Red Dragon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Red Dragon (disambigua).
Red Dragon
Red Dragon (screenshot).jpg
Hannibal Lecter (Anthony Hopkins) in una scena del film
Titolo originaleRed Dragon
Paese di produzioneStati Uniti d'America, Germania
Anno2002
Durata124 min
Generethriller, giallo
RegiaBrett Ratner
SoggettoThomas Harris (romanzo)
SceneggiaturaTed Tally
ProduttoreDino De Laurentiis, Martha De Laurentiis
FotografiaDante Spinotti
MontaggioMark Helfrich
Effetti specialiKen Pepiot, Ted Andre
MusicheDanny Elfman
ScenografiaKristi Zea
CostumiBetsy Heimann
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Red Dragon è un film del 2002 diretto da Brett Ratner con protagonisti Edward Norton, Anthony Hopkins e Ralph Fiennes tratto dal romanzo Il delitto della terza luna di Thomas Harris.

Si tratta del prequel del pluripremiato Il silenzio degli innocenti di Jonathan Demme nonché del remake di Manhunter - Frammenti di un omicidio di Michael Mann.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Will Graham riesce a catturare il terribile serial killer cannibale Hannibal Lecter dopo una durissima colluttazione che lascia profondi segni non solo nel corpo ma anche nella sua psiche, tanto da indurlo a lasciare tutto e a trasferirsi in Florida con la moglie e il figlio.

La sua straordinaria capacità di immedesimarsi nell'assassino sulla scena del crimine e la sua sensibilità nel rilevare particolari per tutti gli altri insignificanti vengono tuttavia di nuovo richieste tre anni dopo da un suo ex compagno nell'FBI per fermare un serial killer soprannominato "il lupo mannaro" poiché agisce durante il periodo di luna piena: due intere famiglie sono già state orribilmente uccise e manca poco alla prossima luna piena e ad una possibile nuova tragedia.

Il "lupo" è Francis Dolarhyde, un tecnico di una ditta di materiale audiovisivo disturbato da profondi complessi psicologici creatigli un tempo dalla tirannica nonna e dall'essere stato affetto da cheiloschisi; la sua follia lo porta addirittura a venerare una figura astratta e mostruosa chiamata "Drago Rosso" (nata dal dipinto di William Blake The Great Red Dragon and the Woman clothed by the Sun), alla quale obbedisce dedicandole i suoi terribili misfatti.

Will questa volta ha bisogno dell'aiuto di Lecter, con cui aveva già collaborato prima di catturarlo, e questi accetta ma al contempo progetta la sua vendetta personale rivelando al killer - che prova per lui grande ammirazione, tanto da intrattenere una fitta corrispondenza - l'indirizzo dell'ex poliziotto. Dolarhyde, braccato dalla polizia grazie alle indagini di Graham e al fatto di aver abbassato la guardia essendosi innamorato ricambiato di una ragazza cieca, mette in atto un piano per far credere di essersi suicidato e quindi, credendo che il caso sia chiuso, Graham torna a casa dalla sua famiglia.

Una sera suo figlio rientra in casa e il serial killer lo rapisce; Will, con un astuto gioco psicologico, riesce a liberare il figlio e ingaggia una sparatoria con Dolarhyde: i due rimangono a terra e la moglie di Will, rientrata in casa, uccide il lupo.

Nella scena finale il dottor Chilton, direttore del manicomio criminale, informa Lecter che una giovane agente dell'FBI desidera incontrarlo.

Differenze[modifica | modifica wikitesto]

La differenza principale tra il film e il romanzo sta nel finale: nel primo l'assassino viene ucciso e Graham può vivere felice con la sua famiglia, mentre nel romanzo Graham rimane pesantemente sfigurato in volto ("ridotto come un quadro di Picasso", commenterà Lecter) e verrà lasciato dalla moglie; addirittura, ne Il Silenzio degli Innocenti, si viene a sapere che Graham ha perso la ragione ed è diventato anche un alcolista.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema