Quintino Sella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Quintino Sella
Quintino Sella3.jpg

Ministro delle finanze del Regno d'Italia
Durata mandato 3 marzo 1862 –
8 dicembre 1862
Capo di Stato Vittorio Emanuele II di Savoia
Presidente Urbano Rattazzi
Predecessore Pietro Bastogi
Successore Marco Minghetti
Legislature VIII legislatura del Regno d'Italia
Collegio Cossato

Durata mandato 27 settembre 1864 –
13 dicembre 1865
Capo di Stato Vittorio Emanuele II di Savoia
Presidente Alfonso La Marmora
Predecessore Marco Minghetti
Successore Antonio Scialoja
Legislature VIII legislatura del Regno d'Italia

Durata mandato 14 dicembre 1869 –
10 luglio 1873
Capo di Stato Vittorio Emanuele II di Savoia
Presidente Giovanni Lanza
Predecessore Luigi Guglielmo Cambray-Digny
Successore Marco Minghetti
Legislature X legislatura del Regno d'Italia, XI legislatura del Regno d'Italia

Deputato del Regno d'Italia
Legislature VIII, IX, X, XI, XII, XIII, XIV, XV

Deputato del Regno di Sardegna
Legislature VII

Dati generali
Partito politico Destra storica
Titolo di studio Ingegnere idraulico, 1847
Università Università di Torino
Professione scienziato, economista, politico
Quintino Sella2.jpg

Quintino Sella (Sella di Mosso, 7 luglio 1827Biella, 14 marzo 1884) è stato uno scienziato, politico e alpinista italiano.

Per tre volte Ministro delle finanze del Regno d'Italia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Quintino Sella nasce nel 1827 alla frazione Sella di Valle Superiore di Mosso nel Biellese, ottavo dei venti figli di Maurizio e di Rosa Sella. La famiglia era attiva nel settore della lavorazione della lana fin dal Seicento, ma non mancavano professioni liberali e vocazioni religiose. A partire dal 1835 il padre Maurizio Sella acquisisce dalla Congregazione del Santuario di Oropa gli immobili sulla riva sinistra del torrente Cervo, in cui aveva sede un albergo di virtù con annesso un filatoio di seta e un lanificio che dava lavoro a ragazze in difficoltà, e i relativi diritti di derivazione d'acqua. Vi impianta un lanificio con i nuovi filatoi meccanici che erano stati importati nel 1817 dal cugino Pietro Sella, e la famiglia vi si trasferisce. Dopo la morte di Maurizio nel 1844, si occupano della gestione della ditta i figli maschi: Gaudenzio, Francesco, Giuseppe Venanzio e Quintino. Il 29 luglio 1853 Quintino sposa la cugina Clotilde Rey con la quale avrà sette figli. Muore il 14 marzo 1884 nella sua abitazione all'interno del lanificio ed è sepolto nel cimitero monumentale di Oropa

Attività scientifica[modifica | modifica wikitesto]

Quintino viene indirizzato dalla famiglia agli studi di ingegneria idraulica che effettua all’Università di Torino ottenendo la laurea il 3 agosto 1847. La scelta di quella facoltà era legata all’attività famigliare ma, dopo aver conseguito la laurea, Quintino accetta la proposta del Regno Sabaudo di frequentare la prestigiosa École des Mines di Parigi per approfondire gli studi in campo minerario. Durante i tre anni di perfezionamento, che concluderà nel 1851, Quintino compie periodi di apprendistato visitando le officine dell’Auvergne, le miniere di Pontgibaud in Francia e la regione mineraria dello Harz in Prussia. In seguito effettua numerosi viaggi di studio in Francia, Inghilterra, Germania che avranno un ruolo fondamentale nella sua formazione. Una lettera del dicembre 1851 mandata da Quintino alla madre da Clausthal, testimonia il suo amore per la mineralogia: “Una passione sola mi cagiona talvolta qualche conforto ed è quella delle pietre. Ho qua occasione di studiare delle bellissime pietre, e ciò mi fa passare qualche ora felice. Non avrei mai creduto che lo studio della natura fosse così allettevole”. Nel dicembre del 1852 viene nominato professore di Geometria applicata alle Arti presso il Regio Istituto Tecnico di Torino che, grazie al suo attivo interessamento, diventerà Scuola di Applicazione per gli ingegneri nel 1859 (dal 1906 Politecnico di Torino). Nel 1853 si reca in Savoia come reggente temporaneo di quel distretto minerario e, nel giugno dello stesso anno, riceve dal Ministro della Pubblica Istruzione Luigi Cibrario l'incarico di ordinare la collezione di minerali conservata presso il museo mineralogico dell’ Istituto Tecnico di Torino. Nel 1856 è nominato direttore del museo e, in questa veste, dona la sua importante collezione privata di minerali, composta da oltre settemila esemplari, andando così ad incrementare la raccolta del museo che raggiungerà i 18.000 pezzi complessivi. Pur mantenendo l’insegnamento della geometria applicata presso l’Istituto Tecnico, alla fine del 1853, Quintino è nominato professore sostituto di Matematica presso l’Università di Torino. Nell’arco di questi anni, dal 1854 al 1861, si concentrano quasi tutti i suoi lavori scientifici nel campo della cristallografia teorica e di quella morfologica. Il primo a riconoscerne l’originalità scientifica nel campo della cristallografia matematica è William H. Miller docente di Mineralogia presso l'Università di Cambridge. Miller, entusiasta per l’applicazione fatta da Sella dei determinanti al fine di sistematizzare le proprietà della cristallografia geometrica, fa pubblicare il metodo sul Philosophical Magazine nel 1857 e lo riprende successivamente in altre pubblicazioni. Nel 1865 vengono tradotte in tedesco anche le lezioni di Sella sul disegno assonometrico dei cristalli, le quali, utilizzando solo la geometria elementare, inaugurano un metodo esatto di disegno prospettico dei cristalli utilizzato ancor oggi. Il ruolo internazionale di Sella tra i padri della cristallografia è definitivamente sancito nel 1906, anno in cui Ferruccio Zambonini cura la pubblicazione in tedesco dei suoi più importanti contributi cristallografici. A riconoscimento dei suoi meriti scientifici, il mineralogista tedesco Johann Strüver nel 1868 dà il suo nome ad un nuovo minerale ritrovato in una morena di un ghiacciaio della Savoia, a base di fluoruro di magnesio: la sellaite. La sua competenza in campo minerario e lo spirito pratico, lo portano a studiare - aderendo all’incarico avuto nel 1854 da Ernesto Ricardi di Netro, uno dei proprietari delle miniere di Traversella - il modo di ottenere in economia la separazione della magnetite dalla pirite cuprifera. In breve tempo Sella progetta e realizza la “cernitrice elettro magnetica”, basata sul principio delle elettro calamite. Nel 1855 per questa invenzione ottiene un brevetto di privativa per la durata di quindici anni e nel 1862 il modello di questa cernitrice viene premiato con una medaglia d’oro all’Esposizione Universale di Londra. Il 26 settembre del 1881 pronuncia a Bologna il discorso di apertura della seconda sessione del 1° Congresso internazionale geologico e il 28 settembre fonda con Giovanni Capellini la Società Geologica Italiana. Nelle scienze matematiche apporta perfezionamenti teorici e pratici e diffonde l’uso del regolo calcolatore; contribuisce in Italia alla diffusione del disegno assonometrico. Il 4 dicembre del 1870, pochi mesi dopo la presa di Roma, Quintino Sella diviene socio corrispondente dell’Accademia dei Lincei, socio nazionale il 25 gennaio 1872 e il 1 marzo 1874 è eletto Presidente. Manterrà questo incarico fino al 1884, anno della sua morte. Nel discorso di insediamento egli espone le linee principali del suo programma per lo sviluppo dell’Accademia, proponendo la riforma dello statuto e la suddivisione dei soci in nazionali, corrispondenti e stranieri. Nel febbraio del 1875 fa approvare il nuovo statuto dell’Accademia con l’istituzione della classe di Scienze morali, storiche e filologiche. Quest’azione sancisce inoltre il carattere nazionale della stessa e rientra nel piano di trasformazione e di valorizzazione di Roma come capitale d’Italia e come centro scientifico europeo. A fare parte della rinata Accademia dei Lincei vengono chiamati i più grandi scienziati del tempo, come Charles Darwin, Herbert Spencer, Theodor Mommsen. L’Accademia inizialmente svolge la sua attività presso il Campidoglio, ma la visione di Sella richiede una sede adeguata: nel 1883 egli la individua in Palazzo Corsini che viene acquistato a tal fine dallo Stato Italiano. Quintino Sella è anche appassionato cultore di arte, storia, e antichità in generale. Effettua ricerche paleografiche su importanti documenti. Nel 1870 trascrive e pubblica la Pandetta delle Gabelle e dei Diritti della Curia di Messina e nel 1875 trascrive e inizia la stampa di una parte degli Statuta Comunis Bugellae, opera successivamente proseguita e portata a termine dal nipote Pietro Sella. Trascrive e pubblica anche il manoscritto trecentesco, conosciuto come Codex Astensis, rinvenuto a Mantova nel 1842 e passato agli Archivi Imperiali Austriaci di Vienna. Nel 1876, a seguito delle trattative per il riscatto delle ferrovie dell’Alta Italia condotte da Sella in qualità di rappresentante del Regno d’Italia a Vienna, l’Imperatore austriaco Francesco Giuseppe, visto l’esito positivo delle stesse, gli dona il Codex. Successivamente Quintino lo presenta all’Accademia dei Lincei e, considerata l’importanza del manoscritto, ne ottiene la pubblicazione. Si occupa personalmente della trascrizione paleografica con l’aiuto dell’amico Pietro Vayra; pubblica il IV volume nel 1880, mentre i rimanenti tre, oltre all’indice, saranno pubblicati postumi.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Ritornato a Torino, nella capitale del Regno di Sardegna, dopo aver conseguito il diploma di “élève brevété” all’École des Mines, si fa notare dalla classe politica per le capacità dimostrate. Nel 1859 viene nominato membro della Commissione per il riordino degli studi universitari (Legge Casati) e, qualche mese dopo, l’11 dicembre, è nominato membro ordinario del consiglio superiore di Pubblica Istruzione. Nel marzo del 1860 Camillo Benso lo informa che la sua elezione a deputato del collegio di Cossato sarebbe ben vista dal Governo: da questo momento ha inizio il suo impegno ambito politico. Si impone subito come uno dei più autorevoli rappresentanti della Destra storica: nel 1861 è segretario generale al Ministero della pubblica istruzione e il 3 marzo 1862 assume il Ministero delle Finanze nel Governo Rattazzi che cade l’8 dicembre di quello stesso anno. Il 27 settembre del 1864 Quintino viene rieletto Ministro delle Finanze sotto il nuovo Governo La Marmora. Da qui in avanti, in una fase assai critica gravata dai costi dell’unificazione che rischiano di mandare il nuovo Stato Italiano in default, si dedica al pareggio del bilancio statale, attuando quella necessaria politica di economie e di inasprimenti fiscali sui consumi e sui redditi, ricorrendo talvolta a provvedimenti impopolari. Uno di questi è l’imposta sul macinato che, presentata il 13 dicembre 1865, viene respinta provocando la caduta dello governo stesso. Nel 1866, quale Commissario straordinario del Re a Udine appena liberata dagli austriaci, impedisce il ritorno degli occupanti dopo la firma dell’armistizio. Tra le diverse iniziative di cui è promotore, ricordiamo l’istituzione a Biella nel 1869 della prima scuola professionale pubblica, l’attuale ITIS Q. Sella, e nel 1870 il progetto di legge sottoposto alla Camera e volto all’istituzione delle costituzione delle casse di risparmio postali, da lui ripresentato più volte, che verrà approvato nel maggio del 1875. Nel 1869 soggiorna due volte in Sardegna in qualità di componente della Commissione Parlamentare d’Inchiesta sulle condizioni dell’isola; a Quintino Sella verrà affidato, come parlamentare di rilievo e studioso di mineralogia d’indiscussa competenza, lo studio sulle condizioni dell’industria mineraria. La sua relazione, l’unica a stampa della Commissione, verrà pubblicata nel 1871. Dal dicembre del 1869 al luglio del 1873 è di nuovo Ministro delle Finanze nel Governo Lanza-Sella. Nel 1870 si oppone tenacemente alla volontà del re Vittorio Emanuele II, prima da solo e poi con altri ministri, all’intervento dell’Italia a fianco della Francia contro la Germania. Dopo la sconfitta di Napoleone III, è tra i più accesi sostenitori della presa di Roma e nel 1871 ispira anche la legge delle Guarantigie. Nel 1872, in una serie di interventi alla Camera, il Sella delinea il grande piano delle opere edilizie di Roma e, nell’agosto del 1873, anno in cui cade il Governo Lanza-Sella, viene eletto presidente del consiglio provinciale di Novara, carica che gli verrà riconfermata fino alla fine dei suoi giorni. Nel 1875 elabora un progetto di convenzione, stipulato lo stesso anno a Basilea, per l’acquisto delle ferrovie austriache nei territorio annessi al Regno d’Italia dopo la terza guerra d’Indipendenza. Dal 1876, caduto il ministero Minghetti, ultimo della Destra storica, al potere dalla costituzione del Regno d’Italia, Sella viene nominato capo della Destra, da cui si dimetterà nel 1878 per potersi opporre alla proposta di abolizione della tassa sul macinato. Nel 1881 Sella riceve dal Re Umberto l’incarico di formare un nuovo esecutivo, ma non riuscendo a costituire una maggioranza di moderati, il tentativo fallisce.

Quintino Sella e l'alpinismo[modifica | modifica wikitesto]

Nel discorso pronunciato agli elettori del paese di Mosso S. Maria nel 1867, Quintino Sella così ricorda le sue origini pedemontane: “Signori! Si dice che i montanari spiccano per una singolare pertinacia nel loro affetto al luogo natio. Ed io vi confesso che, anche negli anni passati fuori d'Italia, in città popolose ed in studii, fra cui potenti distrazioni non mancavano, oh! quante volte si presentavano alla mia mente le cime della Rovella e del S. Bernardo, note a chi è cresciuto in mezzo a esse, direbbe il Manzoni, come l'aspetto dei suoi famigliari. E più tardi, malgrado che l'andar degli anni e le lotte politiche rintuzzassero la vivacità del sentire, io non seppi mai tornare in questi luoghi con indifferenza”.[1] Da queste parole si evince l’amore di Quintino Sella per le montagne che ha origine dal luogo in cui è nato, ubicato ai piedi delle cosiddette “prealpi biellesi”: all’età di undici anni aveva compiuto la sua prima ascensione, al Monte Mucrone (2335 m.), la cima più rappresentativa dell’area. Nel 1850, come allievo dell'École des Mines, compie un viaggio di istruzione nelle miniere di piombo argentifero di Pontgibaud, presso Clermond Ferrand, e coglie l’occasione per effettuare l’ascensione al Puy de Dome. Dopo il suo ritorno nel Regno di Sardegna, come ingegnere delle miniere, Quintino visita le miniere dell’arco alpino del Piemonte e della Valle d'Aosta. Nel 1854 compie una delle prime ascensioni al Breithorn (4164 m.) nel gruppo del Monte Rosa, in compagnia del conte Paar, rappresentante austriaco negli Stati Sardi. Durante la discesa, evita la tragedia di tutta la spedizione. Nel suo diario così descrive l’accaduto: “ Vi fu un momento in cui scappò un piede al Conte Paar, esso cadde, trascinò la guida che gli stava retro, lasciò scappare il bastone e se io e l’ultima guida non avessimo tenuto saldo poteva succedere una disgrazia”. Eletto deputato, nell’agosto del 1861, Quintino compie una visita nelle province meridionali, per conto del ministro della Pubblica Istruzione Francesco De Sanctis, al fine di riferirgli sulle condizioni dell’istruzione in quelle zone; da Napoli, il 19 agosto, racconta alla madre Rosa Sella di aver salito il Vesuvio il giorno precedente e ne descrive lo “spettacolo veramente singolare che vale la pena di essere visto […].” Nell'agosto del 1863 Quintino compie la prima spedizione tutta italiana al Monviso insieme ai fratelli Paolo e Giacinto Ballada de Saint Robert e al deputato calabrese Giovanni Baracco. Ad essa farà seguire la pubblicazione della lettera Una salita al Monviso all’amico e collega Bartolomeo Gastaldi, segretario della Scuola d’Applicazione per gli ingegneri fondata da Sella nel 1860 al Castello del Valentino di Torino. Al termine della relazione della salita, avanza la proposta della fondazione di un Club Alpino in Italia con queste parole: “A Londra si è fatto un Club Alpino, cioè di persone che spendono qualche settimana dell'anno nel salire le Alpi, le nostre Alpi! […] ivi si conviene per parlare della bellezza incomparabile dei nostri monti e per ragionare sulle osservazioni scientifiche che furono fatte o che sono a farsi […] Anche a Vienna si è fatto un Alpenverein […] Ora non si potrebbe fare alcunché di simile da noi? Io crederei di sì […]”. L’appello riceve immediatamente numerosi consensi e così, il 23 ottobre del 1863 nel Castello del Valentino, Sella e una quarantina di soci fondano il Club Alpino che due anni dopo diverrà Club Alpino Italiano. Dopo l’improvvisa e prematura morte del barone Ferdinando Perrone di S. Martino, primo presidente del Club Alpino Italiano nel luglio 1864, la Direzione del Club Alpino nomina all’unanimità Sella come Presidente che, a causa degli impegni politici, ricuserà la nomina, assunta dal fido Gastaldi. Sella la accetterà solo nel gennaio 1876 per tenerla fino alla morte. Già dalla fondazione del Club Alpino, lo statista biellese nutre il progetto di precedere gli inglesi sulla vetta del Cervino (4478 m.), l’ultima grande montagna inviolata delle Alpi. A tale scopo, nel luglio 1864 convoca a Biella la guida valdostana Jean Antoine Carrel, ex bersagliere, per ingaggiarla. Tuttavia, i molteplici impegni di quell’estate impediscono al Sella di accogliere l’invito di Carrel che lo sollecita a raggiungerlo al Breuil per compiere l’ascensione. Dopo anni di tentativi dalla cresta italiana del Breuil soprattutto ad opera di Carrel e degli inglesi Tyndall e Whymper, la conquista del Cervino avverrà a sorpresa, a metà luglio del 1865, dalla cresta svizzera dell’Hoernli, ad opera della cordata di Whymper. La vittoria costa però l’altissimo prezzo di quattro vittime. La cordata di Carrel, che opera agli ordini dell’ingegner Felice Giordano inviato da Quintino Sella, riesce finalmente ad espugnare la vetta tre giorni dopo dal più difficile versante italiano, piantando il tricolore. A livello familiare il Sella ama dedicare i giorni delle vacanze estive a condurre in montagna figli e nipoti ragazzini, ai quali trasmette la sua passione, in particolare a partire dagli anni settanta. Nell'agosto 1872 compie la traversata del Monte Rosa attraverso "parecchi colli alpini" e l'anno dopo ripete l'impresa con i figli maggiori Alessandro e Corradino. Con essi sale ancora il Lysjoch (4200 m.) e il colle delle Loccie (3334 m.) nel 1874, la Punta Dufour (4630 m.) al Monte Rosa nel 1875, il Cervino nel 1877 e infine il Monte Bianco nel 1879: un’attività alpinistica di tutto rispetto per l’epoca. Dall’inizio degli anni Ottanta saranno gli stessi figli e nipoti di Quintino Sella a compiere ascensioni di rilievo europeo come la prima al Dente del Gigante (4013 m.) nel 1882 e la prima invernale al Cervino (compiuta dal nipote Vittorio Sella nel marzo dello stesso anno) al gran Paradiso, alle vette del Monte Rosa e al Monte Bianco dal versante italiano.. Dopo la morte di Quintino, il Club Alpino gli dedicherà vari rifugi: il Rifugio Quintino Sella sul Monviso, Il Rifugio Quintino Sella sul versante Sud del Monte Bianco, Il Rifugio Quintino Sella al Felik nel gruppo del Monte Rosa. Il Rifugio Quintino Sella Sulle Dolomiti di Brenta vicino al Rifugio Tuckett, dedicatatogli dalla S.A.T (Società Alpinisti Tridentini), allora ancora soggetta all’Austria, insieme alla Cima Sella.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Pochi sanno che proprio l'uomo che teorizzò e attuò la sua politica di economie fino all'osso volle rifondare l'Accademia dei Lincei, allargandone gli interessi con l'istituzione della classe di scienze morali, storiche e filologiche e diventandone, nel 1872, membro e socio nazionale – era già socio dell'Accademia delle Scienze di Torino dal 7 dicembre 1856 – e poi, dal 1º marzo 1874, presidente della stessa. Durante la sua presidenza acquista per conto dell'ente quella che diverrà la sua sede definitiva, il palazzo Corsini a Roma, e apre le porte dell'Accademia ai soci stranieri.
  • Nel 1869 è fra i patrocinatori della Banca Biellese, di cui diventa anche il primo presidente, mentre negli ultimi anni di vita elabora il progetto di una banca privata “familiare”, che vedrà poi la luce dopo la sua morte, con la fondazione, nel 1886, della Banca Sella.
  • Una delle piazze più importanti della città sarda di Iglesias è intitolata a Quintino Sella e in essa è ubicata anche una statua che lo rappresenta realizzata da Giuseppe Sartorio.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Opuscoli

