Porto-Novo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Porto Novo (disambigua).
Porto-Novo
comune
Porto-Novo – Veduta
Laguna di Porto Novo
Localizzazione
StatoBenin Benin
DipartimentoOuémé
Amministrazione
SindacoMoukaram Océni dal 2008
Territorio
Coordinate6°28′59.88″N 2°37′00.12″E / 6.4833°N 2.6167°E6.4833; 2.6167 (Porto-Novo)Coordinate: 6°28′59.88″N 2°37′00.12″E / 6.4833°N 2.6167°E6.4833; 2.6167 (Porto-Novo)
Altitudine38 m s.l.m.
Superficie52 km²
Abitanti267 191 (2009)
DensitàErrore nell'espressione: numero inatteso ab./km²
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Benin
Porto-Novo
Porto-Novo
Sito istituzionale

Porto-Novo è la capitale ufficiale del Benin e il capoluogo del dipartimento di Ouémé con 255.878 abitanti (stima 2006).[1] È un porto affacciato sulla laguna di Porto-Novo, un braccio del golfo di Guinea. Porto-Novo è la seconda città per dimensioni del Benin, ma è meno importante dal punto di vista commerciale e industriale di Cotonou. La città è il centro agricolo della regione, il cui prodotto principale è l'olio di palma. Esporta inoltre cotone e kapok.

Porto-Novo venne probabilmente fondata alla fine del XVI secolo dal popolo gun. Deve il suo nome ai portoghesi, (Porto-Novo significa "porto nuovo"), che vi costruirono uno scalo commerciale nel XVII secolo allo scopo di imbarcare gli schiavi africani diretti nelle Americhe. Il regno di Porto-Novo accettò la protezione francese nel 1863 allo scopo di difendersi dall'accerchiamento britannico. Comunque, il confinante regno di Abomey non tollerava la presenza francese e scoppiò la guerra. Nel 1883 la marina francese sbarcò a Porto-Novo e Cotonou, e Porto-Novo venne inclusa nella colonia francese del Dahomey, della quale nel 1900 divenne la capitale.

Nella città si trovano l'Istituto di Studi Superiori del Benin, il museo di etnografia di Porto-Novo e il palazzo di re Toffa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Stima popolazione nel 2006 da GeoHive, su geohive.com. URL consultato il 30 ottobre 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN139558868 · LCCN: (ENn80165057 · GND: (DE4116069-1 · BNF: (FRcb119456832 (data)
Africa Occidentale Portale Africa Occidentale: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Africa Occidentale