Zamalek Sporting Club

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Zamalek SC
Calcio Football pictogram.svg
Cavalieri bianchi, Castello bianco
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali 600px Horizontal White Red HEX-FF0000.svg Rosso, bianco
Dati societari
Città Giza, Il Cairo
Nazione Egitto Egitto
Confederazione CAF
Federazione Flag of Egypt.svg EFA
Campionato Egyptian Premier League
Fondazione 1911
Presidente Egitto Mortada Mansour
Allenatore Portogallo Jaime Pacheco
Stadio Internazionale del Cairo
(74100 posti)
Sito web www.elzamalek.org/
Palmarès
Titoli nazionali 12 Egyptian Premier League
Trofei nazionali 26 Coppe d'Egitto
4 Supercoppe d'Egitto
Trofei internazionali 5 CAF Champions League
1 Coppa delle Coppe CAF
1 Coppa della Confederazione CAF
4 Supercoppe africane
Si invita a seguire il modello di voce

Lo Zamalek Sporting Club (ar. نادي الزمالك Nādi az-Zamālik), noto anche come El-Zamalek, è una società polisportiva egiziana con sede a Giza, nell'area urbana della metropoli del Cairo, e nota principalmente per la sua sezione calcistica, che milita nella massima divisione del campionato nazionale dalla sua fondazione.

Fondato nel 1911 come Kasr El-Nil (dal nome della importante via del Cairo su cui fissò inizialmente la sua sede il club), il club prende nome dal quartiere di Zamalek, che sorge sull'isola di Gezira e nel quale si trovava la sede sociale prima di trasferirsi in quella attuale. I colori sociali sono il rosso e il bianco. La maglietta è bianca con due strisce rosse orizzontali. La squadra disputa le partite interne allo stadio internazionale del Cairo (74 100 spettatori) e vive una forte rivalità con i concittadini dell'Al-Ahly, con cui disputa il derby del Cairo.

Tra i più blasonati e prestigiosi club d'Africa, avendo vinto in patria 12 campionati e 26 coppe nazionali e in ambito internazionale cinque Champions League africane, tre Supercoppe d'Africa, una Coppa delle Coppe CAF, una Coppa della Confederazione CAF e due Coppe afro-asiatiche, per un totale di 10 trofei internazionali riconosciuti dalla CAF e FIFA, il secondo record d'Africa e il decimo a livello mondiale[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il club polisportivo nasce il 5 gennaio 1911, sotto l'occupazione britannica dell'Egitto|ccupazione britannica]], con il nome di Kasr-El Nil, dalla denominazione della importante via del Cairo su cui fissa inizialmente la propria sede. Il primo presidente è il belga Marzbach. L'obiettivo del sodalizio è promuovere la socializzazione di europei ed egiziani attraverso lo sport. Nel 1913 il sodalizio cambia nome in Moktalat e nel 1940 in Fārūq (in onore del sovrano d'Egitto Fārūq I. Dopo la rivoluzione egiziana del 1952 viene adottato il nome Zamalek, dal nome del quartiere del Cairo.

La sezione calcistica vede la luce nel 1913 e vince nel 1921 la Coppa del Sultano Hussein, competizione nata nel 1917 per contrappore squadre egiziane a squadre militari inglesi: è quella la prima vittoria egiziana nel torneo. Nel 1922 la squadra si aggiudica la prima edizione della Coppa d'Egitto battendo per 5-0 l'Al-Ittihad Al-Iskandary. Negli anni '30 la dirigenza del club decide per l'espulsione di tutti i membri stranieri. Dal 1957 al 1960 lo Zamalek vince ben quattro Coppe d'Egitto consecutive.

Negli anni '60 il club vive un periodo di gloria con le sue stelle, il sudanese Omar El Noor e lo yemenita Ali Mohsen. Negli anni '80 conosce un altro periodo di successi con in campo il ghanese Emanuel Kwarshi, affiancato da Ibrahim Youssef, mentre nei primi anni '90 le vittorie della squadra sono nel segno del nigeriano Emmanuel Amunike. La squadra si aggiudica il campionato nel 1960, 1964, 1965, 1978, 1984, 1988, 1992 e 1993 e la CAF Champions League nel 1984, 1986, 1993 e 1996.

