Adalberto di Babenberg (figlio di Enrico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Adalberto di Babenberg" rimanda qui. Se stai cercando il margravio d'Austria dal 1018 al 1055, vedi Adalberto di Babenberg.

Adalberto (8549 settembre 906[1][2]) fu un membro della dinastia dei Popponidi/Babenberg di Franconia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Adalberto era figlio del margravio Enrico I di Babenberg e di Ingeltrude/Giuditta del Friuli. Il Graf Adalberto fu uno degli attori più importanti durante la faida tra le famiglie dei Popponidi/Babenberg di Franconia e dei Corradinidi. Sua sorella Edvige era sposata con Ottone l'Illustre.

Il 27 febbraio 906 un esercito guidato da Adalberto attaccò i Corradinidi vicino a Fritzlar. Durante i combattimenti, Corrado il Vecchio fu ucciso. Dopo che Adalberto si ritirò al castello di Theres, fu assediato dall'esercito reale. L'inviato del re, l'arcivescovo di Magonza e cancelliere Attone I, gli promise un salvacondotto. Tuttavia, quando Adalberto lasciò il castello, fu fatto prigioniero, condannato e decapitato. Successivamente i Babenberg persero tutti i loro uffici e beni nel ducato di Franconia.

Della vicenda ne parla, con alcuni particolari lievemente differenti, Liutprando di Cremona nella sua Antapodosis[3] e nelle cronache di San Gallo[4]. La sua figura è riportata anche nelle Deutsche Sagen dei fratelli Grimm sulla base di fonti medievali[5].

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Franconia nobility, su FRANCONIA. URL consultato il 14 September 2017.
  2. ^ http://www.toveogflemming.dk/tove/per19696.htm, Adalbert I (Pious), Hertug Von Franconia
  3. ^ Liutprando da Cremona, Libro II, in Alessandro Cutolo (a cura di), Tutte le opere: La restituzione - Le gesta di Ottone I - La relazione di un'ambasciata a Costantinopoli, traduzione di Alessandro Cutolo, Milano, Bompiani, 1945, pp. 79-82.
  4. ^ Gian Carlo Alessio (a cura di), Eccardo IV di San Gallo, 11, in Cronache di San Gallo, traduzione di Gian Carlo Alessio, Torino, Giulio Einaudi Editore, 2004, p. 73, ISBN 88-06-17085-6.
  5. ^ Jacob e Wilhelm Grimm, 468. Adalbert von Babenberg, in Deutsche Sagen, Anaconda Verlag, 2014, pp. 452-453, ISBN 978-3-7306-0101-3.
Controllo di autoritàVIAF (EN52570478 · GND (DE122424883 · CERL cnp00569611 · WorldCat Identities (ENviaf-52570478