Planitia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Planitia (plurale: planitiae) è un termine latino dal significato letterale di "pianura", comunemente utilizzato nel campo dell'esogeologia per indicare bassipiani o regioni prive di rilievi (in contrapposizione con l'espressione planum, che designa in genere un altipiano).[1] Da un punto di vista più strettamente geologico, molte regioni di questo tipo si sono originate come grandi bacini d'impatto: è il caso di Isidis Planitia, ad est di Syrtis Major Planum, su Marte.

Oltre che sul Pianeta Rosso, formazioni di questo tipo sono state individuate sui pianeti Mercurio e Venere, sui pianeti nani Cerere e Plutone, sulla Luna, sul satellite marziano Fobos, sui saturniani Encelado e Titano, sul nettuniano Tritone e sull'asteroide 4 Vesta.

Note[modifica | modifica wikitesto]