Ol'ga Nikolaevna Romanova (1822-1892)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Olga Nikolaevna di Russia
Olga of Württemberg (1863).jpg
Regina consorte di Württemberg
Stemma
In carica 25 giugno 1864 -
6 ottobre 1891
Incoronazione 12 luglio 1864
Predecessore Paolina di Württemberg
Successore Carlotta di Schaumburg-Lippe
Altri titoli Granduchessa di Russia
Nascita San Pietroburgo, 11 settembre 1822
Morte Friedrichshafen, 30 ottobre 1892
Dinastia Romanov
Padre Nicola I di Russia
Madre Carlotta di Prussia
Consorte Carlo I di Württemberg

Ol'ga Nikolaevna Romanova, (in russo: Великая Княжна Ольга Николаевна?) (San Pietroburgo, 11 settembre 1822Friedrichshafen, 30 ottobre 1892), nata granduchessa di Russia, fu regina consorte del Württemberg come moglie di re Carlo I di Württemberg (1823-1891).

Famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Terzo figlio e seconda figlia di Nicola I di Russia e di Alexandra Feodorovna, nata principessa Carlotta di Prussia.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Ol'ga Nikolaevna incontrò all'inizio dell'anno 1846 nella città di Palermo, il principe ereditario del Württemberg Carlo, figlio del re del Württemberg Guglielmo I e della sua terza moglie Paolina di Württemberg.
Dopo i matrimoni delle sorelle Marija e Aleksandra, che avevano sposato principi inferiori al loro rango di Altezze Imperiali, i genitori di Ol'ga desideravano per lei un matrimonio dinastico.
Essa accettò di sposare Carlo il 18 gennaio, dopo averlo incontrato pochissime volte. Il matrimonio venne celebrato con grande sfarzo il 13 luglio dello stesso anno nella reggia di Peterhof.
La coppia arrivò nel Wrürttemberg il 23 settembre successivo e vissero principalmente a villa Berg di Stoccarda e a Kloster Hofen di Friedrichshafen.

La coppia non ebbe figli, probabilmente a causa dell'omosessualità di Carlo, che diverse volte venne coinvolto in scandali eclatanti.
Nel 1863 essi adottarono Vera Konstantinovna, figlia di suo fratello il granduca Costantino e di Alessandra di Sassonia-Altenburg.

Il 25 giugno 1864, dopo la morte del padre, Carlo salì al trono come terzo re del Württemberg e Ol'ga come quarta regina. Essi furono incoronati il 12 luglio.

Opere e interessi[modifica | modifica wikitesto]

Ol'ga, principessa ereditaria del Württemberg, 1848.

Senza figli suoi Ol'ga dedicò la sua vita alle opere sociali e caritatevoli. Si interessò molto all'educazione delle bambine, e si prodigò per migliorare le condizioni dei veterani di guerra e degli handicappati.
Nel 1849 fece costruire a Stoccarda un ospedale per l'infanzia, che venne chiamato Olgahospital; nel 1872 fondò un ordine di infermiere religiose protestanti, l'Olgaschwesternschaft. Queste opere caritatevoli la resero molto popolare tra i suoi sudditi.

La Regina aveva un grandissimo interesse per le scienze naturali e per la mineralogia. Durante la sua vita raccolse un'importante collezione di minerali, oggi conservata nello Staatliche Museum für Naturkunde di Stoccarda.

Il nome della Regina è anche legato ad una formazione geologica della regione nord dell'Australia per ordine del barone Ferdinand von Mueller che, nel 1872, battezzò così il Monte Olga, in onore appunto della regina Ol'ga del Württemberg, che insieme al marito aveva festeggiato il venticinquesimo anniversario di matrimonio l'anno precedente nominando lo stesso Mueller un Freiherr (cioè un barone), cambiandogli così il nome in Ferdinand von Mueller. Quest'ultimo scelse questo modo originale per sdebitarsi dell'onore ricevuto.
Dal 1980 i Monti Olga sono stati ribattezzati con il nome autoctono di Kata Tjuta.[1]

Ultimi anni[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1881 Ol'ga scrisse un memoriale intitolato Traum de Jugend Goldener Stern (che si può tradurre come Il sogno dorato della mia gioventù), dove descrisse la sua infanzia alla corte di Russia, il suo dolore per la morte della sorella Aleksandra, il suo debutto nella vita adulta e il suo matrimonio con Carlo. Il libro venne dedicato alle sue nipoti Ol'ga e Vera.
Dopo la morte del marito, avvenuta il 6 ottobre del 1891, Ol'ga divenne la regina vedova del Württemberg. Essa morì il 30 ottobre del 1892 nella città di Friedrichshafen ed è inumata nella cripta del vecchio castello di Stoccarda.

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Pietro III di Russia Carlo Federico di Holstein-Gottorp  
 
Anna Petrovna Romanova  
Paolo I di Russia  
Caterina II di Russia Cristiano Augusto di Anhalt-Zerbst  
 
Giovanna di Holstein-Gottorp  
Nicola I di Russia  
Federico II Eugenio di Württemberg Carlo I Alessandro di Württemberg  
 
Maria Augusta di Thurn und Taxis  
Sofia Dorotea di Württemberg  
Federica Dorotea di Brandeburgo-Schwedt Federico Guglielmo di Brandeburgo-Schwedt  
 
Sofia Dorotea di Prussia  
Ol'ga Nikolaevna Romanova  
Federico Guglielmo II di Prussia Augusto Guglielmo di Prussia  
 
Luisa Amalia di Brunswick-Wolfenbüttel  
Federico Guglielmo III di Prussia  
Federica Luisa d'Assia-Darmstadt Luigi IX d'Assia-Darmstadt  
 
Carolina del Palatinato-Zweibrücken-Birkenfeld  
Carlotta di Prussia  
Carlo II di Meclemburgo-Strelitz Carlo Ludovico Federico di Meclemburgo-Strelitz  
 
Elisabetta Albertina di Sassonia-Hildburghausen  
Luisa di Meclemburgo-Strelitz  
Federica Carolina Luisa d'Assia-Darmstadt Giorgio Guglielmo d'Assia-Darmstadt  
 
Maria Luisa Albertina di Leiningen-Dagsburg-Falkenburg  
 

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Dama di Gran Croce dell'Ordine di Santa Caterina - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Gran Croce dell'Ordine di Santa Caterina

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Traum der Jugend goldner Stern. Aus den Aufzeichnungen der Königin Olga von Württemberg.“ by Sophie Dorothee Podewils, Günther Neske Verlag, 1955.
  • Königin Olga von Württemberg. Historischer Roman.“ by Jetta Sachs-Collignon, Stieglitz-Verlag, 1991.
  • Die württembergischen Königinnen. Charlotte Mathilde, Katharina, Pauline, Olga, Charlotte – ihr Leben und Wirken.“ by Sabine Thomsen, Silberburg-Verlag, 2006.
  • Olga, Queen of Wuerttemberg. Traum der Jugend goldener Stern. Günther Neske Verlag, 1955.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN25102976 · ISNI (EN0000 0000 5527 9265 · LCCN (ENn93004341 · GND (DE106881191 · BNF (FRcb16242799g (data) · CERL cnp00586216 · WorldCat Identities (ENlccn-n93004341