Carlo Luigi di Borbone-Spagna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Infante Carlo
Infante Carlo
Conte di Montemolin
Pretendente Carlista come Carlo VI
In carica 1845–1861
Predecessore Carlo V
Successore Giovanni III
Nome completo Carlos Luis
Nascita Madrid, Spagna, 31 gennaio 1818
Morte Trieste, Impero d'Austria, 31 gennaio 1861
Luogo di sepoltura Cattedrale di San Giusto, Trieste
Padre Infante Carlo, Conte di Molina
Madre Maria Francesca di Portogallo
Consorte Maria Carolina delle Due Sicilie

Infante Carlo Luigi di Borbone-Spagna, Conte di Montemolin (Madrid, 31 gennaio 1818Trieste, 13 gennaio 1861), fu il primogenito maschio del pretendente carlista Carlo Maria Isidoro di Borbone-Spagna e della sua prima moglie Maria Francesca di Braganza: all'abidicazione paterna nel 1845 prese il nome di Carlo VI.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

La seconda guerra carlista (1847-1849) fu combattuta durante il suo regno.

Il 10 luglio 1850 Carlo Luigi sposò Maria Carolina delle Due Sicilie, quinta figlia di Francesco I delle Due Sicilie e di Maria Isabella di Borbone-Spagna; non ebbero figli.

Nel 1860 lui e suo fratello l'Infante Don Ferdinando furono catturati a San Carlos de la Rápita, per poi essere liberati poco dopo.

L'anno successivo, improvvisamente ed inaspettatamente, Carlo Luigi, sua moglie Maria Carolina ed il fratello Ferdinando morirono, per ragioni tuttora oscure. Vennero sepolti a Trieste, nella cappella di San Carlo Borromeo nella Cattedrale di San Giusto. Suo successore fu il fratello minore Giovanni Carlo di Borbone-Spagna.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine del Toson d'oro (ramo spagnolo) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Toson d'oro (ramo spagnolo)
Gran Croce dell'Ordine di Carlo III - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine di Carlo III

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Pretendente al trono di Spagna Successore Flag of Cross of Burgundy.svg
Carlo V 1845-1861
Carlo VI
Secondo la Successione Carlista
Giovanni III