo è stato diffuso con numerose parole e righe censurate; sono presenti parole in codice, alcune delle quali svelate, come Kubark che indica la CIA, MKULTRA cioè un progetto segreto della CIA (terminato nel 1973) per realizzare esperimenti sul controllo della mente umana, odenvy che sarebbe l’FBI (Federal Bureau of Investigation).

Utilizzo[modifica | modifica sorgente]

Il manuale è stato usato dagli agenti della CIA, almeno fino alla stesura dello Human Resources Exploitation, negli interrogatori durante tutto il periodo di opposizione al blocco sovietico-comunista, in Vietnam e ancora nei primi anni ottanta del Novecento durante le operazioni in America Latina. Fu utilizzato presso la “The School of the Americas”, una sede di addestramento dell’esercito statunitense situata a Panamá dove i soldati venivano istruiti alle azioni militari sul campo e ai metodi per carpire al nemico informazioni utili. Tra gli allievi si annoverano alcuni tra i personaggi più sanguinari dell’America centro-meridionale, tra i quali Manuel Noriega e Omar Torrijos (Panamá), Leopoldo Galtieri e Roberto Eduardo Viola (Argentina), Hugo Banzer Suárez (Bolivia). Non è comunque da escludersi che gli insegnamenti di fondo e alcune delle tecniche presenti nel Kubark siano state usate dalla CIA e dalle forze armate durante le operazioni di intelligence e militari nelle quali gli Stati Uniti sono stati coinvolti più recentemente.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Prisoner Abuse: Patterns from the Past in National Security Archive Electronic Briefing Book No. 122. URL consultato il 5 settembre 2006.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]