Róbinson Zapata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Róbinson Zapata
Robinson "Rufay" Zapata.PNG
Nome Róbinson Zapata Montaño
Nazionalità Colombia Colombia
Altezza 186 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Portiere
Squadra Indep. Santa Fe
Carriera
Giovanili
-1997 América de Cali
Squadre di club1
1998-2000 América de Cali 18 (-?)
2001-2002 Real Cartagena 86 (-?)
2003-2004 América de Cali 33 (-?)
2004 Rosario Central 1 (-?)
2005 Independiente 0 (-0)
2005-2006 Belgrano 25 (-?)
2006 Dep. La Serena 0 (-0)
2006-2007 Cúcuta Deportivo 44 (-?)
2007-2011 Steaua Bucarest 85 (-64)
2011 Galatasaray 10 (-15)
2011 Deportivo Pereira 18 (-15+)
2012 Itagüí Ditaires 23 (-22)
2013 Millonarios 6 (-7)
2014- Indep. Santa Fe 28 (-24;1)
Nazionale
2007- Colombia Colombia 4 (-?)
Palmarès
Coppa America calcio.svg Copa América
Bronzo USA 2016
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 26 maggio 2016

Róbinson Zapata Montaño (Florida, 30 settembre 1978) è un calciatore colombiano, portiere dell'Independiente Santa Fe e della Nazionale colombiana.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Zapata debutta nell'América de Cali e poi si trasferisce nel Real Cartagena; nel 2004 si trasferisce in Argentina dove milita nel Rosario Central, Independiente e Belgrano, prima di andare in Cile, al La Serena. Dopo il suo girovagare per il Sudamerica torna in patria accasandosi al Cúcuta Deportivo. Dopo la Coppa Libertadores 2007 si trasferisce alla Steaua Bucarest.

Il 23 gennaio 2011 firma un contratto fino al 2012 con il Galatasaray.[1]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 luglio 2007 Zapata ha rappresentato la Colombia durante la Copa América 2007.

Viene convocato per la Copa América Centenario negli Stati Uniti.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) New Arrivals at Galatasaray, galatasaray.org.
  2. ^ Convocatoria Selección Colombia para Copa América Centenario 2016, fcf.com.co, 21 maggio 2016. URL consultato il 26 maggio 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]