Ombromanto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ombromanto
Il Signore degli Anelli 150.jpg
Ombromanto nel film Il Signore degli Anelli - Le due torri di Peter Jackson
UniversoArda
Nome orig.Shadowfax
Lingua orig.Inglese
AutoreJohn Ronald Reuel Tolkien
SpecieCavallo
SessoMaschio

Ombromanto (Shadowfax) è un animale di Arda, l'universo immaginario fantasy creato dallo scrittore inglese J.R.R. Tolkien. È un potente cavallo di Rohan, il più grande di tutti i Mearas (Principi dei Cavalli), domato da Gandalf e a malincuore donatogli (dopo averlo preso in prestito per qualche tempo) da Re Théoden. Secondo la leggenda, i Mearas erano stati portati da Oromë (che i Rohirrim chiamavano Béma) da Valinor alla Terra di Mezzo. Il primo ad essere famoso fu Félaròf, il cavallo di Eorl il Giovane.

Nessun Uomo poteva cavalcare Ombromanto. Questi, infatti, non tollerava briglie e sella, e portava solo Gandalf, per sua scelta, il quale lo ha sempre cavalcato a pelo. Durante la sua vita, Ombromanto ha portato in groppa anche uno Hobbit, Peregrino Tuc e un Nano, Gimli (entrambe le volte Gandalf teneva comunque le redini), per un breve periodo durante la Guerra dell'Anello.

Come gli altri Mearas, Ombromanto era uno stallone grigio-argenteo, e poteva capire il linguaggio degli Uomini. Era inoltre apparentemente senza paura, e poteva correre più veloce di qualunque altro cavallo della Terra di Mezzo.

In un epilogo inedito al romanzo e in alcune lettere, Tolkien dice che Ombromanto raggiunse Valinor oltre il Mare con Gandalf, ma nel Signore degli Anelli ciò è solo accennato alla fine del libro, quando vediamo Gandalf stare in piedi vicino ad un "grande cavallo grigio", sulla banchina dei Porti Grigi, appena prima di partire, e prima, nel capitolo "Il Cavaliere Bianco", nel quale Gandalf promette che lui ed Ombromanto non si separeranno più.

Adattamenti[modifica | modifica wikitesto]

Nell'adattamento cinematografico de Le due torri e de Il ritorno del re, Ombromanto è interpretato da due grandi stalloni andalusi.

Tolkien Portale Tolkien: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Tolkien