Rosa Montero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rosa Montero nel 2014

Rosa Montero Gayo (Madrid, 3 gennaio 1951) è una scrittrice e giornalista spagnola.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Madrid nel 1951[1], dopo aver contratto la tubercolosi, ha dovuto trascorrere gran parte della sua infanzia a casa avvicinandosi così alla lettura fin da giovanissima[2].

Dopo la scuola secondaria all'Instituto Beatriz Galindo di Madrid, si è laureata in lettere e ha studiato giornalismo prima di iniziare a lavorare per alcune testate quali Bocaccio, Pueblo, Arriba, Garbo, Hermano Lobo[3].

La sua vasta produzione, iniziata nel 1979 con Crónica del desamor, comprende 16 romanzi, 2 raccolte di racconti, numerosi saggi, opere per l'infanzia e la giovinezza e novelle fantastiche e autobiografiche[4].

Storica collaboratrice del quotidiano El País[5], nel corso della sua carriera ha ricevuto numerosi premi per la sua attività giornalistica e di scrittrice l'ultimo dei quali, in ordine di tempo, è stato il Premio nazionale delle Lettere Spagnole nel 2017[6].

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

  • Crónica del desamor (1979)
  • La función Delta (1981)
  • Te trataré como a una reina (1983)
  • Amado amo (1988)
  • Temblor (1990)
  • Bella y oscura (1993)
  • La figlia del cannibale (La hija del caníbal, 1997), Milano, Frassinelli, 1999 traduzione di Silvia Meucci ISBN 88-7684-569-0.
  • Il cuore del Tartaro (El corazón del tártaro), Milano, Frassinelli, 2001 traduzione di Michela Finassi Parolo ISBN 88-7684-663-8.
  • La pazza di casa (La loca de la casa, 2003), Milano, Frassinelli, 2004 traduzione di Michela Finassi Parolo ISBN 88-7684-795-2.
  • Storia del re trasparente (Historia del Rey Transparente, 2005), Milano, Frassinelli, 2006 traduzione di Michela Finassi Parolo ISBN 88-7684-908-4.
  • Notturno di sole (Instrucciones para salvar el mundo, 2008), Milano, Salani, 2010 traduzione di Hado Lyria ISBN 978-88-6256-196-9.
  • Lacrime nella pioggia (Lágrimas en la lluvia, 2011), Milano, Salani, 2012 traduzione di Claudia Marseguerra ISBN 978-88-6256-905-7.
  • La ridicola idea di non vederti più: la storia di Marie Curie e la mia (La ridícula idea de no volver a verte, 2013), Milano, Ponte alle Grazie, 2019 traduzione di Bruno Arpaia ISBN 978-88-333-1104-3.
  • El peso del corazón (2015)
  • In carne e cuore (La carne, 2016), Milano, Salani, 2017 traduzione di Michela Finassi Parolo ISBN 978-88-93811-62-0.
  • Los tiempos del odio (2018)

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

  • Historias de mujeres (1995)
  • Amantes y enemigos (1999)

Letteratura per l'infanzia[modifica | modifica wikitesto]

  • Il nido dei sogni (El nido de los sueños, 1991), Milano, Mondadori, 2002 traduzione di Michela Finassi Parolo ISBN 88-04-50219-3.
  • Las barbaridades de Bárbara (1996)
  • El viaje fantástico de Bárbara (1997)
  • Bárbara contra el doctor Colmillos (1998)

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Periodismo y literatura (1973)
  • España para ti para siempre (1976)
  • Cinco años de país (1982)
  • La vida desnuda (1994)
  • Entrevistas (1996)
  • Pasiones (1999)
  • Estampas bostonianas y otros viajes (2002)
  • Lo mejor de Rosa Montero (2005)
  • El amor de mi vida (2011)
  • Maneras de vivir (2014)
  • Nosotras: Historias de mujeres y algo más (2018

Alcuni riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cenni biografici, su illibraio.it. URL consultato l'11 settembre 2018.
  2. ^ (ES) Biografia e bibliografia, su escritoras.com, 6 aprile 2003. URL consultato l'11 settembre 2018 (archiviato dall'url originale l'11 settembre 2018).
  3. ^ (ES) Scheda dell'autrice, su escritores.org. URL consultato l'11 settembre 2018.
  4. ^ (ES) Profilo della scrittrice, su biografiasyvidas.com. URL consultato l'11 settembre 2018.
  5. ^ (ES) Rosa Montero: libros y biografía, su lecturalia.com. URL consultato l'11 settembre 2018.
  6. ^ (ES) Rosa Montero, Premio Nacional de las Letras Españolas 2017, su mecd.gob.es, 14 novembre 2017. URL consultato l'11 settembre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN49281710 · ISNI (EN0000 0001 2132 0052 · LCCN (ENn80060785 · GND (DE119192446 · BNF (FRcb12251626d (data) · BNE (ESXX968899 (data) · NLA (EN35176047 · WorldCat Identities (ENlccn-n80060785