Susanna Ceccardi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Susanna Ceccardi
16-08-12 Cascina Susanna Ceccardi (cropped).jpg

Sindaco di Cascina
Durata mandato 21 giugno 2016 –
27 giugno 2019
Predecessore Alessio Antonelli
Successore Dario Rollo
(vicesindaco f.f.)

Eurodeputata
In carica
Inizio mandato 2 luglio 2019
Legislature IX
Gruppo
parlamentare
Identità e Democrazia
Circoscrizione Italia centrale
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Lega Nord
Titolo di studio Diploma di liceo classico

Susanna Ceccardi (Pisa, 19 marzo 1987) è una politica italiana.

È stata sindaco di Cascina dal 2016 al 2019,[1] quando è stata eletta al Parlamento europeo.[2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dal ramo paterno la sua famiglia è originaria del paese di Vaglie nell'ex comune di Ligonchio, oggi Ventasso in provincia di Reggio Emilia, ed è una lontana cugina di Iva Zanicchi[3][4][5] attraverso il nonno paterno.

Si è diplomata al liceo classico.[6].

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Esponente della Lega Nord, è stata eletta nel consiglio comunale di Cascina nel 2011 e ha partecipato a una puntata del talk show politico Announo sul canale La7.[7]

Alle elezioni politiche del 2013 è candidata alla Camera senza essere eletta.

Si candida a consigliera alle elezioni regionali in Toscana del 2015, risultando la prima dei non eletti nel collegio di Pisa, dove nonostante le 4 401 preferenze personali viene battuta dal collega di partito Roberto Salvini.

Ceccardi con Matteo Salvini nel maggio 2019 ad un comizio a Montecatini Terme.

Nel 2016 ha ottenuto l'elezione a sindaco di Cascina, avendo raccolto il 28,4% dei voti al primo turno e il 50,3% al ballottaggio, mentre il suo partito ha ottenuto il 21,3%.[8][9] Sempre nel 2016 ha conferito la cittadinanza onoraria a Magdi Allam[10].

Si oppone fortemente alla costruzione della moschea e in cambio della celebrazione della Id al-fitr in uno spazio pubblico da parte della comunità locale senegalese, ha richiesto che "condannassero fermamente" tutti gli atti di violenza indotti da fondamentalismo islamico.[11]

Nel settembre del 2018 entra nello staff di Matteo Salvini, una volta diventato il ministro dell'Interno.[1][12][13]

Nell'aprile 2019, si candida per il suo partito alle elezioni del Parlamento europeo[14][15][16] risultando eletta con 48 239 preferenze.[17] Decade dalla carica di sindaco di Cascina ed è sostituita dal vicesindaco Dario Rollo a partire dal 27 giugno 2019.[18]

È descritta come un esempio di giovani politici italiani che sostengono una visione più critica della Unione europea, in particolare rispetto ai più anziani politici di destra dei decenni precedenti.[19]

Il 22 giugno 2020 Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia annunciano la sua candidatura a Presidente della Regione Toscana.[20]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Convive con Andrea Barabotti, responsabile organizzativo della Lega in Toscana. Il 28 settembre 2019 la coppia ha avuto una figlia[21].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Davide Allegranti, Chiamatemi signor sindaco, in Come si diventa leghisti: Viaggio in un paese che si credeva rosso e si è svegliato verde., UTET, ISBN 978-88-511-6947-3. URL consultato il 12 maggio 2019.
  2. ^ Circ. III : ITALIA CENTRALE, su Ministero dell'Interno, 29 maggio 2019. URL consultato il 29 maggio 2019. (per aprire il menù cliccare sul nome del partito)
  3. ^ Un giorno da pecora, Rai Radio 1, 6 maggio 2019.
  4. ^ La leghista Ceccardi parente di Iva Zanicchi: “La Isoardi? Ancora rosica”[collegamento interrotto], La Stampa, 6 maggio 2019. URL consultato il 6 maggio 2019.
  5. ^ Mario Gasperetti, La sindaca leghista di Cascina (Pisa): «Chiamo mia figlia Kinzica», ma ci sono dubbi sul patriottismo del nome, Corriere della Sera, 6 maggio 2019. URL consultato il 9 maggio 2019.
  6. ^ Elezioni studentesche, 46mila al voto, La Nazione, 5 maggio 2009. URL consultato il 15 aprile 2019.
  7. ^ Luca Daddi, Susanna Ceccardi va ad Announo e porta in tv la rabbia dei giovani, La Repubblica, 5 maggio 2014. URL consultato il 15 aprile 2018.
  8. ^ Susanna Ceccardi è il nuovo sindaco di Cascina - Cronaca - il Tirreno, Il Tirreno, 19 giugno 2016. URL consultato il 2 marzo 2018.
  9. ^ Comune di Cascina - Toscana - Elezioni Comunali - Risultati - Ballottaggio - 5 giugno 2016, su repubblica.it. URL consultato il 2 marzo 2018.
  10. ^ Emanuele Coen, Susanna Ceccardi, la sindaca leghista in guerra contro gay, migranti e femministe, L'Espresso, 15 dicembre 2016. URL consultato il 6 gennaio 2019.
  11. ^ Cascina, la sindaca Ceccardi (Lega) concede la palesta comunale per la fine del Ramadan, La Nazione, 15 giugno 2018. URL consultato il 6 gennaio 2019.
  12. ^ Susanna Ceccardi entra nello staff di Salvini, Il Tirreno, 20 settembre 2018. URL consultato il 5 gennaio 2019.
  13. ^ La sceriffa leghista entra al Viminale: "Legittima difesa e zero clandestini", Il Giornale, 22 settembre 2018. URL consultato il 7 gennaio 2019.
  14. ^ La sindaca Ceccardi candidata al Parlamento europeo, Il Tirreno, 16 aprile 2019. URL consultato il 16 aprile 2019.
  15. ^ Elezioni Europee, le liste dei candidati della Lega: Salvini capolista in tutte le circoscrizioni, Il Fatto Quotidiano, 16 aprile 2019. URL consultato il 16 aprile 2019.
  16. ^ Katrin Bennhold, In Parliament Elections, Populists Seek to Break the E.U. From Within, New York Times, 25 maggio 2019. URL consultato il 28 maggio 2019.
  17. ^ Europee, l’ira di Ceccardi contro i dissidenti, Il Tirreno, 14 giugno 2019.
  18. ^ Ceccardi Rollo, ufficiale il passaggio di consegne, su quinewspisa.it, 28 giugno 2019. URL consultato il 2 luglio 2019.
  19. ^ Miles Johnson, Italy: pinning the blame on Brussels, Financial Times, 16 dicembre 2018. URL consultato il 5 gennaio 2019.
  20. ^ Regionali, Caldoro in Campania e Fitto in Puglia: il centrodestra trova l'accordo sui candidati, su la Repubblica, 22 giugno 2020. URL consultato il 22 giugno 2020.
  21. ^ Susanna Ceccardi è diventata mamma: è nata la figlia Kinzica, Pisa Today, 29 settembre 2019. URL consultato il 10 ottobre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN18147266787035481934 · WorldCat Identities (ENlccn-no2016107889