  • Sunto di una memoria sull'attrito dell'accademico Cav. Quintino Sella, letta all'Adunanza della classe di Scienze fisiche e matematiche il giorno 7 aprile alla Accademia Reale delle Scienze di Torino, Torino, Tipografia Eredi Botta, [1864]
  • Quadro delle forme cristalline dell'Argento Rosso, del Quarzo e del Calcare di Q. Sella (Estratto da una memoria sulle Forme Cristalline dell'Argento Rosso letta davanti alla R. Accademia delle Scienze di Torino li 10 febbraio 1856), Torino, Tipografia Paravia e Compagnia, 1856
  • Studi sulla mineralogia sarda per Quintino Sella Ingegnere delle miniere, direttore del Gabinetto mineralogico del R. Istituto Tecnico di Torino, Torino, Stamperia Reale, 1856
  • Sulla legge di connessione delle forme cristalline di una stessa sostanza per Q. Sella. (Estratto da una memoria Sulle Forme Cristalline dell'Argento Rosso letta alla Regia Accademia delle Scienze di Torino, li 10 febbraio 1856), Torino, Tipografia Paravia e Compagnia, 1856
  • Elementare Degründung der Aronometrie, Freiberg, Buchhanblung, 1857
  • Sulle forme cristalline del boro adamantino. seconda memoria. per Quintino Sella membro della R. Accademia delle Scienze, Torino, Stamperia Reale, 1857
  • Sulle forme cristalline di alcuni sali di platino e del boro adamantino per Quintino Sella Membro della R. Accademia delle Scienze, Torino, Stamperia Reale, 1857
  • Notizia storica dei lavori fatti dalla classe di Scienze Fisiche e Matematiche della Reale Accademia delle Scienze negli anni 1856-57 scritta dall'accademico professore Eugenio Sismonda segretario aggiunto di essa classe [..], Torino, Stamperia Reale, 1858
  • Sulla savite di Q. Sella. Estratto dal Nuovo Cimento, Tom.VII, fasc.di Marzo 1858, 1858
  • Discussioni del disegno di legge per la soppressione dell'Università di Sassari. Camera dei Deputati (12 giugno 1860), 1860
  • Sui principi geometrici del disegno e specialmente dell'axonometrico. Lavoro dettato da Quintino Sella per le sue lezioni di Geometria applicata alle arti date in maggio e giugno 1856 al R. Istituto tecnico di Torino, Milano, Tipografia di Domenico Salvi e Comp, 1861
  • Sulle forme cristalline di alcuni sali derivati dall'ammoniaca. Per Quintino Sella membro della Reale Accademia delle Scienze, Torino, Stamperia reale, 1861
  • Una salita al Monviso Lettera di Quintino Sella a B. Gastaldi segretario della Scuola per gli Ingegneri, Torino, Tipografia dell’Opinione, 1863
  • Discorso d' apertura del congresso dei naturalisti pronunziato dal presidente straordinario Comm. Quintino Sella nella tornata del 3 settembre 1864 in Biella. Dagli Atti della Società Italiana di scienze naturali, Milano, Tipografia Bernardoni, 1864
  • Sulla costituzione geologica e sull'industria del biellese. Discorso inaugurale della prima riunione straordinaria della Società Italiana di Scienze Naturali in Biella, Biella, Tipografia Amosso, 1864
  • Contabilità generale dello stato progetto di legge presentato dal ministro delle finanze Q. Sella del 19 dicembre 1865,1865
  • Die Financielle Lage Italiens. Rede Finanz-Ministers herrn Sella, Köln, Dumont, 1865
  • Die geometrischen principien des zeichnens, insbesondere die der axonometrie von Quintino Sella Koniglich Italienischem Finanzminister, Greifswald, C. A. Koch's Verlagsbuchhandlung, 1865
  • Royaume d' Italie. Chambre des Députés. Discours sur la situation financière prononcé par M. Sella Ministre des Finances (Séance du 14 mars 1865), Firenze, Typographie de l’Italie, 1865
  • Situation des finances italiennes. Discours prononcé le 13 décembre 1865 a la Chambre des Députés par M. Quintino Sella Ministre des Finances, Typographie de l’Italie, 1865
  • Lezioni di cristallografia per Quintino Sella. Scuola di Applicazione degli Ingegneri in Torino, Torino, Litografia P. Briola, 1867
  • Scuola di Applicazione degli Ingegneri In Torino. Lezioni di cristallografia per Quintino Sella, Torino, Litografia P. Briola, 1867
  • Discorso del Deputato Quintino Sella vice-presidente onorario perpetuo della Società Generale di Mutuo Soccorso degli Operai di Biella nella Festa del XVII anniversario della medesima. 11 ottobre 1868, Biella, Tipografia e Litografia G. Amosso, 1868
  • Relazione alla R. Accademia delle Scienze di Torino sulla memoria di Giovanni Struever intitolata Studii sulla mineralogia italiana. Pirite del Piemonte e dell'Elba, Torino, Stamperia Reale, 1869
  • Sul combustibile italiano. Lettera del Commendatore Quintino Sella al Prof. Deputato P. Torrigiani e risposta del Dottore Luigi Battista al Professore Timoteo Riboli, Torino, Tipografia Letteraria, 1869
  • Ueber den Zustand der Mineralindustrie auf der Insel Sardinien. Von. Q.Sella in Rom, Berlin, 1871, Bernstein
  • Esposizione finanziaria fatta alla Camera dei deputati dal ministro delle finanze Quintino Sella nella Tornata del 12 dicembre 1871, Roma, Tipografia Eredi Botta, 1872
  • Intorno ai provvedimenti finanziari. Discorso pronunciato alla Camera dei Deputati nella tornata del 18 marzo 1872 dal Ministro delle finanze Quintino Sella, Roma, Tipografia Eredi Botta, 1872
  • Quintinus Sella Reverendissimo Ignatio de Doellinger Ludovico-Maximilianeae Universitatis Rectori magnifico salutem dicit, Roma, 1872
  • Discours prononcé a la Chambre des députés par M. Quintino Sella Ministre des finances dans la Séance du 17 Mars 1873, Rome, Imprim, de l’Italie, 1873
  • Sulla situazione delle finanze. Discorsi pronunziati alla Camera dei Deputati dal Ministro delle finanze Quintino Sella nelle tornate del 17 e 19 Marzo 1873, Roma, Tipografia Eredi Botta, 1873
  • Sulla tassa di macinazione dei cereali. Discorso pronunziato alla Camera dei Deputati nella tornata del 2 aprile 1873 dal Ministro delle Finanze Quintino Sella, Roma, Tipografia Eredi Botta, 1873
  • Discorso pronunziato dall'onorevole Q. Sella all'apertura del VII Congresso del Club alpino. Estratto dall'OPINIONE n° 223 e 224, Roma, Tipografia dell’Opinione, 1874
  • Camera dei Deputati. Discorso di Quintino Sella nelle Tornate del 26 e 27 giugno 1876 sulla convenzione di Basilea e sul trattato di Vienna pel riscatto delle ferrovie dell'Alta Italia, Roma, Tipografia Eredi Botta, 1876
  • Discorso di Quintino Sella nel banchetto offertogli il 15 ottobre 1876 dagli elettori politici del Collegio di Cossato, Roma, Tipografia dell’Opinione, 1876
  • Primi elementi di cristallografia per Quintino Sella. Lezioni fatte nel 1861- 62 alla Scuola d'Applicazione degli Ingegneri di Torino. Seconda Edizione, Torino, Stamperia Reale di Torino di G. B. Paravia,1877
  • Tassa sugli zuccheri. Discorsi del deputato Quintino Sella alla Camera dei Deputati 25, 26 e 27 maggio 1887, Roma,Tipografia Eredi Botta, 1877
  • Sulla discussione del progetto di legge per modificazioni della legge sulla tassa del macinato. Discorso del deputato Quintino Sella pronunziato alla Camera dei deputati nella tornata del 6 luglio 1878, Roma, Tipografia Eredi Botta, 1878
  • Camera dei deputati. Discussione del progetto di legge per costruzione di nuove linee di completamento della rete ferroviaria del Regno. Discorsi pronunziati dal deputato Quintino Sella nelle sedute del 21 e 23 giugno 1879. Linea Sotto-Alpina, Roma, Tipografia Eredi Botta, 1879
  • Delle forme cristalline dell'Anglesite di Sardegna. Sunto della prima parte di una memoria di Quintino Sella. Reale Accademia dei Lincei Anno CCLXXVI (1878 - 1879), Roma, Salviucci, 1879
  • Gastaldi Bartolomeo Cenno necrologico per Quintino Sella. Reale Accademia dei Lincei Anno CCLXXVI (1878 – 1879), Roma, Salviucci, 1879
  • Codex Malabayla. Indices, 1880
  • Discorso di Quintino Sella nel banchetto offertogli il 9 maggio 1880 in Mosso Santa Maria dagli elettori politici del collegio di Cossato, Biella, Tipografia e Litografia G. Amosso, 1880
  • Reale Accademia dei Lincei. Quintino Sella Discorso inaugurale pronunziato nella seduta Reale del 19 dicembre 1880. Estratto dal Vol. V.° - Serie 3.a – Transunti, 1880
  • Sulle presenti condizioni della pubblica finanza. Discorsi dell'On. Quintino Sella all'adunanza delle associazioni costituzionali delle province meridionali tenutasi a Napoli l'8 gennaio 1880 (resoconto stenografico), Napoli, Tipografia del Comm. Gennaro de Angelis e figlio, 1880
  • Congrès Géologique International 2.me session - Bologne 1881 Discours de M. Q. Sella Président d' honneur à la séance d'ouverture, Bologna, Fava e Garagnani, 1881
  • Sul concorso dello Stato nelle opere edilizie di Roma e sui provvedimenti a favore del Comune di Napoli. Discorsi del deputato Quintino Sella pronunziati alla Camera dei deputati nelle tornate delli 14, 17 e 21 marzo 1881, Roma, Tipografia Eredi Botta, 1881
  • Sulle casse postali di risparmio . Lettera all'onorevole deputato Podestà. Estratto dalla Nuova Antologia 1° Giugno 1881, Roma, Tipografia Barbèra, 1881
  • Italia e Francia 1870. Secondo narrazioni di G.Lanza, Q.Sella, E.Ollivier e d'un uomo politico italiano, Parma, Stampato coi tipi di L. Battei, 1895
  • Studi sulla minerologia sarda per Quintino Sella Ingegnere delle miniere, direttore del Gabinetto mineralogico del R. Istituto Tecnico di Torino, Torino, Stamperia Reale, 1908
  • Sul modo di fare la carta geologica del Regno d'Italia. Relazione del Commendatore Quintino Sella. Al sig. Commendatore Cordova ministro di Agricoltura, Industria e Commercio, Vigliano Biellese, Tipografia Gariazzo M. & Figli, 1997

