Cima XII

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la Cima Dodici delle Dolomiti di Sesto, vedi Croda dei Toni.
Cima XII
CimaXII.jpg
La zona nord dell'altopiano con Cima XII (sulla destra)
Stato Italia Italia
Regione Veneto Veneto
Trentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige
Provincia Vicenza Vicenza
Trento Trento
Altezza 2.336 m s.l.m.
Catena Alpi
Coordinate 45°59′51″N 11°28′03″E / 45.9975°N 11.4675°E45.9975; 11.4675Coordinate: 45°59′51″N 11°28′03″E / 45.9975°N 11.4675°E45.9975; 11.4675
Altri nomi e significati Freyjoch, Cima Dodici, Ferozzo
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Cima XII
Mappa di localizzazione: Alpi
Dati SOIUSA
Grande Parte Alpi Orientali
Grande Settore Alpi Sud-orientali
Sezione Prealpi venete
Sottosezione Prealpi vicentine
Supergruppo Gruppo degli Altipiani
Gruppo Altopiano dei sette comuni
Sottogruppo Dorsale Cima Dodici-Ortigara
Codice II/C-32.I-A.3.b
« Nella pace del pianoro verde la guerra è una cosa lontana, con lontane nuvolette di scoppi su Cima Dodici »
(Paolo Monelli, Le scarpe al sole)

La Cima XII (Freyjoch in cimbro), nota anche col nome di Cima Dodici e Cima Ferozzo, è una montagna delle Alpi alta 2336 m. È la vetta più elevata della Provincia di Vicenza e delle Prealpi vicentine.

Localizzazione[modifica | modifica sorgente]

Di forma piramidale, si trova nella parte settentrionale dell'Altopiano dei Sette Comuni. La montagna segna il confine tra le province di Vicenza e di Trento. Sulla cima vi sono due croci: una lignea del C.A.I. Asiago ed una in ferro del C.A.I. di Borgo Valsugana. La croce lignea venne eretta nel 1947 dal CAI di Asiago in sostituzione di una più antica croce (sempre in legno) dislocata dal Consorzio dei Sette Comuni, la croce in tubi di ferro venne eretta invece dagli abitanti di Borgo nel 1973.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Il nome Cima XII le è stato dato dagli abitanti di Borgo Valsugana in quanto alle ore 12 proietta un cono d'ombra sul loro paese, appunto nella Valsugana trentina; mentre il suo antico nome, in parte ancora usato dagli abitanti dell'Altopiano di Asiago, Freyjoch, deve l'origine alla lingua parlata un tempo sull'Altopiano vicentino e alle credenze religiose dell'antico popolo cimbro che ivi vi abitava. Il termine cimbro è stato poi italianizzato in Ferozzo (a volte in "Feroce" o storpiature simili). L'etimo Frey-joch significa giogo di Frea (divinità scandinava a cui era stato dedicato il nome della montagna). Un tempo la montagna veniva inoltre chiamata Galmarara.

Principali vie d'accesso[modifica | modifica sorgente]

È raggiungibile da varie vie, molto impegnative le salite dalla Valsugana che richiedono l'ausilio di un'attrezzatura adeguata.
Dalla sommità della cima si può scorgere l'orizzonte di tutte le Alpi Orientali, dalle Dolomiti di Brenta alle Pale di San Martino:

« In certe giornate limpide di sole e pulite dal vento, da Cima XII o dal Castelnuovo si possono ammirare le Alpi dal Bernina alla Vetta d'Italia e, girando lo sguardo dalla parte opposta, il baluginare dell'Adriatico e, ancora più lontani, gli Appennini tosco-emiliani. »
(Mario Rigoni Stern, Stagioni)

Prima guerra mondiale[modifica | modifica sorgente]

Come tutto l'acrocoro altopianese, anche Cima XII è stata interessata da importantissimi eventi bellici durante la Prima guerra mondiale. Nei pressi della località Covolin si trovava uno dei 41 Cimiteri di guerra dell'Altopiano dei Sette Comuni.

Meridiana[modifica | modifica sorgente]

Assieme ad altre cime del bordo settentrionale dell'Altopiano, Cima XII funge da meridiana per gli abitanti della Valsugana. La meridiana funziona sempre grazie al sole, che proiettando le ombre delle cime fornisce una misura (seppur approssimativa) dell'ora.

Le cime che compongono la meridiana sono:

  • Cima Dieci (o Monte Castelnuovo), 2.215 m s.l.m.
  • Cima Undici (o Cima delle Pozze), 2.229 m s.l.m.
  • Cima Dodici (o Cima Ferozzo), 2.341 m s.l.m.

Tra parentesi i nomi derivanti da un'italianizzazione dei vecchi nomi in cimbro.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]


Bibliografia[modifica | modifica sorgente]