Ottone I di Sassonia (duca)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ottone I di Sassonia
Otto I, Duke of Saxony.jpg
Immagine tratta dalla Chronica sancti Pantaleonis
Duca di Sassonia
In carica 880 –
30 novembre 912
Predecessore Bruno di Sassonia
Successore Enrico l'Uccellatore
Nascita 851 circa
Morte 30 novembre 912
Luogo di sepoltura Abbazia di Gandersheim
Dinastia Liudolfingi
Padre Liudolfo di Sassonia
Madre Oda di Billung
Coniuge Edvige di Babenberg
Figli Enrico l'Uccellatore
Oda
Liudolfo

Ottone I di Sassonia o Oddo, noto anche come Ottone l'Illustre (851 circa – 30 novembre 912) fu duca di Sassonia, dall'880 fino alla morte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlio minore di Liudolfo di Sassonia e di Oda di Billung,

Ottone successe nel ducato a suo fratello maggiore Bruno di Sassonia dopo la sua morte in battaglia nell'880 contro i danesi, caduto assieme al vescovo di Minden Teodorico e il vescovo di Hildesheim Markward.[1]

La sua famiglia prese il nome dinastico di Liudolfingi proprio dal nome del padre e di Ottoni dopo l'ascesa al trono imperiale del nipote Ottone.

Da un atto del re Ludovico il Giovane del 26 gennaio 877, il pago Suththuringa, del sud della Thuringia è indicato come essere inserito nella contea di Ottone, in comitatu Ottonis. In un altro documento del 28 gennaio 897, Ottone è definito marchio.

Widukind di Corvey lo chiama magni ducis Oddonis, quando descrive il matrimonio della sorella Liutgarda di Sassonia con Ludovico il Giovane.

Ottone lasciò raramente la Sassonia, era un principe regionale sottoposto a due re, Luigi il Giovane e Arnolfo di Carinzia, con i quali fu in buoni rapporti e che raramente interferirono nei suoi territori. In Sassonia, Ottone, di fatto, esercitò poteri reali, fra l'altro, sottopose a tributi le limitrofe tribù slave.

Combatté in Italia nell'884 e fu nominato governatore di Milano[2]. Ottone fu tutore di Ludovico IV il Fanciullo[3].

Secondo Widukind di Corvey, a Ottone fu offerta la corona di Germania, dopo la morte di Ludovico IV il Fanciullo, nel 911, ma egli la rifiutò a causa della età avanzata, suggerendo di eleggere Corrado I di Franconia. Questa narrazione di Widukind di Corvey è ritenuta incerta[4].

Nella sua Chronicon, Tietmaro, vescovo di Merseburg, indica la morte di Ottone avvenuta il 30 novembre senza tuttavia darne l'anno[5].

La necrologia di Mersebourg registra la morte il 30 novembre di Oddo vient pater Heinrici REGIS Saxonum[6]. Ottone I di Sassonia è inumato nell'abbazia di Gandersheim.

Famiglia e figli[modifica | modifica wikitesto]

Ottone sposò Edvige di Babenberg (856 - 24 dicembre 903), figlia di Enrico di Franconia, della dinastia dei Babenberg, e d'Ingeltrude, figlia di Eberardo del Friuli e di Gisella, figlia di Ludovico il Pio. La necrologia di Fulda registra la morte di Hedwige di Babenberg nel 903[7], mentre la necrologia di Mersebourg la registra per il 24 dicembre[8]. Dall'unione di Ottone con Hedwige nacque:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tietmaro, Libro II, 23, in Cronaca di Tietmaro, Fonti tradotte per la storia dell'Alto Medioevo, traduzione di Matteo Taddei, Pisa University Press, p. 59, ISBN 978-8833390857.
  2. ^ David Baillie Warden, L'art de vérifier les dates ... p.146.
  3. ^ David Baillie Warden, ibidem.
  4. ^ Reuter, Timothy. Germany in the Early Middle Ages 800–1056, New York, Longman, 1991.
  5. ^ Dithmar, 1.7, p. 71.
  6. ^ G. Althoff, Die Totenbücher von Merseburg, 1983, Magdeburg und Lüneburg (Hannover), Merseburg.
  7. ^ Annales Necrologici Fuldenses, MGH SS XIII, p.123.
  8. ^ Die Totenbücher von Merseburg, Magdeburg und Lüneburg (Hannover), Merseburg.
  9. ^ a b Tietmaro, Tavole genealogiche, in Cronaca di Tietmaro, Fonti tradotte per la storia dell'Alto Medioevo, traduzione di Matteo Taddei, Pisa University Press, p. 321, ISBN 978-8833390857.
  10. ^ Tietmaro, Tavole genealogiche, in Cronaca di Tietmaro, Fonti tradotte per la storia dell'Alto Medioevo, traduzione di Matteo Taddei, Pisa University Press, p. 326, ISBN 978-8833390857.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN89998936 · GND (DE138460744 · CERL cnp01177097 · WorldCat Identities (EN89998936
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie