Cúcuta Deportivo Fútbol Club

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cúcuta Deportivo
Calcio Football pictogram.svg
LogoCucuta.png
El Doblemente Glorioso - (il doppiamente glorioso), Los Motilones - (motilones), La Furia Motilona - (fury motilona), Los Indios - (indiani), El Equipo Fronterizo - (squadra di frontiera), Rojinegros - (rojinegros).
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali 600px Rosso e Nero.svg rosso-nero
Dati societari
Città Cúcuta
Nazione Colombia Colombia
Confederazione CONMEBOL
Federazione Flag of Colombia.svg FCF
Campionato Fútbol Profesional Colombiano
Fondazione 1924
Presidente José Augusto Cadena
Allenatore José Alberto Suárez
Stadio General Santander
(46.519 posti)
Sito web www.cucutadeportivo.com.co
Palmarès
Titoli nazionali 1 Campionato colombiano
Si invita a seguire il modello di voce
Stadio General Santander

Il Cúcuta Deportivo Fútbol Club S. A.[1] è una società calcistica colombiano con sede nella città di Cúcuta, capitale del Norte de Santander. È stata fondata il 10 settembre 1924,[2][3] ma ha ricevuto il suo riconoscimento ufficiale in professionalità il 22 settembre 1949.[1] I colori che identificano la squadra sono il rosso e il nero, grazie ai colori della bandiera di Norte de Santander e la città di Cúcuta, club attualmente gioca nella Primera B Categoria del calcio professionista colombiano dal sceso di promozione contro il Team Fortaleza FC di Bogotà.

Il team ha vinto sette titoli tra nazionali e internazionali, di cui quattro sono amichevoli (1951, 2009, 2010, 2011), e tre sono ufficiali: (1996, 2005, 2006), questi ultimi sono due titoli di Torneo de Ascenso e Liga Colombiana, sono le conquiste più importanti e riconosciute che ha guadagnato il club durante la sua storia, anche ammesso la sua partecipazione al Coppa Libertadores 2007, dove ha raggiunto la semifinale esempio, cadendo contro i Boca Juniors della Argentina e Coppa Libertadores 2008, dove ha raggiunto l'istanza knockout, cadendo contro il Santos della Brasile.

Il 22 novembre del 2007 grazie alla sua performance guadagnato diversi premi e riconoscimenti dalla televisione Fox Sports, la modifica Colombia,[4] a causa della loro partecipazione alla Coppa Libertadores 2007.

Il suo rivale classico è la Atlético Bucaramanga squadra attualmente gioca nella Categoría Primera B con contestando la "Classic colombiano Oriente" o "Classic Santandereano".

Storia recente[modifica | modifica wikitesto]

Nella seconda metà del 2006 è salita alla ribalta calcistica nazionale vincendo per la prima volta il campionato. Il 20 dicembre 2006, nella finale del torneo di Clausura nazionale, ha sconfitto per 2-1 il Deportes Tolima. L'ossatura della squadra era formata da Blas Pérez, Roberto Bobadilla, Charles Castro, Macnelly Torres, Nelson Florez, Lincarlo Henry e Róbinson Zapata. Nell'edizione 2007 della Coppa Libertadores, cui ha partecipato in qualità di campione di Colombia in carica, ha raggiunto sorprendentemente le semifinali. Malgrado la vittoria per 3-1 nella partita di andata giocata in Colombia, il Cúcuta è stato poi eliminato in virtù della sconfitta per 3-0 nella gara di ritorno contro gli argentini del Boca Juniors.

In totale conta 46 stagioni nella seconda divisione colombiana e 9 nella terza serie nazionale.

Fans[modifica | modifica wikitesto]

La Banda del Indio, conosciuto anche con la sigla LBI è la più grande caratteristica teppista che ha il Cúcuta Deportivo considerato uno dei più grandi in Colombia, si trova nella tribuna sud stadio Generale Santander.

La band è stata creata il 28 novembre del 2004, quattro giovani che erano in disaccordo con il funzionamento della vecchia squadra bar (The People Barra), l'idea di attirare più tifosi al bar si avvicinò con l'idea di distribuire volantini e visita le scuole e nei quartieri Cittadella Juan Torre di Guardia e di alcuni quartieri della città di Cúcuta.

I loro incontri si sono svolti sul campo Natilam, situato nella cittadella di Juan Atalaya. La prima riunione della barra sei persone hanno partecipato, ma col passare del tempo ha cominciato ad arrivare sempre più giovani provenienti da diverse parti della città, e si è sviluppato bar Cúcuta.

Hanno cominciato a prendere la sua prima tela (squadra bandiera allusivo), che ha chiesto (lebbra), diffusione panno in molti stadi del paese, quando la squadra ha giocato in un'altra città. Alla fine hanno cominciato a venire sempre più appassionati per gli stracci bar, e sono stati caratterizzati da più tifosi rispetto al vecchio attrezzature bar. Si noti che La Banda del Indio è l'unico mondo hooligan che è riuscito a violare la sicurezza del loro stadio, il stadio General Santander e ha avuto il coraggio di mettere una bara con il corpo di un ventilatore in partita di campionato.[5] Questo è accaduto nel Torneo Apertura 2011 mentre il Cúcuta Deportivo fronte contro Envigado FC.[6]

Attualmente La Banda del Indio continua a sostenere la sua squadra dentro e fuori della città di essere una canna desiderosi di seguire la squadra nella buona e nella cattiva sorte.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

2006 (Clausura)
1996, 2005

Competizioni amichevoli[modifica | modifica wikitesto]

  • Apertura Torneo di Estadio Olimpico Atahualpa: 1
1951
  • Feria Internacional Copa del Sol: 1
2009
2010
  • Copa Comune sindaco Pedro María Ureña: 1
2011

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Secondo posto: 1957, 1964, Finalización 1970
Terzo posto: 1951
Secondo posto: 1997
Semifinalista: 2007

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b CÚCUTA DEPORTIVO F.C. S.A., División Mayor del Fútbol Colombiano. URL consultato il 29 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 7 ottobre 2013).
  2. ^ DATOS PRINCIPALES | Cúcuta Deportivo Fútbol Club S.A
  3. ^ 10 de septiembre de 2012, Feliz Cumpleaños Cúcuta Deportivo, soyrojinegro.com. URL consultato il 29 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2013).
  4. ^ (ES) La Opinión, Cúcuta destacado en los Premios Fox Sports [collegamento interrotto], su laopinion.com.co. URL consultato il 26 novembre 2007.
  5. ^ http://www.diarioveloz.com/adjuntos/120/imagenes/000/494/0000494899.jpg
  6. ^ Unos aficionados meten al estadio un ataúd con un cadáver durante un partido - ABC.es

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]