Volumi

  • Royaume d' Italie. Chambre des Députés. Discours sur la situation financière prononcé par M. Sella Ministre des Finances (Séance du 14 mars 1865), Firenze, Typographie de l’Italie Memorie, Torino, 1856
  • Relazione del ministro delle finanze (Quintino Sella) presentata alla Camera dei deputati nella tornata del 1°dicembre 1862, Torino, Stamperia Reale, 1862
  • Progetto di legge e documenti presentati dal Ministro delle Finanze Quintino Sella nella tornata della Camera dei Deputati il 18 novembre 1862 per un'imposta sui redditi della ricchezza mobile, Torino, Tipografia Botta, 1863
  • Sessione parlamentare del 1863. Tassa governativa e dazio comunale di consumo. Relazioni e discussioni alla Camera dei Deputati e testo del progetto di legge adottato nella seduta del 1° agosto 1863, Torino, Tipografia Botta, 1863
  • Imposte fondiarie - Relazione con allegati presentata dal Ministro delle Finanze (Sella) alla Camera dei Deputati il 13 dicembre 1865, Firenze, Tipografia Botta, 1866
  • Sull'amministrazione delle tasse sugli affari, sul demanio e sul lotto per l' anno 1864. Relazione presentata dal Ministro delle Finanze (Sella) alla Camera dei deputati, Firenze, Tipografia Eredi Botta, 1866
  • Esposizione finanziaria fatta alla Camera dei deputati dal Ministro per le finanze Quintino Sella nelle Tornate del 10 e 11 marzo 1870, Firenze, Tipografia Eredi Botta, 1870
  • Pandetta delle gabelle e dei diritti della Curia di Messina,Torino, Stamperia Reale, 1870
  • Royaume d' Italie - Chambre des députés - Exposé de la situation financière fait par M. Quintino Sella. Séances des 10 et 11 mars 1870, Firenze, Typographie de l’Italie, 1870
  • Camera dei deputati - Relazione del deputato Sella alla Commisione d' inchiesta sulle condizioni dell' industria mineraria in Sardegna, Firenze, Tipografia Eredi Botta, 1871
  • Sulle condizioni dell'industria mineraria nell'isola di Sardegna. Relazione alla Commissione parlamentare d'inchiesta per Quintino Sella, Firenze, Tipografia Eredi Botta, 1871
  • Codex Astensis qui de Malabayla communiter nuncupatur. Vol. II. Pars prima, secunda et tertia codicis, Roma, Salviucci, 1880
  • Codex Astensis qui de Malabayla communiter nuncupatur. Vol. II. Vol. III. Vol. IV., Roma, Salviucci, 1880
  • Codex Astensis qui de Malabayla communiter nuncupatur. Vol. III. Pars quarta et quinta codicis, Roma, Salviucci, 1880
  • Codex Astensis qui de Malabayla communiter nuncupatur. Vol. IV. Appendix et indices locorum et hominum, Roma, Salviucci, 1880
  • Teorica e pratica del regolo calcolatore. Seconda Edizione Italiana, Torino, Tipografia Paravia, 1886
  • Codex astensis qui de Malabayla communiter nuncupatur Vol. I Del codice d'Asti detto Malabayla Memoria di Quintino Sella, Roma, Tipografia della Regia Accademia dei Lincei, 1887
  • Del codice d' Asti Detto de Malabayla Memoria di Quintino Sella, Roma, Tipografia della Regia Accademia dei Lincei, 1887
  • Discorsi parlamentari di Quintino Sella pubblicati dalla camera dei deputati, Roma, Tipografia Camera dei Deputati, 1889

