Ildegarda (moglie di Carlo Magno)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ildegarda
Hildegard Vinzgouw.jpg
Regina consorte dei Franchi
In carica 771 - 783
Predecessore Ermengarda (2ª moglie di Carlo Magno)
Successore Ermengarda di Hesbaye
Regina consorte d'Italia
In carica 774 - 783
Predecessore Ansa
Successore Ermengarda di Hesbaye
Nascita 758
Morte Thionville, 30 aprile 783
Dinastia Agilolfingi/Geroldini
Padre Geroldo di Vinzgouw
Madre Emma d'Alemannia
Consorte di Carlo Magno
Figli Carlo
Adelaide
Rotrude
Carlomanno
Ludovico e il gemello Lotario
Berta
Gisela
Ildegarda

Ildegarda (758Thionville, 30 aprile 783) è stata la terza moglie di Carlo Magno e sovrana consorte dei Franchi e dei Longobardi.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Era figlia del conte Geroldo di Vinzgouw e di Emma d'Alemannia, figlia di Hnabi, duca di Alemannia. Suo fratello era Enrico del Friuli, così come Geroldo di Baviera e Adriano d'Orléans.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Venne sposata da Carlo Magno, nel 771, quando aveva tredici anni. Fu la terza[1] moglie, dopo che Carlo aveva ripudiato, nel 770, Imiltrude e, nel 771, Ermengarda.

Ildegarda diede a Carlomagno nove figli di cui quattro furono maschi; solo uno però, Ludovico il Pio, sopravvisse al padre, al quale successe nell'814.

Ildegarda morì il 30 aprile 783 in seguito a un parto a venticinque anni.

Figli[modifica | modifica wikitesto]

Ildegarda diede a Carlo Magno nove figli:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Secondo Eginardo, biografo ufficiale e consigliere di Carlomagno, il matrimonio tra Carlo e Imiltrude fu sancito nella forma franca del fredelehe, cioè, seguendo una prassi in uso tra i Franchi, secondo una forma non indissolubile, per cui Ildegarda, per alcuni è la seconda moglie e non la terza.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gerhard Seeliger, "Conquiste e incoronazione a imperatore di Carlomagno", cap. XII, vol. II (L'espansione islamica e la nascita dell'Europa feudale) della Storia del Mondo Medievale, pp. 358-396.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN40178389 · ISNI (EN0000 0000 1390 6291 · GND (DE118980084 · CERL cnp00544004 · WorldCat Identities (ENviaf-40178389