Caetano Prósperi Calil

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Caetano
Caetano-calil.jpg
Caetano Calil con la maglia del Crotone.
Dati biografici
Nome Caetano Prósperi Calil
Nazionalità Brasile Brasile
Altezza 184 cm
Peso 75 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista , Attaccante
Squadra Salernitana Salernitana
Carriera
Giovanili
1996-2002
2002-2003
San Paolo San Paolo
Corinthians Corinthians
Squadre di club1
2003-2004 Cruzeiro Cruzeiro 0 (0)
2004 Santos Santos 0 (0)
2005 Atletico-PR Atlético-PR 5 (2)
2005 Roma Apucarana Roma Apucarana 12 (8)
2006 Avai Avaí 30 (0)
2007 Ipatinga Ipatinga 12 (0)
2007-2008 Siena Siena 2 (0)
2008-2009 Crotone Crotone 22 (7)
2009-2011 Frosinone Frosinone 41 (4)
2011-2013 Crotone Crotone 78 (20)
2013-2014 Varese Varese 23 (2)
2014- Salernitana Salernitana 0 (0)
Nazionale
2001 Brasile Brasile U-17 10 (6)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 30 maggio 2014

Caetano Prósperi Calil (Guaxupé, 20 maggio 1984) è un calciatore brasiliano, centrocampista o attaccante della Salernitana.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Il suo ruolo naturale è seconda punta, però può giocare anche nel ruolo di trequartista.[1]

Il suo ruolo in campo è quello di trequartista ma può giocare anche come esterno alto, mentre fisicamente unisce una discreta prestanza ad una buona velocità.[2][3]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Di origine italiana, Calil comincia a giocare a calcio nelle giovanili del San Paolo, con cui raggiunge anche la convocazione nella selezione giovanile Under-17 della Nazionale brasiliana. È compagno di squadra di Kakà. I due si assomigliano per qualità e caratteristiche fisiche.[4] Con i verdeoro partecipa anche al Mondiale 2001 di categoria, segnando quattro reti in altrettante partite ma non superando, con i compagni, i quarti di finale del torneo.

Dopo aver segnato centotre reti nelle giovanili dei Tricolor fino al 2002, passa a giocare con quelle del Corinthians, per poi essere infine ingaggiato come professionista dal Cruzeiro la stagione successiva ed infine dal Santos nel 2004[2]. Qui però non trova spazio nella rosa dei titolari, così nel gennaio 2005 viene ceduto al Roma Apucarana, società partecipante al Campionato Paranaense 2005, dove comincia a giocare da professionista segnando otto reti in dodici presenze.

Successivamente, nel maggio dello stesso anno, Calil passa all'Atlético Paranaense, dove inizia il Campeonato Brasileiro Série A segnando due gol in cinque partite, prima che un grave infortunio lo costringa ad un lungo stop. Il club decide quindi di mandarlo in prestito nella Serie B brasiliana all'Avaí per la stagione successiva, per poi cederlo definitivamente, nel gennaio 2007, al Guaratinguetá, squadra partecipante al Campionato Paulista 2007. Non avendo qui molte possibilità di giocare, viene ceduto a metà maggio all'Ipatinga, nuovamente nella Serie B brasiliana[2].

Il 4 luglio viene poi annunciato l'acquisto di Calil da parte di Fiorentina e Siena in compartecipazione, sulla base della quale il giocatore militerà nella squadra bianconera nella stagione seguente[5]. L'esordio in Serie A avviene il 26 agosto 2007, quando il trequartista subentra a Enrico Chiesa nel secondo tempo della sconfitta casalinga della sua squadra per 1-2 contro la Sampdoria[6]; disputa poi un altro spezzone di partita contro il Cagliari.

Il 7 agosto 2008 il Crotone compra la metà del cartellino del giocatore dalla Fiorentina e si assicura le sue prestazioni per la stagione successiva, quando ottiene la promozione in Serie B.

Il 2 luglio 2009 il Frosinone di Francesco Moriero, che lo ha allenato al Crotone, acquista la metà del cartellino del giocatore dal Crotone. Il 6 settembre 2009 Calil segna due gol nella partita Lecce-Frosinone 1-3.

Nel gennaio 2011 fa definitivamente ritorno al Crotone, sua ex squadra, nell'operazione che ha portato ai ciociari Nicola Beati.

La stagione seguente in Serie B 2011-2012 realizza la sua miglior stagione da professionista segnando 17 volte (2 volte su rigore) contribuendo alla salvezza (anche se alla fine la squadra arriverà undicesima): grazie a questi risultati diventa inoltre oggetto di mercato insieme ai compagni Alessandro Florenzi e Denilson Gabionetta.

Il 1º luglio 2013 si svincola dal Crotone e viene ingaggiato dal Varese.[7]

Il 23 agosto 2014 firma un contratto biennale con la Salernitana.[8]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Statistiche aggiornate al 30 maggio 2014.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2006 Brasile Avaí B 30 0 - - - - - - - - - 30 0
2007 Brasile Ipatinga B 12 0 - - - - - - - - - 12 0
2007-2008 Italia Siena A 2 0 CI 0 0 - - - - 2 0
2008-2009 Italia Crotone PD 22 7 - - - - - - - 22 7
2009-2010 Italia Frosinone B 31 4 CI 1 0 - - - - 32 4
2010-gen. 2011 B 10 0 CI 2 1 - - - - 12 1
Totale Frosinone 41 4 3 1 0 0 44 5
gen.-giu. 2011 Italia Crotone B 15 1 CI - - - - - - 15 1
2011-2012 B 38 17 CI 2 0 - - - - 40 17
2012-2013 B 23 2 CI 2 1 - - - - 25 3
Totale Crotone 98 27 4 1 0 0 102 28
2013-2014 Italia Varese B 23 2 CI 2 0 - - - - - - 25 2
2014-2015 Italia Salernitana LP - - CI+CI-LP - - - - - - - - - -
Totale carriera 206 33 9 2 0 0 215 35

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Caetano Calil, transfermarkt.it, 23 agosto 2014.
  2. ^ a b c Caetano: uno sconosciuto dalla serie B brasiliana Violanews.com, 5 luglio 2007
  3. ^ Radiofiorentina.it Messina: "Caetano: esterno alto, si farà valere" Fiorentina.it, 5 luglio 2007
  4. ^ Caetano Calil, il "sosia" di Kakà che fa sognare Frosinone
  5. ^ ACF ufficializza acquisto di Caetano in comproprietà con il Siena, Fiorentina.it, 4 luglio 2007
  6. ^ Sampdoria vittoriosa a Siena con una prodezza di Montella, Repubblica.it, 26 agosto 2007
  7. ^ Mercato: Calil è biancorosso.
  8. ^ Caetano Calil è un giocatore della Salernitana, Ussalernitana1919.it, 23 agosto 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]