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Opuscoli

  • Faldella Giovanni, I Lamarmora e Quintino Sella. Conferenza tenuta il 20 settembre al Teatro Sociale di Biella [..] .Per le nozze dell'Egregio Amico Cav. Giovanni Ramasco con la Gentile Signorina Bice Tessiore. Omaggio dal Senatore Giovanni Faldella. Torino, 20 aprile 1911, Torino, S. Lattes & C. Librai – Editori
  • Calani A., Quintino Sella commendatore dell' ordine dei S.S. Maurizio e Lazzaro. Estratto dal "Parlamento del regno d'Italia" di A.Calani, Milano, Tipografia Civelli, 1865
  • Previale Luigi, A S. E. il Ministro delle Finanze Quintino Sella, Un evviva. Marcia per Pianoforte. Composta pel ricevimento nella fausta occasione del Banchetto elettorale di Masserano addì 13 Novembre 1870 di Luigi Previale, Torino, Giudici e Strada, 1870
  • Corona G, Alla punta Sella dei Jumeraux di Valturnanche a Quintino Sella Lettera di G. Corona, Roma, Tipografia dell’Opinione, 1875
  • AA. VV., Commemorazione di Quintino Sella promossa dall'Unione Liberale Monarchica col concorso del R. Istituto di Studi Superiori e della sezione Fiorentina del Club Alpino Italiano. Discorsi [...], Firenze, Tipografia Editrice del Fieramosca, 1887
  • AA.VV., Fabriano a Quintino Sella, Fabriano, Tipografia Gentile, 1884
  • AA.VV., Società dei Naturalisti di Modena. Rendiconto dell'adunanza generale straordinaria del 23 marzo 1884. Commemorazione del socio onorario Comm. Quintino Sella, Modena, G.T. Vincenzi e nipoti, 1884
  • Becherucci Francesco, Inno alla memoria del grande cittadino Quintino Sella - Ricordo alla nazione italiana, Firenze, Tipografia G. Campolmi, 1884
  • Bonbicci Luigi, Commemorazione di Quintino Sella - promossa dal Circolo Universitario V.E.II., Bologna, Tipografia Fava e Garagnani, 1884
  • Boschi Angelo, Commemorazione di Quintino Sella fatta in Padova a cura del Circolo Universitario Vittorio Emanuele II il 18 Maggio 1884, Padova, Stabilimento Prosperini, 1884
  • Carutti Domenico, L'onorevole Quintino Sella. Notizia di Domenico Carutti, Torino, Tipografia G. B. Paravia e C., 1884
  • Castagnola Stefano, In commemorazione di Quintino Sella. Discorso dell'Avvocato Stefano Castagnola pronunciato in Genova il 24 marzo 1884 Nell'Associazione Costituzionale Ligure, Genova, Tipografia del Commercio Gazzetta di Genova, 1884
  • Chiaves Desiderato, Quintino Sella, discorso pronunciato da Desiderato Chiaves il giorno 23 marzo 1884 in solenne commemorazione promossa in Torino dal Circolo Monarchico Liberale Universitario, Torino, Casanova, 1884
  • Cocchi Igino, Solenne commemorazione di Quintino Sella nell' accademia Petrarca di Arezzo la sera del 30 Marzo 1884, Firenze, Tipografia Barbera, 1884
  • F. G., Necrologia - Quintino Sella, Roma, Tipografia Nazionale, 1884
  • Finale Gaspare, In onore di Quintino Sella Discorso pronunziato in Camerino il giorno 11 maggio 1884 da Gaspare Finali Senatore del Regno, Imola, Tipografia D’Ignazio Galeati e Figlio, 1884
  • Lucca Piero, Associazione Monarchico-Liberale di Vercelli. 14 aprile 1884. Quintino Sella. Commemorazione di Piero Lucca, Vercelli, Tipografia Coppo, 1884
  • Negroni Carlo, Della vita e dei fatti di Quintino Sella. Discorso commemorativo di Carlo Negroni, Novara, Fratelli Miglio, 1884
  • Società Alpinisti Tridenti, Commemorazione in morte di Quintino Sella fatta nell'adunanza generale della Società degli Alpinisti Tridentini in Rovereto li 6 aprile 1884,Rovereto, Tipografia Roveretana, 1884
  • Taramelli T., Parole dette in occasione della morte di Quintino Sella nell'adunanza del R. Istituto Lombardo di scienze e lettere del giorno 20 marzo 1884 dal M. E. prof. T. Taramelli. Estratto dai Rendiconti del R. Istituto Lombardo, Serie II, Vol. XVII, fasc. VI, Milano, Tipografia Bernardoni, 1884
  • Uzielli Gustavo, Alcune parole su Quintino Sella dette dal Prof. Gustavo Uzielli nella Regia Scuola d'Applicazione per gl'Ingegneri in Torino il 17 marzo 1884 e raccolte dai suoi allievi, Torino, Tipografia Speirani, 1884
  • Vella Luigi, Per Quintino Sella parole di commemorazione dette dal Prof. Luigi Vella vice segretario della R. Accademia delle Scienze dell'Istituto di Bologna nella seduta del 23 marzo 1884, Bologna, Tipografia Gamberini e Parmeggiani, 1884
  • Cossa Alfonso, Su la vita ed i lavori scientifici di Quintino Sella. Discorso di Alfonso Cossa. Reale Accademia dei Lincei (Anno CCLXXXII 1884-85), Roma, Tipografia della Reale Accademia dei Lincei, 1885
  • Hofmann Aug.Wilh., Zur erinnerung an Quintino Sella, Berlin, Verlag Von August Hirschwald, 1886
  • Scandurra Francesco Enrico, Per la solenne inaugurazione dello Asilo Rurale Quintino Sella in Partanna-Mondello. Parole di Francesco Enrico Scandurra Direttore degli Asili Rurali e dell'Educatorio Whitaker. Estratto dal giornale "Lo Statuto, Palermo, Tipografia dello Statuto, 1886
  • Caranti Biagio, Alcune note biografiche su Quintino Sella raccolte da Biagio Caranti. Estratto dall'opera Il Risorgimento Italiano di Leone Carpi, Vol. IV, Milano, Antica Casa Editrice Dottor Francesco Vallardi, 1887
  • Hofmann A. W., In memoria di Quintino Sella. Lettura del D.r A. W. Hofmann Prof. di Chimica dell'Università di Berlino alla Società Chimica Tedesca in Berlino. Versione di Luigi Gabba Dr. F. C. Prof. Di Chimica nel R. Istituto Tecnico Superiore di Milano, Milano, Ditta G. B. Paravia e C. Tipografi Librari, 1887
  • Ormezzano Vincenzo, Quintino Sella dai suoi primi anni al principio della carriera politica, Torino, Tipografia L. Roux & C., 1888
  • Schiapparelli Luigi, Una lettura sulle memorie storiche del comune e sugli statuti della repubblica di Biella raccolte, ordinate e in parte pubblicate da Quintino Sella, di Luigi Schiapparelli. Estratto dagli Atti della Reale Accademia delle Scienze. Vol. XXIV, Torino, Ermanno Loescher, 1888
  • Boselli Paolo, Quintino Sella. Parole pronunziate da Paolo Boselli per la inaugurazione del monumento posto nel R. Castello del Valentino Sede della R. Scuola Superiore d'Applicazione per gl'Ingegneri in Torino XIV marzo MDCCCXCIV, Roma, Tipografia Nazionale Bertero, 1894
  • Laurini Gerardo, I pensieri di Quintino Sella, Firenze, Tipografia Flori e Biagini, 1896
  • Cossa Alfonso, La cernitrice elettro-magnetica di Quintino Sella. Notizie raccolte dal Professore Alfonso Cossa. Estratto dell'Annuario del Regio Museo Industriale Italiano 1900, Torino, Tipografia Eredi Botta, 1900
  • Lo Vetere Gallo Vincenzo, Quintino Sella e l'assonometria - Estratto dalla Rivista Tecnica Italiana, Fascicoli Luglio-Agosto 1901, Roma, Tipografia Forzani e C., 1901
  • Sacco Federico., Quintino Sella. Cenni biografici di Federico Sacco nel cinquantenario della fondazione della R. Scuola d'applicazione per Ingegneri in Torino (Estratto dalla Rivista Il Valentino - N. 2 e 3), Torino, Fratelli Fiandesio & c., 1911
