Saky

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Saky
città di rilevanza regionale
(RU) Саки (город)
(UK) Саки
(CRH) Saq
Saky – Stemma
Localizzazione
StatoUcraina Ucraina[1]
Oblast'Flag of Crimea.svg Crimea
Territorio
Coordinate45°08′01″N 33°34′38″E / 45.133611°N 33.577222°E45.133611; 33.577222 (Saky)Coordinate: 45°08′01″N 33°34′38″E / 45.133611°N 33.577222°E45.133611; 33.577222 (Saky)
Altitudine10 m s.l.m.
Superficie29 km²
Abitanti28 522 (2013)
Densità983,52 ab./km²
Altre informazioni
LingueRusso, Ucraino, Tartaro
Cod. postale96500-6509
Prefisso+380 6563
Fuso orarioUTC+3
Codice KOATUU0111400000
Cartografia
Mappa di localizzazione: Ucraina
Saky
Saky
Saky – Mappa
Sito istituzionale

Saky (in russo: Саки?, in ucraino: Саки?, in tataro Saq) è, de iure, una città di rilevanza regionale dell'Ucraina, situata nella repubblica autonoma di Crimea. Contava 28.522 abitanti nel 2013.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Saky è situata sul litorale occidentale della penisola di Crimea, a sud est di Eupatoria ed a nord ovest di Sinferopoli.

Dista 19 km in linea d'aria da Eupatoria e 22 km di strada, la città della Crimea più vicina, mentre è lontana 45 km in linea d'aria da Sinferopoli, la capitale della Repubblica di Crimea, e 49 km di strada[2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'origine esatta dell'attuale città di Saky è sconosciuta. Ai tempi del Canato di Crimea, essa era soltanto un piccolo villaggio. Nel 1805, Saky aveva meno di 400 abitanti, dei quali più del 95 percento erano tatari di Crimea. Nel 1827, fu costruita la prima stazione termale di fangoterapia e dieci anni più tardi venne realizzata anche una dipendenza locale dell'ospedale militare di Sinferopoli.

Durante la guerra di Crimea, le forze alleate sbarcarono vicino a Saky, tra i laghi Sakskim e Kyzyl-Yar, ed assediarono Sebastopoli. All'inizio del mese di febbraio 1855, le truppe del generale Stepan Aleksandrovič Chrulëv si concentrarono a Saky prima d'attaccare il nemico nelle fortificazioni di Eupatoria. Il villaggio fu completamente distrutto dal bombardamento.

Dopo la guerra di Crimea, nel corso della seconda ondata d'emigrazione dei tatari crimeani, la popolazione tatara di Saky abbandonò il villaggio in rovina. Nel 1858, degli immigranti provenienti dalla regione di Poltava vi si stabilirono, seguiti un po' più tardi dai greci di Costantinopoli.

Nel febbraio 1945, le delegazioni britannica ed statunitense alla conferenza di Jalta atterrarono nel campo aereo di Saky, da dove raggiunsero la città di Jalta a 110 Km di distanza, posta sulla costa meridionale della Crimea, attraverso strade di montagna lungo le quali soldati sovietici in armi erano posizionati ad ogni cinquanta metri gli uni dagli altri[3]. Oggigiorno è un'importante base aerea.

Suddivisione amministrativa[modifica | modifica wikitesto]

La città di Saky è capoluogo dell'omonimo distretto.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1805 ad oggi le dinamiche demografiche della città di Saky si sono intersecate strettamente con gli eventi storici contemporanei della penisola di Crimea.

Popolazione[modifica | modifica wikitesto]

Composizione etnica dei cittadini residenti a Saky secondo il censimento del 2001:

Nazionalità Numero abitanti Dati percentuali[4]
Russi 18.573 65,1
Ucraini 6.938 24,3
Tartari di Crimea 1.646 5,8
Bielorussi 527 1,8
Armeni 130 0,5
Tatari 118 0,4
Ebrei 68 0,2
Rom 67 0,2
Polacchi 51 0,2
Tedeschi 49 0,2

Evoluzione della popolazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1805 erano presenti a Saky soltanto 396 persone: 378 tatari di Crimea, 16 Rom, 2 turchi.

Nel 1926 - 2.450 persone: 1.792 russi, 327 ucraini, 112 tatari di Crimea, 52 armeni, 48 ebrei, 14 tedeschi, 12 estoni.

Nel 1939 - 7.786 persone. Nel 1971 - 25.800 persone. Nel 1989 - 33.690 persone, il massimo della popolaziomne della città di Saky. Nel 2001 - 28.522 persone.

Nel 2006 - 26.400 persone: il 66% russi, il 25% ucraini, il 6,5% dei tatari di Crimea, 2% bielorussi, così come piccole percentuali di armeni, greci, ebrei, polacchi, krymchaks, caraiti.

Nel 2009 - 24.765 persone[5]. Nel 2010 - 24.580 persone[6]. Nel 2011 - 24.323 persone[6]. Nel 2012 - 23.741 persone[7]. Nel 2014 - 23 400 persone[8].

Secondo il censimento del 2001, alla popolazione della città hanno partecipato i seguenti gruppi etnici[9]: russi - 65,1%; ucraini - 24,3%; tatari di Crimea - 5,8%; bielorussi - 1,8%; pali - 0,2%; moldavi - 0,2%.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ de facto controllata dalla Russia Russia dal 16 marzo 2014
  2. ^ La prima distanza indicata è la distanza ortodromica; le distanze stradali provengono dal sito viamichelin.it.
  3. ^ Al Eberhardt, My most secret mission. The untold story of Yalta. Copia archiviata, su 1stfighter.com. URL consultato il 5 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 21 novembre 2008). Consultato il 22.06.2008
  4. ^ http://sf.ukrstat.gov.ua Archiviato il 10 aprile 2014 in Internet Archive.
  5. ^ Государственный комитет статистики Украины. Численность наличного населения украины на 1 января 2011 года, Киев-2011 год
  6. ^ a b Государственная служба статистики. Численность наличного населения Украины на 1 января 2012 года
  7. ^ Главное управление статистики в Автономной Республике Крым Archiviato il 12 dicembre 2013 in Internet Archive.
  8. ^ Copia archiviata (PDF), su sf.ukrstat.gov.ua. URL consultato il 1º giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 16 marzo 2014).
  9. ^ Дністрянський М. С. Етнополітична географія України. Львів: Літопис, 2006. С.452-453.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]