Urbano Barberini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il VI principe di Colonna, vedi Urbano Barberini Colonna di Sciarra, VI principe di Carbognano.

Urbano Riario Sforza Barberini Colonna di Sciarra (Roma, 18 settembre 1961) è un attore italiano, più noto con il nome di Urbano Barberini o, talora, Urbano Barberini Sforza. È anche traduttore, produttore teatrale e direttore artistico[senza fonte]. Dal 2014 è assessore alla cultura e al Turismo del Comune di Tivoli. È presidente del comitato di sorveglianza della cooperativa di artisti 7607.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sua madre è la principessa Mirta Barberini Colonna di Sciarra (nata nel 1938), figlia del principe Urbano. Il padre Alberto Riario Sforza (1937-2008) e figlio del duca Giovanni Riario Sforza. Alberto in seguito alla adozione della principessa Stefanella Barberini Colonna di Sciarra (1961) ha aggiunto al suo cognome il cognome Barberini Colonna di Sciarra. Urbano è per diritto ereditario Patrono del Baliaggio di San Sebastiano della famiglia Barberini nello S.M.O.M., carica istituita da papa Urbano VIII nel 1633 in favore del ramo primogenito della famiglia Barberini. [1]

Dopo essersi dedicato nella prima parte della carriera principalmente a produzioni cinematografiche e televisive, diretto tra gli altri da registi come Franco Zeffirelli, Dario Argento, Jerzy Skolimowski e Carlo Lizzani, debutta in teatro nel 1996, interpretando il monologo Sulle spine di Daniele Falleri[2]. Inizia quindi una collaborazione artistica ventennale con l'attrice Franca Valeri insieme alla quale porta in scena numerosi spettacoli a partire dal 1997.[2]
Dal 20 ottobre 2005 è Bali Gran Croce del Baliaggio di San Sebastiano della famiglia Barberini nello S.M.O.M. Dal 24 giugno 2014 è Assessore alla Cultura ed al Turismo del Comune di Tivoli.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Teatrografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN88674791 · ISNI (EN0000 0000 6629 2027 · SBN IT\ICCU\MODV\303345 · LCCN (ENno00029217 · BNF (FRcb141527904 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no00029217