  • Michieli A., Bibliotechina "Quintino Sella" per gli Studenti dell' Istituto Tecnico "Jacopo Riccati" in Treviso. Notizie e Catalogo 1909 – 1917, Treviso, Tipografia Longo, 1917
  • Borello Luigi, Il Primo Grande Biellese ed i suoi Attuali Discendenti - Nella Ricorrenza del I Anno Secolare della nascita di Quintino Sella, Biella, G. Amosso, 1927
  • Boselli Paolo, Roma e Quintino Sella. Dalla Nuova Antologia 16 settembre 1927, Roma, Bestetti & Tumminelli, 1927
  • Bustico Guido, La Rivista Biellese mensile illustrata. Arte storia sport. "Quintino Sella e la fondazione del Club Alpino Italiano", "Q. S. ed alcuni aspetti della questione sociale", "I Sella, la vecchia Borghesia e i nuovi Capitani dell'industria biellese". N° 9 settembre 1927, Biella, Tipografia Michele Waimberg, 1927
  • CAI, Club Alpino Italiano, sezione di Crescenzago Bollettino notiziario (Bimestrale) settembre-ottobre 1927. Anno V - N. 5 - Quintino Sella nel centenario della nascita, Milano, La Grafica Artistica, 1927
  • Passamonti Eugenio e Passarò Luigi, Passamonti Eugenio "Un maestro di Quintino Sella" e "Madarò Luigi "Quintino Sella aneddotico". Comunicazione al XX Congresso Storico Subalpino, Settembre 1927, 1927
  • Mecco Nestore, Nel centenario della nascita di Quintino Sella. Discorso dell'On. Nestore Mecco all'inaugurazione di una lapide commemorativa a Valle Superiore Mosso. XX Settembre - Anno V, Biella, Premiata Tipografia, Litografia e Legatoria, 1927
  • Minoletti Bruno, Quintino Sella storico, archeologo e paleografo. Dalla nuova antologia 16 settembre 1927, Roma, Bestetti & Tumminelli, 1927
  • Pomba G. L., Quintino Sella alpinista (Da "Realtà" del 1° novembre 1927), Milano, Soc. Anonima Coop. “Il Rotary”, 1927
  • Rosazza Mario (a cura di), Il Biellese sotto il giogo di Francia (1805). Da un manoscritto inedito della Biblioteca Reale di Torino. Memoria presentata al Congresso della Società Storica Subalpina tenuto in Biella per le celebrazioni centenarie di Quintino Sella, il 18-20 1927, Biella, Libreria Editrice Colongo-Garlanda, 1927
  • Sacco Federico, Quintino Sella Scienziato. Estratto dalla rivista del Club Alpino Italiano vol. XLVI, settembre-ottobre 1927, Torino, Tipografia Società Torinese, 1927
  • Trompej Filippo, Il Monumento a Quintino Sella in Roma. Genesi e vicende, Biella Vernato, Scuola Tipografica Ospizio di Carità, 1927
  • AA. VV., Due uomini dell'Ottocento Nazionale Quintino Sella - Goffredo Mameli, Milano, L’Editoriale Moderna, 1928
  • Collino Luigi, Quintino Sella. Commemorazione, Torino, Tipografia F. Mittone, 1928
  • Millosevich Federico, Quintino Sella cristallografo e mineralogista. Dalla pubblicazione commemorativa del Comitato Biellese per il I centenario dalla nascita di Quintino Sella, Biella, Tipografia Amosso, 1928
  • Palermo F. O., La finanza selliana. Dalla pubblicazione commemorativa per il I Centenario della nascita di Quintino Sella edita dai F.lli Bocca, Biella, Tipografia Amosso, 1928
  • De Francisci Gerbino G., Francesco Ferrara e Quintino Sella Conferenza tenuta nel maggio 1928 alla Società Siciliana di Storia Patria, Estratto da "La Sicilia nel Risorgimento Italiano" Anno I, Fasc. II., Palermo, 1931
  • Mongilardi Beppe, Quintino Sella e Giosuè Carducci, estratto da "Rivista Biellese" Febbraio 1950, Biella, 1950
  • Costantini Pio, "Quintino Sella e Roma capitale", Estratto dalla Rivista "La Imposizione diretta", Numero 3 - Luglio-Settembre 1958, Roma, Stabilimento Grafico Fausto Capriotti, 1958
  • Gramsci Antonio, Quintino Sella, in "La Trama. Problemi del lavoro, della tecnica e della cultura, Anno I n.1 novembre 1958", Biella, SATEB, 1958
  • Credali Adelvaldo, Quintino Sella e il carbon fossile di Borgotaro. Estratto dall'"Archivio Storico per le province parmensi" Quarta serie, vol. XIV - Anno 1962, Parma, “La Nazionale” Tipografia Editrice, 1962
  • AA. VV., Commemorazione del 150° anniversario della nascita di Quintino Sella. Biella, 30 ottobre 1977. Club Alpino Italiano, Bologna, Arti Grafiche Tamari, 1977
  • Moscati Laura, Quintino Sella riconsiderato. Estratto da "CLIO" Rivista trimestrale di studi storico. Anno XVII - N. 4 - Ottobre - Dicembre 1981, Edizioni Scientifiche Italiane, 1981
  • AA. VV., Incontro su Quintino Sella scienziato, statista, tecnico minerario e uomo di cultura. Torino 3 dicembre 1984. Estratto dal Bollettino della Ass. Mineraria Subalpina. Anno XXI, n° 4, dicembre 1984, Torino, S.P.E., 1984
  • Montalenti G., Rigault G, Romeo R., Accademia Nazionale dei Lincei. Atti dei Convegni Lincei. Quintino Sella. Giornata Lincea indetta in occasione del I Centenario della morte. (Roma, 26 maggio 1984), Roma, Eredi dott. G. Bardi, 1984
  • Paolo Friz Luigi, Quintino Sella e il sistema di irrigazione all'est del fiume Sesia. La costruzione del canale Cavour. Estratto dal "Bollettino Storico per la Provincia di Novara" n.1 – 1984, 1984
  • Rigault Germano e Romeo Rosario, Quintino Sella. Giornata lincea indetta in occasione del I Centenario della morte. Roma 26 maggio 1984, Roma, Accademia Nazionale dei Lincei, 1984
  • Dionisotti Carlo, Ricordo di Quintino Sella. Estratto dalla Rivista Storica Italiana. Anno XCVII - Fascicolo I – 1985, 1985
  • Malaguzzi Francesco, Da "Quintino Sella 1827-1884, catalogo della mostra"; estratto da "Notiziario Bibliografico di Studi Piemontesi" novembre 1985, vol. XIV. Fasc 2, Torino, Centro Studi Piemontesi, 1985
  • AA.VV., Celebrazioni per il 1° Centenario della morte di Quintino Sella. Biella febbraio marzo 1985, Biella, Tipolitografia Marone di Rosso Sandro, 1986
  • Ziliani Pietro, Quintino Sella presidente dell'Accademia dei Lincei. Estratto, Novara, Bollettino Storico per la provincia di Novara, 1995
  • Ziliani Pietro, Francesco De Sanctis e la riforma scolastica del 1861. Sette lettere inedite a Quintino Sella. Estratto dalla "Rassegna storica del Risorgimento" Anno LXXXV - Fascicolo II - Luglio - Settembre 1998, Roma, Istituto per la storia del Risorgimento, 1998
  • AA. VV., Convegno Quintino Sella Regio Commissario Straordinario in Friuli 1866. Udine, Palazzo Belgrado 28 e 29 settembre 2001, Udine, Accademia udinese di scienze, lettere e arti, 2001
  • Scalfati Massimo, L’etica del buongoverno in Quintino Sella, Napoli, Giannini Editore, 2002
  • Bustiani Attilio, All'esimio Cav. Angelo Feltrinelli integerrimo cittadino Chiaro Rettore di questa gargnanese comunità degnissimo preside del comitato Inaugurazione lapide commemorativa illustre Quintino Sella. Per Quintino Sella Ode, s.l., s.d
  • Spano Ernesto, A Quintino Sella - Inno per Pianoforte di Ernesto Spano, Milano, Pigna & Rovida, s.d.

