Riserva naturale Foresta Umbra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Riserva naturale Foresta Umbra
Vieste.Foresta.Umbra.Laghetto.jpg
Tipo di areaRiserva naturale statale
Codice WDPA31174
Codice EUAPEUAP0098
Class. internaz.Categoria IUCN Ia: riserva naturale integrale
StatiItalia Italia
Regioni  Puglia
Province  Foggia
ComuniMonte Sant'Angelo, Vieste, Carpino, Vico del Gargano, Peschici.
Superficie a terra399 ha
Provvedimenti istitutiviDecreto Ministero agricoltura e foreste 13 luglio 1977
GestoreMinistero delle politiche agricole alimentari e forestali - Corpo forestale dello Stato - Gestione ex A.S.F.D. - Regione Puglia
Mappa di localizzazione
Coordinate: 41°49′13.9″N 16°00′43″E / 41.820528°N 16.011944°E41.820528; 16.011944

La riserva naturale Foresta Umbra è un'area naturale protetta posta all'interno del Parco nazionale del Gargano. Si estende nella zona centro-orientale del Gargano, a circa 800 metri di altitudine. Il nome "umbra", deriva dal latino: cupa, ombrosa, come allora, e come in parte oggi, appare.

Dal 7 luglio 2017 le sue faggete vetuste sono entrate a far parte del patrimonio UNESCO[1].

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

La Foresta Umbra occupa un'area di circa 15.000 ettari.[2] Comprende zone tutelate dal 1977 come riserve naturali biogenetiche (Foresta Umbra, di 399h[3] e Falascone, di 48h[4]), caratterizzate da faggeta mista, e una riserva integrale (Sfilzi, di 56h[5]), zona di transizione tra faggeta e cerreta, nata nel 1971 a tutela dell'unica sorgente montana del Gargano.

La foresta è stata divisa in quattro zone più o meno concentriche: la zona A, la zona B, la zona C e la zona D.

  • zona A: area di riproduzione delle specie animali selvatiche. È il cuore nascosto della foresta e l'accesso al pubblico è vietato;
  • zona B: comprende la parte più incontaminata della Foresta Umbra dove è severamente vietato produrre rumori molesti, alzare la voce o avere comportamenti che possono essere percepiti in qualche modo dalla popolazione animale;
  • zona C: in quest'area è interdetto l'ingresso ai veicoli a motore, pur essendo libera la circolazione delle persone;
  • zona D: è quella di maggior tolleranza dal punto di vista ambientalistico, in quanto è la zona dei paesi compresi nella foresta.

Comuni[modifica | modifica wikitesto]

La Foresta Umbra si estende nei comuni di:

Flora[modifica | modifica wikitesto]

Floristicamente vi si possono distinguere tre zone: quella superiore della faggeta (84% circa di faggi, in misura minore aceri, carpini ecc.); quella intermedia della cerreta (cerri e altre querce circa 45%, faggi 21%, poi carpini, aceri, tigli ecc.) e quella bassa del bosco mediterraneo con lecci e specie minori. Lo scenario che la foresta offre in autunno è spettacolare, quando le foglie degli alberi si tingono dei tipici colori.

UNESCO white logo.svg Bene protetto dall'UNESCO
Faggete vetuste della Foresta Umbra
(Foreste primordiali dei faggi dei Carpazi e di altre regioni d'Europa)
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Foresta.jpg
TipoNaturale
Criterio(ix)
PericoloNon in pericolo
Riconosciuto dal2017
Scheda UNESCO(EN) (Primeval Beech Forests of the Carpathians and Other Regions of Europe)
(FR) Scheda

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

La Foresta Umbra ospita un grande numero di specie animali. Possiamo infatti trovare lepri, scoiattoli, fagiani e piccoli roditori oltre a cinghiali, caprioli, picchi e donnole. Nel folto è possibile anche avvistare il cervo. Comuni sono anche daini, volpi, tassi e gatti selvatici, questi ultimi predatori astuti e con abitudini elusive. Molte specie di uccelli tra le quali il corvo, la gazza, la capinera, l'usignolo, il pettirosso e il merlo. Numerosi sono i rapaci sia diurni come lo sparviero, il nibbio, l'astore e la poiana, sia notturni come il grande gufo reale, l'allocco, la civetta ed il barbagianni.

Alcune fototrappole, messe nelle zone più interne della foresta, hanno dimostrato la presenza del lupo appenninico. Nelle foto scattate si intravede una coppia di lupi, della quale la femmina, ha le mammelle gonfie, segno che è nel periodo dell'allattamento e che sta allevando dei cuccioli. Il ritorno del lupo, non solo sul Gargano, ma ancora prima sulla Murgia barese può essere spiegato con l'efficacia delle misure di protezione attuate dallo Stato che stanno facendo aumentare la popolazione di lupo. Il più importante carnivoro italiano, a partire dalla seconda metà del XX secolo, ha recuperato i territori dai quali era stato eliminato nei due secoli precedenti, tornando a svolgere il suo prezioso ruolo di predatore al vertice della piramide trofica.

Attività[modifica | modifica wikitesto]

I prodotti principali delle attività legate al bosco sono rappresentati dal legname, soprattutto di faggio.

Attività turistiche nella Foresta Umbra[modifica | modifica wikitesto]

Nella Foresta Umbra è possibile fare un gran numero di attività tra cui Trekking, MTB, E-Bike.

In Foresta Umbra ci sono 15 sentieri di diversa difficoltà, adatti ai vari tipi di visitatori.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Stato quotidiano - La Foresta Umbra è patrimonio mondiale dell’UNESCO
  2. ^ Foresta Umbra del Parco Nazionale del Gargano - Puglia, su agraria.org. URL consultato il 23 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 21 ottobre 2013).
  3. ^ Riserva Naturale Statale Foresta Umbra - Puglia, su agraria.org. URL consultato il 23 aprile 2020.
  4. ^ Riserva Naturale Statale Falascone - Puglia, su agraria.org. URL consultato il 23 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 21 ottobre 2013).
  5. ^ Riserva Naturale Statale Sfilzi - Puglia, su agraria.org. URL consultato il 23 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 21 ottobre 2013).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]