Regime dei minimi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il regime dei minimi è un particolare regime fiscale italiano in vigore dal 1º gennaio 2008 introdotto con la legge 24.12.2007 n. 244, art. 1 commi 96-117 che aveva l'obiettivo di risultare molto semplice e vantaggioso e mediante il quale si sarebbe potuto contare su un abbattimento dei costi amministrativi.

Requisiti soggettivi[modifica | modifica wikitesto]

Possono accedere, in quanto regime naturale, i contribuenti sia imprese individuali sia professionisti che:

  • presumono di avere un volume di ricavi entro il limite dei trentamila euro annui;
  • non hanno effettuato cessioni all'esportazione;
  • non hanno dipendenti o collaboratori;
  • non hanno erogato utili ad associati in partecipazione con apporto di solo lavoro;
  • non hanno acquistato nel triennio precedente beni strumentali per un importo superiore a quindicimila euro.

Esclusioni[modifica | modifica wikitesto]

Sono esclusi:

  • i non residenti;
  • chi operi in attività a regime speciale Iva quali editoria, agricoltura, agenzie di viaggi o simili;
  • coloro che partecipano in società di persone, associazioni tra professionisti, o società a responsabilità limitata in regime di trasparenza fiscale;
  • chi effettua attività di cessione di immobili ovvero mezzi di trasporto nuovi.

Beni strumentali[modifica | modifica wikitesto]

al fine del calcolo del tetto di quindicimila euro si considerano:

  • i beni utilizzati sia per l'attività che ad uso personale si considerano in misura pari alla metà del relativo corrispettivo;
  • i canoni di locazione o noleggio;
  • non rilevano i beni in comodato d'uso.

Semplificazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il regime prevede l'esonero da:

  • registrazione fatture emesse e d'acquisto;
  • dichiarazione e comunicazione annuale Iva;
  • compilazione elenco clienti e fornitori black list;
  • obblighi di liquidazione e versamento Iva.

Obblighi[modifica | modifica wikitesto]

Restano gli obblighi relativi a:

  • numerazione progressiva per anno d'imposta e conservazione documenti;
  • presentazione elenchi Intrastat;
  • per i professionisti è necessaria la titolarità di un conto corrente bancario da utilizzare per incassi e pagamenti.

L'imposta sostitutiva, alla luce della Circolare 17/E 2012 Agenzia delle Entrate, risulta ridotta al 5% dall'anno di imposta 2012.

Termine[modifica | modifica wikitesto]

Il regime termina:

  • quando vengano meno i requisiti soggettivi ed oggettivi richiesti:
  • in seguito ad accertamento divenuto definitivo:
  • nell'anno stesso di superamento della soglia dei trentamila euro di ricavi per oltre il 50% del valore stesso (quarantacinquemila euro).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]