Cavalli della Terra di Mezzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nazgûl a cavallo

Qui segue una lista di cavalli e destrieri presenti in Arda, l'universo immaginario fantasy creato dallo scrittore inglese J.R.R. Tolkien per i romanzi Il Signore degli Anelli, Lo Hobbit e Il Silmarillion. Tolkien idea molti personaggi fra queste nobili creature, alcune anche bizzarre, le quali sono onnipresenti nelle vicende degli eroi.

Asfaloth[modifica | modifica wikitesto]

Frodo è stato ferito dal Re Stregone a Colle Vento, ma Gran Burrone è troppo distante per raggiungerla a piedi in un tempo sopportabile allo Hobbit, ed inoltre i Nazgûl lo cercano incessantemente. Per fortuna della piccola compagnia giunge il potente Glorfindel (nel film Arwen), con il suo destriero elfico, Asfaloth. Egli fa montare Frodo sul suo cavallo, il quale lo conduce attraverso le selve sino al Guado del Bruinen, superando in rapidità persino i destrieri dei Nazgûl.

Brego[modifica | modifica wikitesto]

Brego è il cavallo bruno di Aragorn. Compare solo nell'adattament cinematografico di P. Jackson. Gli fu regalato da Éomer, in quanto orfano del suo precedente padrone, massacrato dagli Uruk-hai. Aragorn l'ha chiamato Brego come uno dei figli di Eorl Il Giovane, perché Brego possiede una fierezza e un coraggio degno di un re. Brego e Aragorn sono molto amici e non si sono mai abbandonati. Basti pensare che quando Aragorn cadde in burrone trascinato da un mannaro, Brego seguì il fiume per salvarlo. Insieme hanno combattuto la battaglia del Fosso di Helm, la battaglia dei Campi del Pelennor e la battaglia dei Cancelli del Morannon.

I pony di Beorn[modifica | modifica wikitesto]

Allorché Bilbo Baggins, Gandalf e i tredici Nani dovettero dipartirsi dalle terre di Beorn, lo strano uomo affidò loro alcuni pony che potessero aiutarli durante il tragitto. Tuttavia, i viaggiatori, non appena fossero giunti ai confini del Bosco Atro, avrebbero dovuto rimandarglieli poiché Beorn teneva molto alle sue bestie. I Nani inizialmente non volevano accondiscendere, ma Gandalf li convinse che era più saggio non inimicarsi Beorn.

Bill[modifica | modifica wikitesto]

Durante la sosta dei tre Hobbit a Brea, i Nazgûl penetrano nella locanda spaventando tutte le bestie presenti, compresi i cavalli di Merry, che fuggono per le vie della città. Il giorno dopo, per poter dipartirsene da Brea, dunque, gli Hobbit acquistano un cavallo su cui caricare i propri fardelli; ad offrirgliene uno è Billy Felci, un traditore al servizio di Saruman, come si scopre in seguito. Il pony che vende loro per un prezzo decisamente elevato, Bill, è una bestia malandata, che tuttavia sotto le cure di Samvise Gamgee si riprende accompagnando la Compagnia dell'Anello sino alle Miniere di Moria, dove però fugge spaventato dall'Osservatore nell'acqua. Attraverso sentieri selvaggi fa ritorno a Brea, dove Sam lo reincontrerà al termine delle sue avventure.

Il destriero della Bocca di Sauron[modifica | modifica wikitesto]

Questo cavallo compare solo nel capitolo de Il ritorno del re "Il Cancello Nero si apre". A quanto risulta dalla descrizione dello scrittore, questo destriero cavalcato dalla Bocca di Sauron era enorme ed orribile, tanto da non assomigliare nemmeno ad un cavallo; il suo muso era più simile ad un teschio, ed emetteva strane esalazioni dalle narici.

Felaróf[modifica | modifica wikitesto]

Felaróf è il nome che Eorl diede al cavallo che uccise suo padre. Difatti quando Léod, padre del futuro re del Mark, tentò di domare questo fiero cavallo, la bestia s'imbizzarrì e lo fece cadere su uno sperone roccioso. Eorl inseguì a lungo l'animale, ma quando lo raggiunse non lo uccise, bensì lo sottomise e lo rinominò Flagello; e da allora la stirpe di Felaróf appartenne ai Re di Rohan e non accettò altri padroni. L'unica eccezione fu Ombromanto.

Grassotto Bozzolo[modifica | modifica wikitesto]

Grassotto Bozzolo è un pony appartenente a Tom Bombadil. Questi lo cura come se fosse una vera persona; a quanto traspare dalla narrazione, è una bestia piuttosto intelligente che infonde coraggio ai suoi simili, come ad esempio i pony di Meriadoc Brandibuck.

Hasufel e Arod[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il massacro degli Orchi innanzi alla Foresta di Fangorn, Aragorn e i suoi due compagni s'imbatterono nei cavalieri di Rohan condotti da Éomer. Dopo una lunga discussione basata su vari argomenti, il Terzo Maresciallo comprese che i tre viandanti non erano nemici e, per raggiunge la reggia di Edoras dopo aver sbrigato i propri affari, donò loro due cavalli. Questi (orfani dei loro padroni, morti durante lo scontro con gli Orchi) si chiamavano Hasufel e Arod, e accompagnarono i tre amici per lungo tempo (almeno nel caso di Arod, sin oltre i Sentieri dei Morti).

