Ridicule

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ridicule
Ridiculе.png
una scena del film
Titolo originaleRidicule
Paese di produzioneFrancia
Anno1996
Durata102 min
Rapporto2,35:1
Generedrammatico, commedia
RegiaPatrice Leconte
SoggettoRémi Waterhouse, Michel Fessler e Eric Vicaut
SceneggiaturaRémi Waterhouse, Michel Fessler e Eric Vicaut
Casa di produzioneEpithète, Cinéa e France 3 Cinéma
Distribuzione (Italia)Cecchi Gori Distribuzione
FotografiaThierry Arbogast
MontaggioJoëlle Hache
MusicheAntoine Duhamel
ScenografiaIvan Maussion
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Ridicule è un film del 1996 diretto da Patrice Leconte, nominato all'Oscar al miglior film straniero.

È stato presentato in concorso al 49º Festival di Cannes.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1780 il barone Grégoire Ponceludon de Malavoy arriva alla corte di Versailles con l'intenzione di trovare i finanziamenti per bonificare le paludi della sua zona d'origine che sono causa di malattie ai danni della popolazione locale. Incontra quindi il marchese de Bellegarde che gli suggerisce di usare la sua abilità oratoria e la sua abilità nel creare motti di spirito per farsi strada fino al re Luigi XVI. Conosce nel frattempo Mathilde, la figlia del marchese de Bellegarde, della quale si innamora; tuttavia la giovane è già fidanzata con un ricco aristocratico.

Durante gli incontri dell'alta società il barone de Malavoy riesce a distinguersi per la sua arguzia anche ai danni dell'abate di Vilecourt, protetto di Madame de Blayac. Dopo la caduta in disgrazia dell'abate il barone de Malavoy diventerà l'amante di Madame de Blayac, che riuscirà a portarlo al cospetto del re. La giovane Mathilde intanto capisce di amare il barone e rompe il fidanzamento con il ricco aristocratico; de Malavoy e Mathilde iniziano quindi una relazione amorosa che fa ingelosire Madame de Blayac.

Quando ormai è imminente il suo incontro con il re per discutere sulla bonifica delle paludi, il barone partecipa ad un ballo in cui Madame de Blayac riesce a vendicarsi: il barone cade a terra in seguito a uno sgambetto e viene canzonato. Consapevole che una così grande figuraccia gli avrebbe precluso la possibilità di incontrare il re, de Malavoy amareggiato accusa i presenti del loro disinteresse verso le vite umane che la mancata bonifica della palude stroncherà e dell'arrivismo a discapito degli altri che imperversa nella corte, Madame de Blayac non trarrà dunque alcuna gioia dalla propria vendetta.

Tempo dopo il marchese de Bellegarde rifugiato in Inghilterra in seguito alla rivoluzione francese rivela che sua figlia e il barone de Malavoy si sono sposati e sono rimasti in Francia per proseguire il progetto di bonifica.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Official Selection 1996, festival-cannes.fr. URL consultato il 6 gennaio 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN209900184 · GND (DE4741729-8 · BNF (FRcb16607316x (data)
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema