Pontinia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pontinia
comune
Pontinia – Stemma
Pontinia – Bandiera
Pontinia – Veduta
Pontinia – Veduta
Veduta di Pontinia nel 1939
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLazio Coat of Arms.svg Lazio
ProvinciaProvincia di Latina-Stemma.png Latina
Amministrazione
SindacoEligio Tombolillo (lista civica) dal 4-10-2021
Data di istituzione19 dicembre 1934
Territorio
Coordinate41°24′29.88″N 13°02′39.62″E / 41.4083°N 13.04434°E41.4083; 13.04434 (Pontinia)
Altitudinem s.l.m.
Superficie112,1 km²
Abitanti15 064[1] (31-8-2022)
Densità134,38 ab./km²
FrazioniBorgo Pasubio, Campoioso, Cotarda, Mazzocchio, Mesa, Quartaccio.
Comuni confinantiLatina, Priverno, Sabaudia, Sezze, Sonnino, Terracina
Altre informazioni
Cod. postale04014
Prefisso0773
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT059017
Cod. catastaleG865
TargaLT
Cl. sismicazona 3B (sismicità bassa)[2]
Cl. climaticazona C, 1 165 GG[3]
Nome abitantipontiniani
Patronosant'Anna
Giorno festivo26 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Pontinia
Pontinia
Pontinia – Mappa
Pontinia – Mappa
Posizione del comune di Pontinia nella provincia di Latina
Sito istituzionale
Il centro di Pontinia in costruzione (1939)

Pontinia è un comune italiano di 15 064 abitanti[1] della provincia di Latina nel Lazio.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

La cittadina sorge nel cuore dell'Agro pontino e il suo territorio ricade interamente nell'area pianeggiante che fu bonificata nel XX secolo. Il centro sorge fra il fiume Sisto e la statale Appia.

Si trova a circa fra Latina e Sabaudia, ai margini del Parco Nazionale del Circeo in un'area a forte vocazione agricola.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Chiesa di Sant'Anna

Pontinia è delle cinque "città di fondazione" realizzate dal regime fascista nell'Agro pontino e romano. È la terza città a nascere in ordine cronologico dopo Latina e Sabaudia.

La denominazione è rimasta quella originaria, nonostante la necessità di rimuovere i toponimi fascisti delle città che erano state fondate e che terminavano quasi tutti in "-inia".

Così mentre  il capoluogo assunse nel 1944 la denominazione di Latinia e, successivamente, quella attuale di Latina (il 7 giugno 1945 a seguito della pubblicazione del decreto luogotenenziale del 9 aprile 1945, n. 270), non è ancora avvenuta tale variante per Pontinia,  che andrebbe corretto in Pontina, e Sabaudia, che andrebbe corretto in Sabauda.

Sorse su progetto dell'ingegnere Alfredo Pappalardo, con la consulenza artistica di Oriolo Frezzotti, e venne concepita come centro di servizi per i coloni delle campagne circostanti.

Il progetto originario prevedeva una città a pianta ortogonale che ruotava intorno a due grandi piazze. Risalgono a questo periodo il Palazzo Comunale, la chiesa di Sant'Anna, la casa del Fascio (ora casa della cultura), la scuola, l'ufficio postale, il cinema-teatro, la torre dell'acquedotto.[4] I primi abitanti provenivano prevalentemente dalla province di Mantova e Ferrara.

Un progetto per la costruzione di Pontinia fu offerto al fascismo dall'architetto francese Le Courbiser ma fu respinto.[5]

I lavori per la costruzione della cittadina iniziarono il 19 dicembre 1934 e Pontinia fu ufficialmente inaugurata il 18 dicembre 1935.

Il territorio fu ricavato dai comuni di Sezze, Terracina e Priverno.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]

Istituzioni, enti e associazioni[modifica | modifica wikitesto]

L'Associazione Sant'Anna 2.0 è sorta nel 2018 per gestire la parte "ludica" della Festa Patronale della città.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Il 18 dicembre 2011 viene inaugurato il Museo Agro Pontino.[7]

Media[modifica | modifica wikitesto]

Stampa[modifica | modifica wikitesto]

Il Chinino - Pontinia Magazine era un periodico di attualità, informazione e cultura interamente dedicato alla città pontina. È nato nel giugno 2010 ed è bimestrale. Le pubblicazioni sono cessate nel 2016.

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

SL 48 è l'unica emittente radiotelevisiva presente sul territorio comunale. Trasmette il proprio palinsesto sul digitale terrestre DVB-T sulla posizione 91 con due canali: SL48 1 e SL48 2.

Internet[modifica | modifica wikitesto]

A.Re.Ci. STUDIO Network, nata nel novembre 2004 è una web-tv che si occupa di cinematografia, informazione, tecnologia ed editoria in generale.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Quartaccio. È una frazione di circa 1.000 abitanti, ubicata tra la SS 7 Appia e la ferrovia Roma-Napoli. Il nome deriva forse da una misura agraria dell'impero romano; oppure dal termine "quarto" declinato al peggiorativo a causa dell'insalubrità della zona, allora paludosa, come il resto della pianura Pontina. La chiesa parrocchiale è dedicata alla Sacra Famiglia;
  • Borgo Pasubio è una frazione originariamente distaccata dal paese, ma oggi praticamente inclusa nel centro urbano;
  • Mesa, piccola frazione posta lungo la Via Appia, ove si trova il Mausoleo di Clesippo;
  • La Cotarda è una frazione abitata situata tra la stazione ferroviaria di Fossanova ed il paese di Pontinia, dista circa 4 km dai Laghi Gricilli). Il bar del posto è un importante luogo di incontro, famosa la specialità della falia (focaccia).