I pony di Merry Brandibuck[modifica | modifica wikitesto]

Merry conduce al di fuori della Contea cinque pony, che accompagnano gli Hobbit sino a Brea, dove poi fuggono terrorizzati dai Nazgûl; in seguito l'oste della locanda di Brea li recupera e li riaffida al loro legittimo padrone. Nella sosta a casa di Tom Bombadil, lo strano personaggio affibbia loro nomi singolari: Orecchie-aguzze, Saggio-naso, Coda-fischio, Zotico e Calze-bianche. Questi pony sono cinque forse per un'imprecisione di Tolkien che testimonia delle precedenti versioni dell'opera: inizialmente, infatti, Fredegario Bolgeri avrebbe dovuto partire con gli altri Hobbit, ma quando venne deciso che sarebbe invece rimasto nella Contea, i quattro Hobbit partirono comunque con cinque pony.

Nahar[modifica | modifica wikitesto]

Nahar è il destriero del Vala Oromë. Gli Eldar dicevano che il suo nome derivava dal suono del suo nitrito. Il cavallo era più bianco della neve di giorno e grigio argento di notte, e aveva degli zoccoli dorati. In sella a Nahar, Oromë spesso vagò sulla Terra di Mezzo a caccia di Morgoth e dei suoi servi; perciò quest'ultimo, per sviare gli Elfi appena destati nelle terre di Cuiviénen, inviò spiriti in forma di cavalieri a compiere atti malvagi contro le genti elfiche, cosicché molti Eldar si sarebbero spaventati alla vista del Vala.

I destrieri dei Nazgûl[modifica | modifica wikitesto]

Per spostarsi al meglio nella Terra di Mezzo, i Nazgûl di Sauron avevano bisogno di cavalli potenti e rapidi. Così probabilmente i Nove ordinarono agli Orchi, nel corso delle scorribande a Rohan, di rapire dei destrieri neri, che poi avrebbero allevato a Mordor, inculcando in essi il terrore dei loro padroni; i cavalli dei Nazgûl erano le uniche bestie (oltre ad Ombromanto) in grado di resistere alla malvagità degli Spettri, molto probabilmente perché cresciuti da questi.

Nevecrino[modifica | modifica wikitesto]

Nevecrino è il cavallo appartenuto per lungo tempo a Re Théoden di Rohan. Era un destriero nobile, dal manto bianco, presumibilmente appartenente alla razza dei Mearas; non temeva le battaglie, ed era molto veloce, più dei normali destrieri rohirrim. Tuttavia, nella battaglia dei Campi del Pelennor, un Nazgûl alato lo avvelenò con una freccia, ed egli cadde sopra il suo padrone, uccidendolo. Nell'agonia però rantolò lontano dal Re.

Ombromanto[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Ombromanto.

Ombromanto è un cavallo della razza dei Mearas, razza superiore di cavalli di Rohan, anzi il più potente di questi, ed era proprietà del re fino a quando egli non lo donò, piuttosto malvolentieri, a Gandalf, e che lo accompagnerà poi in tutti i suoi viaggi, fino ad Aman.

Roheryn[modifica | modifica wikitesto]

Roheryn è il possente destriero del Nord che i Dúnedain conducono dalla loro terra poiché Aragorn lo cavalchi attraverso i Sentieri dei Morti e Gondor e guidi gli Uomini verso la guerra. È un cavallo coraggioso, come i suoi simili, perché non teme di penetrare nei cunicoli del Dimholt.

Rochallor[modifica | modifica wikitesto]

Rochallor è il grande cavallo di Fingolfin, con cui egli si recò al duello contro l'Oscuro Signore Morgoth, sulla soglia di Angband.

Stybba[modifica | modifica wikitesto]

Stybba è il pony di Rohan che trasporta Merry lungo i suoi viaggi nelle terre del Mark. Dopo l'assedio del Fosso di Helm, Merry diviene lo scudiero di Théoden, che gli dona Stybba per potersi spostare accanto a lui nell'esercito.

Windfola[modifica | modifica wikitesto]

Prima della partenza dei Rohirrim da Dunclivo per accorrere in aiuto di Gondor, Re Théoden proibisce al suo scudiero Meriadoc Brandibuck di seguire l'esercito perché sarebbe solo un peso per un Cavaliere; ma l'Hobbit trova Dernhelm, un giovane Cavaliere (in realtà Éowyn) che lo trasporta verso la battaglia sul suo grande destriero grigio, Windfola.

Zoccofuoco[modifica | modifica wikitesto]

Zoccofuoco (Firefoot) è il destriero di Éomer, il Terzo Maresciallo di Rohan. Su esso, Éomer e Gimli il Nano viaggiano da Edoras sino al Fosso di Helm. Non è chiaro se appartenga o meno alla razza dei Mearas.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Tolkien Portale Tolkien: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Tolkien