Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Id al-fitr

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una famiglia del popolo degli Hui mentre sta festeggiando il Id al-Fitr

La ʿīd al-fiṭr ( arabo ﻋﻴﺪ ﺍﻟﻔﻄﺮ) costituisce la seconda festività religiosa più importante della cultura islamica.

Viene celebrata alla fine del mese lunare di digiuno di ramaḍān (e dunque il 1° di shawwal), come segno di gioia per la fine di un lungo periodo penitenziale. Letteralmente il significato dell'espressione araba è "festa della interruzione [del digiuno]".

Suoi sinonimi sono ʿīd al-ṣaghīr ("festa minore") e, in turco, küçük bayram o şeker bayramı ("piccola festa"), in contrapposizione a ʿīd al-kabīr (عيد ﺍﻟﻜﺒﻴﺮ "festa grande"), cioè la festa del sacrificio.

Id al-fitr è basato sul calendario[modifica | modifica wikitesto]

  • 3 marzo 1995
  • 20 febbraio 1996
  • 9 febbraio 1997
  • 30 gennaio 1998
  • 19 gennaio 1999
  • 8 gennaio 2000
  • 27 dicembre 2000
  • 16 dicembre 2001
  • 6 dicembre 2002
  • 25 novembre 2003
  • 14 novembre 2004
  • 3 novembre 2005
  • 24 ottobre 2006
  • 13 ottobre 2007
  • 1º ottobre 2008
  • 20 settembre 2009
  • 10 settembre 2010
  • 30 agosto 2011
  • 19 agosto 2012
  • 8 agosto 2013
  • 28 luglio 2014
  • 17 luglio 2015
  • 6 luglio 2016
  • 25 giugno 2017
  • 15 giugno 2018
  • 4 giugno 2019

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alessandro Bausani, Islam, Milano, Garzanti, 1987²
  • Alberto Ventura, "L'Islam sunnita nel periodo classico (VII-XVI secolo)", in Islam, Storia delle religioni, Roma-Bari, Laterza, 1999, pp. 77–202 (a pp. 134–137)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Islam Portale Islam: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Islam