Robertingi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Robertingi
StatoNeustria
Austrasia
TitoliCroix pattée.svg Duca dell'Aspinga
Croix pattée.svg Duca di Borgogna
Croix pattée.svg Marchese di Neustria
Croix pattée.svg Conte di Parigi
Croix pattée.svg Conte d'Orléans
Croix pattée.svg Conte della Renovia
Croix pattée.svg Conte della Renovia superiore
Croix pattée.svg Conte di Vormazia
Croix pattée.svg Conte di Vogt
FondatoreRoberto I
Ultimo sovranoUgo I
Data di fondazionefine VIII secolo
Data di estinzione16 giugno 956
Etniafranca
Rami cadetti

I Robertingi furono una dinastia nobile francese, che vide come capostipite Roberto il Forte, marchese di Neustria contro i Bretoni, conte d'Angiò, di Ausserre e di Niversa, che fu anche abate laico di alcune abbazie.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nell'861, il re dei Franchi occidentali, Carlo il Calvo istituì il marchesato di Neustria[1], dividendolo in due parti, una, per combattere i Vichinghi, fu affidato ad Adalardo il Siniscalco; l'altro, per combattere i Bretoni, secondo il cronista Reginone, fu affidato a Roberto il Forte, che lo resse con capacità per alcuni anni[2].
Roberto il Forte, secondo la Chronique de l'abbaye de Saint-Bénigne de Dijon ebbe due figli[3] da Adelaide d'Alsazia, come è indicato nelle Europäische Stammtafeln[4]:

Roberto I aveva preso in moglie, nell'897 circa, Beatrice di Vermandois[9](880 circa]-dopo 26 marzo 931, una discendente di Carlo Magno, figlia di Erberto I di Vermandois. Da Beatrice Roberto ebbe due figli:

Albero genealogico[modifica | modifica wikitesto]

 Cariberto
*? †~636
 
   
 Crodoberto I
fl. 630
Alberto
*? †?
Erleberto
*? †?
 
 
 Lamberto I
*? †post 650
 
 
 Crodoberto II[16]
fl. 678
 
 
 Lamberto II
fl. 741
 
 
 Roberto I[17]
fl. 764
 
    
 Roberto Cancoro[18]
*? †post 782
 Anselmo[19]
*? †778
 Ruperto[20]
*? +post 779
 Turinberto
*? †post 770
  
  
 Enrico
*? †795
 Roberto II[21]
*? †807
  
   
 Roberto
*? †805
 Enrico
fl. 812
Ramo dei Popponidi
 Roberto III[22]
*? †~834
   
      
Cancoro
fl. 812
Roberto
fl. 817
Poppone I
*? †?
Enrico
*? †~836
 Gontrano
fl. 837
Roberto IV[23]
*820866
  
    
 Enrico di Franconia[24]
*? †ante 886
 Poppone II[25]
fl. 906
 Oddone
*~865898
 Roberto I
*866923
    
         
Adalberto
*? †906
Adalardo
*? †903
Enrico II
*? †902/903
Adalberto[25]
fl. 915
Poppone III
*? †945
Rodolfo
*~882 †?
Arnolfo
*~885898
Guido
*~888 †?
Ugo I
*~895956
  
  
 Enrico III
*? †~935
 Octicons-arrow-small-down.svg
Capetingi
 
   
 Enrico IV[26]
*? †964
Bertoldo
*? †980
Poppone[27]
*? †961


Relazioni dinastiche franche[modifica | modifica wikitesto]

     Arnolfingi     Pipinidi     Merovingi     Robertingi     Carolingi     Geroldini     Welfen     Unrochingi     Popponidi     Ottoniani     Capetingi
     Imperator Romanorum (Impero Carolingio)     Imperator Romanorum (Romano Impero di stirpe germanica)


Clotilde
*~670
Turimberto
*? † post 770
Wiltrude
*795834
Ingeltrude
*? †?
Beatrice
*~880 † post 931
Octicons-arrow-small-down.svg
Octicons-arrow-small-down.svg