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito la tabella storica elaborata dall'Istat a tema Unità locali, intesa come numero di imprese attive, ed addetti, intesi come numero addetti delle unità locali delle imprese attive (valori medi annui).[8]

2015 2014 2013
Numero imprese attive % Provinciale Imprese attive % Regionale Imprese attive Numero addetti % Provinciale Addetti % Regionale Addetti Numero imprese attive Numero addetti Numero imprese attive Numero addetti
Pontinia 841 2,14% 0,18% 2.546 2,08% 0,17% 853 2.796 843 2.709
Latina 39.304 8,43% 122.198 7,75% 39.446 120.897 39.915 123.310
Lazio 455.591 1.539.359 457.686 1.510.459 464.094 1.525.471

Nel 2015 le 841 imprese operanti nel territorio comunale, che rappresentavano il 2,14% del totale provinciale (39.304 imprese attive), hanno occupato 2.546 addetti, il 2,08% del dato provinciale (122.198 addetti); in media, ogni impresa nel 2015 ha occupato tre persone (3,03).

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Serbatoio idrico
Municipio

Sindaci del Comune di Pontinia dal dopoguerra ad oggi[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1946 1947 Giovanni Marchetti PCI Sindaco
1947 1950 Francesco D'Ettorre PCI Sindaco
1950 1951 Francesco Vecchi Commissario prefettizio
1951 1953 Fernando Zappaterra PCI Sindaco
1953 1956 Primo Pirani PCI Sindaco
1956 1960 Lineo Bellini PCI Sindaco
1960 1970 Ugo Sestili Democrazia Cristiana Sindaco
1970 1974 Fernando Petrone Democrazia Cristiana Sindaco
1974 1975 Giovanni Alessandri Democrazia Cristiana Sindaco
1975 1979 Beniamino Cimini Democrazia Cristiana Sindaco
1979 1980 Alceo Francia Democrazia Cristiana Sindaco
1980 1980 Cesare Cocchieri Democrazia Cristiana Sindaco
1980 1982 Romeo Virgilio Emiliozzi Democrazia Cristiana Sindaco
1982 1985 Beniamino Cimini Democrazia Cristiana Sindaco
1985 1985 Italo Mantova Democrazia Cristiana Sindaco
1985 1988 Romeo Virgilio Emiliozzi Democrazia Cristiana Sindaco
12 aprile 1988 18 giugno 1990 Domenico Medici DC Sindaco
18 giugno 1990 18 giugno 1992 Paolo Amedeo Guidi PSI Sindaco
18 giugno 1992 27 agosto 1993 Giovanni Ferrarese DC Sindaco
27 agosto 1993 1º settembre 1994 Alessandro Simonetti PLI Sindaco
1º settembre 1994 20 novembre 1994 Maria Montagna Commissario Prefettizio
20 novembre 1994 29 novembre 1998 Eligio Tombolillo PDS Sindaco
29 novembre 1998 25 maggio 2003 Eligio Tombolillo Democratici di Sinistra Sindaco
25 maggio 2003 dicembre 2005 Giuseppe Mochi CdL Sindaco [9]
dicembre 2005 16 luglio 2006 Caterina Amato Commissario Prefettizio
16 luglio 2006 15 maggio 2011 Eligio Tombolillo Partito Democratico Sindaco
15 maggio 2011 6 giugno 2016 Eligio Tombolillo Partito Democratico Sindaco
6 giugno 2016 4 ottobre 2021 Carlo Medici Partito Democratico Sindaco
4 ottobre 2021 in carica Eligio Tombolillo lista civica Sindaco

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Pontinia è anche sede di un Consiglio Comunale dei Giovani, eletto per la prima volta il 13 dicembre 2009.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

  • A.S.D. Pontinia che, nel campionato 2022-2023, milita nel campionato maschile di Promozione.
  • A.S.D. Atletico Pontinia che, nel campionato 2022-2023, milita nel campionato maschile di Promozione.

Pallacanestro[modifica | modifica wikitesto]

  • Virtus Pontinia che, nel campionato 2019-2020, milita nel campionato maschile di Serie C Gold.[10]

Pallamano[modifica | modifica wikitesto]

Impianti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

  • Stadio comunale Riccardo Caporuscio
  • Palasport Marica Bianchi

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Bilancio demografico mensile anno 2022 (dati provvisori), su demo.istat.it, ISTAT.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Pontinia - la terza città nuova nell'Agro Pontino, su ZED Progetti, 18 novembre 2018. URL consultato il 12 agosto 2021.
  5. ^ L'Italia di Le Corbusier • Rivista Studio, su Rivista Studio, 18 ottobre 2012. URL consultato il 12 agosto 2021.
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  7. ^ MAP - Il Museo dell'Agro Pontino, su museoagropontino.it. URL consultato il 9 giugno 2015.
  8. ^ Atlante Statistico dei comuni dell'Istat, su asc.istat.it. URL consultato il 5 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 14 gennaio 2020).
  9. ^ Sfiduciato dal Consiglio Comunale
  10. ^ Il campionato regionale sul sito della FIP

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN132721809
  Portale Lazio: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Lazio