Imposta sugli intrattenimenti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'imposta sugli intrattenimenti, nel sistema tributario italiano, è una imposta a cui sono assoggettati gli introiti derivanti da alcune attività del settore dello spettacolo, degli intrattenimenti e dei giochi.

È regolata dal decreto legislativo 26 febbraio 1999, n. 60[1], e sostituisce la precedente "imposta sugli spettacoli".

Sono soggette a questa imposta, oltre al versamento dell'IVA, le attività di esecuzione di musica non dal vivo, l'utilizzo di apparecchi da gioco o intrattenimento e l'ingresso in sale da gioco o scommesse. Tutte le altre attività di spettacolo e intrattenimento sono invece soggette al solo regime IVA ordinario.

Le aliquote previste variano dall'8% al 60% a seconda del tipo di attività.

Note[modifica | modifica wikitesto]