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il marchesato di Neustria fu istituito dal re dei Franchi occidentali, Carlo il Calvo, proprio nell'861, ed era diviso in due zone, una a sud ovest per combattere i Bretoni, affidata a Roberto il Forte, mentre l'altra zona era a nord est, per combattere i Vichinghi fu affidata ad Adalardo il Siniscalco.
  2. ^ (LA) Monumenta Germaniae historica, Scriptores, tomus I - Reginonis Chronicon pag 571 Archiviato il 31 maggio 2016 in Internet Archive.
  3. ^ (LA) Chronique de l'abbaye de Saint-Bénigne de Dijon, Pag 109
  4. ^ Europäische Stammtafeln, vol II cap. 10 (non consultate).
  5. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, tomus V, Herimanni Aug. Chronicon, Pag 109 Archiviato il 7 aprile 2014 in Internet Archive.
  6. ^ (LA) Ademarus Engolismensis, Historiarum Libri Tres, liber III, Pag 37, par 20
  7. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, tomus III, Flodoardi Annales, anno 922, Pag 370 Archiviato il 7 aprile 2014 in Internet Archive.
  8. ^ a b c d e (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, tomus III, Flodoardi Annales, anno 923, Pag 371 Archiviato il 26 marzo 2014 in Internet Archive.
  9. ^ a b c (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, tomus IX, Historia Francorum, Pag 366 Archiviato il 21 febbraio 2014 in Internet Archive.
  10. ^ a b (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, tomus III, Flodoardi Annales, anno 934, Pag 382 Archiviato il 26 marzo 2014 in Internet Archive.
  11. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, tomus III: Flodoardi Annales, anno 923, pag. 372 Archiviato il 4 aprile 2015 in Internet Archive.
  12. ^ Ugo il Grande aveva sposato, nel 926, Eadilda o Eadheld, la sorella del re d'Inghilterra, Atelstano, anche sorella della madre di Luigi IV d'Oltremare, Ogiva.
  13. ^ a b (EN) Foundation for Medieval Genealogy: Re di Francia - HUGUES
  14. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, tomus VII, Rodulfus Glaber Cluniacensis: Historiarum Sui Temporis Libri Quinque: liber I, 4 Qui postmodum Rome imperatores extiterint, Pag 54 Archiviato il 26 settembre 2015 in Internet Archive.
  15. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, tomus VII, Rodulfus Glaber Cluniacensis: Historiarum Sui Temporis Libri Quinque: liber II, 1 De electione Hugonis in Regem, Pag 61 Archiviato il 31 maggio 2016 in Internet Archive.
  16. ^ cancelliere di re Clotario III, conte nel 678
  17. ^ duca di Haspengau, conte di Oberrheinsgau e Wormsgau
  18. ^ conte di Breisgau, Oberrheinsgau, etc.
  19. ^ Morto nella battaglia di Roncisvalle
  20. ^ Abate di Saint-Germain-des-Fossés
  21. ^ conte di Oberrheinsgau e Wormsgau
  22. ^ Conte di Wormsgau e Oberrheinsgau
  23. ^ Conte di Parigi, Angers e Tours
  24. ^ Duca di Austrasia. Sepolto in St.Medard a Soissons
  25. ^ a b Duca della marca Sorabica
  26. ^ Arcivescovo di Treviri
  27. ^ Vescovo di Würzburg
  28. ^ Doda, secondo alcune fonti, era figlia di Arnoaldo di Metz, vescovo di Metz e margravio della Schelda.
  29. ^ Duca di Haspengau, conte di Oberrheinsgau e Wormsgau.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura storiografica[modifica | modifica wikitesto]

  • René Poupardin, I regni carolingi (840-918), in «Storia del mondo medievale», vol. II, 1979, pp. 583–635
  • Louis Halphen, Francia: gli ultimi Carolingi e l'ascesa di Ugo Capeto (888-987), in «Storia del mondo medievale», vol. II, 1979, pp. 636–661

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN35259369 · GND (DE11912050X