Volumi

  • Manconi Francesco, Sulle condizioni dell'industria mineraria nell'isola di Sardegna. Relazione alla Commissione Parlamentare d'inchiesta per Quintino Sella. Riedizione dell'opera di Quintino Sella del 1871, Nuoro, Ilisso Edizioni, 1999
  • Tyndall J., Le forme dell'acqua. Nubi e fiumi, ghiaccio e ghiacciaj precedute da due discorsi e da una lettera dell'On. Comm. Quintino Sella e seguite da una conferenza [...], Milano, Fratelli Dumolard, 1877
  • Guiccioli Alessandro, Quintino Sella Vol. I, Rovigo, Officina Tipografica Minelliana, 1887
  • Guiccioli Alessandro, Quintino Sella. Seconda edizione. Vol. I e Vol. II, Rovigo, Officina Tipografica Minelliana, 1887
  • Alfani Augusto, "L'alpinismo e Quintino Sella", in Battaglie e Vittorie. Nuovo esempio di Volere è Potere, Firenze, G. Barbera Editore, 1911
  • AA.VV., Epistolario inedito di Quintino Sella con un saggio bibliografico a cura di Arturo Segre, Achille Corbelli, Giuseppe Prato, Adolfo Colombo, Luigi Collino, Luigi Madaro, Torino, Casa Editrice Giovanni Chiantore, 1927
  • AA. VV., Il Biellese. Edito a cura della Sezione di Biella del Club Alpino Italiano nel centenario della nascita di Quintino Sella, Ivrea, F. Viassone Tipografo Editore, 1927
  • Luzzati Luigi (a cura di), Le più belle pagine di Quintino Sella scelte da Luigi Luzzatti, Milano, Fratelli Treves, 1927
  • Palermo Franco O., Quintino Sella, il finanziere, Biella, Editrice Industria et Labor, 1927
  • AA.VV., Quintino Sella. Pubblicazione commemorativa edita a cura del Comitato Biellese per il I centenario di Quintino Sella, Torino, Fratelli Bocca Editori, 1928
  • Ormezzano Vincenzo, Alla venerata memoria di Quintino Sella, Biella, Tipografia Ospizio di Carità, 1931
  • Grimaldi Enrico, Quintino Sella, Milano, Casa Editrice Oberdan, 1939
  • Michieli Regina, Quintino Sella, Brescia, La scuola Editrice, 1954
  • Guiccioli Alessandro, Quintino Sella, Biella, Libreria Vittorio Giovannacci, 1980
  • Quazza Guido e Marisa (a cura di), Epistolario di Quintino Sella Vol. I 1842-1865, Roma, Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano, 1980
  • AA. VV., Quintino Sella 1827 - 1884. Mostra documentaria. Catalogo, Vercelli, Tipografia Gallo, 1984
  • Bellardone Patrizia (a cura di), Città di Biella Biblioteca Civica. Miscellanea Quintino Sella. Sezioni di: * Alpinismo * Biografie di mineralogi e geologi - Biografie di naturalisti - Botanica - Cristallografia - Geologia - Mineralogia - Petrografia – Zoologia, Biella, Tipografia Unione Biellese, 1984
  • Bellardone Patrizia (a cura di), Miscellanea Quintino Sella. Città di Biella Biblioteca Civica, Biella, Tipografia Unione Biellese, 1984
  • Fondazione Sella (a cura di), Quintino Sella 1827-1884. Mostra Documentaria. Catalogo a cura di Maurizio Cassetti e Teresio Gamaccio. Illustrazioni a cura di Vittoria Sella, Biella, Fondazione Sella, 1984
  • Quazza Guido e Marisa (a cura di), Epistolario di Quintino Sella Vol. II 1866-1869, Roma, Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano, 1984
  • Bulferetti Luigi e Crenna Mario (a cura di), Bollettino Storico per la Provincia di Novara. Anno LXXVII 1986 Semestrale 1. Quintino Sella e la provincia di Novara 1862-1884, Novara, Società Storica Novarese, 1986
  • Vernizzi Cristina (a cura di), Quintino Sella tra politica e cultura 1827 - 1884. Atti del Convegno Nazionale di Studi, Torino - Palazzo Carignano. 24-25-26 Ottobre 1984, Torino, Silvestrelli Cappelletto, 1986
  • Quazza Guido e Marisa (a cura di), Epistolario di Quintino Sella Vol. III 1870-1871, Roma, Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano, 1991
  • Debernardi Serventi Mariella (a cura di), La storia dell'Istituto Tecnico Industriale "Quintino Sella" di Biella, Biella, Tipografia Bodoniana, 1992
  • Quazza Guido, L'utopia di Quintino Sella. La politica della scienza, Torino, Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano, 1992
  • Dessì Maria Dolores, Quintino Sella ad Iglesias. Storia di un monumento. Storia del rapporto tra Quintino Sella ed Iglesias (con appendice documentaria di inediti e rispoduzione anastatica del Numero Unico: "Quintino Sella", pubblicato ad Iglesias il 7 giugno 1885), Quartu Sant’Elena, Astra Editrice, 1993
  • Marchese Eugenio, Quintino Sella in Sardegna. Con prefazione di Leone Testa, ingegnere ispettore del R. c. delle Miniere. Introduzione alla edizione anastatica di Manlio Brigaglia, Cagliari, Edizione della Torre, 1994
  • Quazza Guido e Marisa (a cura di), Epistolario di Quintino Sella. Vol. IV 1872-1874, Roma, Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano, 1995
  • AA. VV., Il Cinquantenario Istituto Quintino Sella Roma, Roma, Istituto Quintino Sella, 1998
  • Quazza Guido e Marisa (a cura di), Epistolario di Quintino Sella. Vol. V 1875-1878, Roma, Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano, 1999
  • AA. VV., Quintino Sella Regio Commissario Straordinario in Friuli 1866. Atti del Convegno di Studi. Palazzo Belgrado. Udine 27 e 28 settembre 2001, Udine, Accademia Udinese di Scienze, Lettere ed Arti, 2001
  • Quazza Guido e Marisa (a cura di), Epistolario di Quintino Sella. Vol. VI 1879-1881, Roma, Archivio Guido Izzi, 2004
  • Quazza Marisa (a cura di), Epistolario di Quintino Sella. Vol. VII 1882-1884, Roma, Archivio Guido Izzi, 2005
  • Bassignana Pier Luigi, Quintino Sella. Tecnico, politico, sportivo, Torino, Edizioni del Capricorno, 2006
  • Quazza Marisa, Epistolario di Quintino Sella. Vol. VIII Appendice, Roma, Gangemi Editore, 2010
  • Quazza Marisa, Mercandetti Andrea (a cura di), Epistolario di Quintino Sella. Vol. IX. Indice generale dei nomi di persona e di luogo, Roma, Gangemi Editore, 2011
  • Marongiu Gianni, "Il contributo di Quintino Sella alla politica fiscale della destra storica tra le continue emergenze e la conquista del pareggio (1876)" in Rassegna storica del Risorgimento. Anno XCIX - Fascicolo II - Aprile-Giugno 2012, Roma, Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano, 2012
  • Sella di Monteluce Nicolò (a cura di), Quintino Sella. Scritti di scienza. L'Armonia del Sapere e del Fare, Opera Pia Sella, 2012
  • Salsano Fernando, Quintino Sella ministro delle Finanze. Le politiche per lo sviluppo e i costi dell'Unità d'Italia, Bologna, Società Editrice Il Mulino, 2013
  • Bertoncini Marco, Ricci Aldo G. (a cura di), Quintino Sella. Discorsi e scritti, Ravenna, Libro Aperto editore, 2014
  • Castronovo Valerio, Giuseppe Venanzio Sella. Imprenditore e uomo di studi, Bologna, Il Mulino, 2015

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Sèlla, Quintino la voce nella Treccani.it L'Enciclopedia Italiana. URL visitato il 9 febbraio 2013.
Predecessore Ministro delle Finanze del Regno d'Italia Successore Flag of Italy (1861-1946).svg
Pietro Bastogi 4 marzo 1862 - 8 dicembre 1862 Marco Minghetti I
Marco Minghetti 28 settembre 1864 - 31 dicembre 1865 Antonio Scialoja II
Luigi Guglielmo Cambray-Digny 13 maggio 1869 - 10 luglio 1873 Marco Minghetti III
Controllo di autorità VIAF: (EN61562116 · LCCN: (ENn80128595 · SBN: IT\ICCU\CFIV\044273 · ISNI: (EN0000 0001 2135 6258 · GND: (DE118877801 · BNF: (FRcb120332292 (data) · BAV: ADV10272133 · CERL: cnp00401675
  1. ^ 'Discorso di Quintino Sella nel banchetto offertogli il 9 maggio 1880 in Mosso Santa Maria dagli elettori politici del collegio di Cossato', Biella, Tip. G. Amosso, 1880