Negli anni 2000, con i ritorni di Hossam Hassan e del fratello Ibrahim Hassan, la squadra torna a vincere, aggiudicandosi il campionato nel 2001, 2003 e 2004 e la quinta Coppa dei Campioni africana nel 2002. In questo periodo diviene il primo club a qualificarsi per il campionato mondiale per club FIFA, nell'edizione del 2001, che poi non si disputa. Nel febbraio 2003 diventa la prima compagine afro-asiatica a salire ai primi posti del ranking mondiale FIFA per squadre di club.

In seguito vive un decennio buio, prima di tornare a vincere il campionato nel 2015 e per la prima volta la Coppa della Confederazione CAF nel 2018-2019 e la Supercoppa africana nel 2020. Nel 2016 e nel 2019-2020 (contro i rivali concittadini dell'Al-Ahly) ha perso la finale della CAF Champions League.

Organico[modifica | modifica wikitesto]

Rosa 2020-2021[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornata al 20 agosto 2020.[2]

N. Ruolo Giocatore
1 Egitto P Mohamed Abou Gabal
3 Egitto C Tarek Hamed
4 Egitto D Mahmoud Alaa
5 Egitto D Mohamed Abdel Ghani
6 Egitto D Mohamed Abdel Salam
7 Egitto D Hazem Emam
9 Egitto A Omar El Said
10 Egitto C Shikabala (capitano)
11 Egitto C Youssef Ibrahim
13 Tunisia C Ferjani Sassi
14 Egitto A Mostafa Fathi
16 Egitto P Mahmoud Abdul-Rahim
17 Egitto C Mahmoud Abdel Aziz
18 Egitto A Karim Bambo
19 Egitto D Mohamed Abdel Shafy
20 Marocco A Achraf Bencharki
21 Egitto P Mohamed Awaad
N. Ruolo Giocatore
22 Egitto D Abdallah Gomaa
23 Egitto A Islam Gaber
24 Egitto C Mohamed Hassan
25 Egitto C Ahmed Sayed
26 Egitto A Emam Ashour
27 Marocco A Mohamed Ounajem
28 Egitto D Mahmoud Hamdy
30 RD del Congo A Kabongo Kasongo
34 Egitto D Ahmad Eid
36 Egitto D Hossam Abdul-Majeed
37 Egitto A Osama Faisal
38 Egitto D Hatem Muhammad
43 Egitto A Hossam Ashraf
50 Egitto C Muhammad Hossam El-Deen
51 Egitto D Yassin Marei
99 Egitto P Muhammad Sobhy

Calciatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori dello Zamalek S.C.

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori dello Zamalek S.C.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

1959-1960, 1963-1964, 1964-1965, 1977-1978, 1983-1984, 1987-1988, 1991-1992, 1992-1993, 2000-2001, 2002-2003, 2003-2004, 2014-2015
1921-1922, 1931-1932, 1934-1935, 1937-1938, 1940-1941, 1942-1943, 1943-1944, 1951-1952, 1954-1955, 1956-1957, 1957-1958, 1958-1959, 1959-1960, 1961-1962, 1974-1975, 1976-1977, 1978-1979, 1987-1988, 1998-1999, 2001-2002, 2007-2008, 2012-2013, 2013-2014, 2014-2015, 2015-2016, 2017-2018
2001, 2002, 2016, 2019

Competizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]

1922-1923, 1928-1929, 1929-1930, 1931-1932, 1933-1934, 1939-1940, 1940-1941, 1943-1944, 1944-1945, 1946-1947, 1948-1949, 1950-1951, 1951-1952, 1952-1953
1920-1921, 1921-1922
1974

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

1984, 1986, 1993, 1996, 2002
2018-2019
1994, 1997, 2003, 2020[3]
2000
1987, 1997

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Secondo posto: 1998-1999, 2005-2006, 2006-2007, 2009-2010, 2010-2011, 2015-2016, 2019-2020
Terzo posto: 1949-1950, 1999-2000, 2007-2008, 2013-2014, 2016-2017, 2018-2019
Finalista: 1927-1928, 1930-1931, 1933-1934, 1941-1942, 1947-1948, 1948-1949, 1952-1953, 1962-1963, 1977-1978, 1991-1992, 2005-2006, 2006-2007, 2010-2011
Semifinalista: 2016-2017, 2019-2020
Finalista: 1994, 2016, 2019-2020
Semifinalista: 1985, 2005
Semifinalista: 2015
Semifinalista: 1976
Semifinalista: 1999
Finalista: 2001
Finalista: 1994

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alle spalle dell'Al-Ahly in Africa, con 14 trofei vinti.
  2. ^ (EN) First team, Zamalek SC.
  3. ^ Edizione svoltasi a febbraio

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio