Mark Selby

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mark Selby
Mark Selby at Snooker German Masters (DerHexer) 2015-02-04 02.jpg
Nazionalità Inghilterra Inghilterra
Biliardo 8 ball icon.svg
Specialità Snooker
Ranking
Best ranking
Statistiche aggiornate al 14 dicembre 2016

Mark Selby (Leicester, 19 giugno 1983) è un giocatore di snooker britannico.

Mark Selby ha trionfato nel Masters tre volte, nel 2008, 2011 e 2013, due volte nello UK Championship nel 2012 e nel 2016, e infine è diventato campione del mondo vincendo il Campionato mondiale di snooker nel 2014, 2016 e nel 2017, diventando così il nono giocatore della storia a vincere tutti e tre i tornei più importanti. Nel 2006 è stato anche campione del mondo nel pool[1].

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Selby ha mostrato le sue abilità nello snooker già da adolescente, ma non è riuscito ad imporsi se non quando ebbe compiuto venti anni. La prima finale di un torneo valido per il Ranking alla quale partecipò fu la Regal Scottish nel 2003 all'età di 19 anni, dove dovette accontentarsi del secondo posto alle spalle di David Gray, che nella finale lo aveva battuto 9-7. Nel 2002 però era arrivato anche alle semifinali del China Open, malgrado quel giorno avesse lasciato l'albergo alle due di notte invece che alle due del pomeriggio a causa della stanchezza e della confusione dovute al jetlag. Selby ha partecipato alle qualificazioni al Campionato del mondo di Snooker nel 2002, 2003 e nel 2004 perdendo tutte e tre le volte, senza riuscire ad accedere al torneo finale al Crucible Theatre. All'inizio della stagione 2005/06 Selby fu diretto dal manager Mukesh Parmar di Leicester, e il suo modulo di gioco è subito migliorato. Nel 2006 ha raggiunto il Crucible nonostante il suo avversario Robert Milkins nel finale delle qualificazioni avesse fatto un 147. A Sheffield si è scontrato spesso con John Higgins: la prima volta nel 2005 fu battuto al primo turno, nel 2006 trovò la rivincita e nel 2007 perse nella finale, mentre nel 2009 Higgins lo fermò ai quarti sconfiggendolo 12-13 malgrado fosse stato avanti per 12-11.

Crescita e successo[modifica | modifica wikitesto]

Nel Campionato del mondo del 2007 Mark Selby ha battuto nel primo round Stephen Lee per 10 a 7, dovo aver vinto 8 frames consecutivi trovandosi sotto di 5 a 0. Selby vinse contro il campione in carica Peter Ebdon per 13-8, con cinque Century Breaks, di cui tre consecutivi, raggiungendo i quarti di finale. Qui si scontrò con Allister Carter, vincendolo 13-12 in un match che era durato per più di nove ore. Raggiunse infine la finale dopo aver sconfitto 17-16 in semifinale Shaun Murphy, con un break 64 nell'ultima decisiva partita. Nella finale si trovò faccia a faccia con colui che può essere considerato la sua nemesi, John Higgins. Concluse le sessioni della domenica sotto di 4-12 e nella prima sessione pomeridiana del lunedì vinse sei frames consecutivi, concludendo oltre il tempo dovuto con un punteggio di 10-12. Quando iniziò l'ultima definitiva sessione serale era sotto solo di due frames, sembrava che potesse mantenere il ritmo, ma alla fine Higgins concluse il match vincendo 18-13. Guadagnò comunque £110,000 e fu giudicato dal neocampione del mondo John Higgins come il miglior giocatore del torneo. Grazie alle prestazioni mostrate nell'intero torneo Selby riuscì ad entrare anche per la prima volta tra i primi sedici giocatori di Snooker del mondo nella stagione 2006/07 e occupando l'undicesimo posto nella stagione 2007/08. I risultati di Selby ai campionati del mondo del 2007 inoltre gli fecero vincere il Dummy address 888.com Silver Chip per lo spettacolo notevole che egli aveva dato.

Anni recenti[modifica | modifica wikitesto]

Dopo un moderato inizio di stagione Mark Selby raggiunse la semifinale di quello che è il secondo torneo professionale di snooker più importante, la United Kingdom Championship. Ronnie O'Sullivan, il suo avversario, era avanti di 7-5, Selby riuscì a pareggiare fino a 8-8 ma O'Sullivan realizzando un maximum break di 147 vinse 9-8. Il 20 gennaio del 2008 Selby vinse il suo primo importante torneo, il Saga Insurance Masters di Wembley. Per raggiungere la finale si scontrò con Stephen Hendry, Stephen Maguire e Ken Doherty, tutti sconfitti con un punteggio di 6-5. Nella finale contro Stephen Lee vinse con un netto 10-3.

Il 17 febbraio del 2008, vinse il Welsh Open superando Ronnie O'Sullivan 9-8 dopo essere stato sotto per 5-8. Al campionato del mondo però non ebbe grande successo. Sebbene fosse considerato il favorito per il titolo, fu battuto al primo round 10-8 da Mark King. L'anno seguente raggiunse la finale del Master di Wembley, ma fu battuto da Ronnie O'Sullivan, e raggiunse i quarti di finale del Campionato del mondo di Snooker, dove fu battuto da John Higgins, che alla fine avrebbe vinto il titolo. Selby ha iniziato la stagione 2009/10 con un'ottima performance nel UK Championship battendo al primo round Jamie Cope 9-8, nonostante fosse sotto di cinque frame essendo 4-8 e vincendo il 17 gennaio 2010 il suo secondo Master di Wembley. In finale si trovò di fronte Ronnie O'Sullivan al quale, in vantaggio di tre frames sul 9-6, sarebbe bastato solo un ultimo frame per vincere, ma Selby riuscì a vincere quattro frames consecutivi, portandosi a casa il Trofeo e un premio di £150,000.

Mark Selby (2015)

Al China Open del 2011 Selby ha battuto Tian Pengfei, Robert Milkins, Ali Carter e il favorito di casa Ding Junhui, ma è stato sconfitto 8–10 da Judd Trump in finale. Da Ding Junhui sarà invece sconfitto nei quarti di finale del campionato mondiale 2011

Il 5 maggio 2014 vince con grande personalità la finale del World Championship al Crucible Theatre di Sheffield battendo il più volte vincitore Ronnie O'Sullivan per 18 a 14.

Dopo un inizio di stagione non felicissimo, nella seconda metà del 2014, il 2015 inizia nel migliore dei modi con la vittoria del German Masters al Tempodrom di Berlino, in finale con Shaun Murphy (9-7). Sul finire della stagione vincerà anche l'ultimo torneo prima del Mondiale, il China Open a pechino, cosa che lo mette automaticamente tra i favoriti per la (ri)conquista del titolo a Sheffield, dove però incappa in un'eliminazione al secondo turno per mano di un giovane e promettente Anthony McGill.

L'annata 2015/16 sembra essere avara di soddisfazioni; complice anche il riacutizzarsi di vecchi problemi alla schiena, i migliori risultati raggiunti da Selby sono due semifinali: all'International Championship, torneo tenutosi in Cina a Daqing, battuto da un rinvigorito John Higgins per 9-4 e allo UK Championship a York, dove viene sconfitto con un netto 6-0 da Neil Robertson, che andrà poi a vincere il torneo. La svolta della stagione arriva proprio all'appuntamento più importante, l'ultimo atto è infatti, come ogni anno, il mondiale di Sheffield, in cui le prestazioni di Selby vanno in crescendo e l'ipotesi di un suo secondo trionfo al Crucible prende sempre più corpo. Chi non è d'accordo è il talentuoso giocatore cinese Ding Junhui che, con un gioco sensazionale ed un tabellone favorevole, arriva in finale sulle ali dell'entusiasmo, con la promessa di portare per la prima volta il titolo in Cina e, soprattutto, con circa la metà del tempo passato al tavolo rispetto a Selby. Tutti si prevedevano una finale in cui Ding sarebbe scattato rapidissimo dai blocchi con il suo formidabile gioco d'attacco e Selby avrebbe tentato di intrappolarlo con il suo gioco tattico ma ciò che accade è l'esatto opposto: Selby va avanti 6-0, complice anche un Ding teso ed emozionato, e la prima sessione si chiude con un 6-2 in cui il cinese riesce a vincere gli ultimi due frame, limitando i danni. Sconfitta l'emozione, nella seconda sessione il cinese si scioglie arrampicandosi fino ad uno svantaggio minimo di un singolo frame, ma stavolta è Selby a vincere gli ultimi due frame della sessione, chiudendo il primo giorno di gara sul 10-7. Il canovaccio della sessione mattutina del secondo giorno è molto simile: Ding si porta ad un solo frame di svantaggio, ma Selby vince gli ultimi tre frame della sessione pomeridiana, arrivando alla sessione serale e conclusiva con un punteggio di 14-11, per poi chiudere il match con un 18-14 in un paio d'ore di gioco durante le quali il risultato finale non sembra mai essere in discussione. Caso vuole che Selby abbia vinto il suo secondo titolo mondiale concludendo il match pochi minuti dopo che la sua squadra del cuore, il Leicester, avesse la matematica certezza della storica prima vittoria della Premier League.

La stagione 2016/17 inizia con un Selby ormai entrato di diritto tra i grande della specialità, con il secondo titolo mondiale, numero uno del mondo alla fine della stagione per il quarto anno consecutivo e determinato a dimostrare di poter essere un grande vincente e non solo un giocatore costante e solido. Vince subito il Paul Hunter Classic tenutosi a fine agosto a Furth, in Germania, battendo Tom Ford per 4-2; raggiunge inoltre la finale allo Shangai Masters tenutosi a fine settembre a Shangai (Cina) nella quale viene sconfitto dal "padrone di casa" Ding Junhui, che si prende la rivincita per la finale mondiale battendolo 10-6 ed anche una semifinale allo European Masters tenutosi subito dopo, ad inizio ottobre a Bucarest (Romania), nella quale viene battuto per 6-2 da Judd Trump che andrà poi a trionfare in finale contro O'Sullivan. A fine ottobre abbiamo la riedizione della finale dello Shangai Masters, ma stavolta il torneo è l'International Championship di Daqing (Cina), in cui Selby restituisce il favore a Ding battendolo con un sonoro 10-1; tra il 22 novembre ed il 4 dicembre si tiene il primo grande appuntamento della stagione: lo UK Championship al Barbican Centre di York (Inghilterra) in cui Selby batte Ronnie O'Sullivan in una finale ricca di bel gioco per 10-7, conquistando il titolo per la seconda volta e portando a 7 il totale di titoli in tornei della triplice corona (il corrispettivo degli slam tennistici) insieme ai due titoli mondiali e tre masters. Selby, inoltre, partecipa al prestigioso torneo del China Open, dove arriva abbastanza agevolmente fino alla finale in cui trova di fronte il gallese Mark Williams. Nonostante una non ottimale partenza riesce comunque a vincere il match per 10-8 e a trionfare per la seconda volta al China Open. L'ultimo appuntamento dell'anno è ovviamente il World Championship dove selby parte da grande favorito. Debutta contro il veterano O'Brien e lo liquida facilmente per 10-2. Arriva fino alla semifinale perdendo solo 11 frame. Lì trova il cinese Ding junhui che durante l'anno lo ha già battuto tre volte. La partita è molto combattuta ma è ancora selby a riuscire ad avere lo strappo decisivo nella ultima sessione vincendo 17-15 l'incontro. Arriva per la quarta volta in finale dove lo aspetta lo scozzese John Higgins che lo aveva battuto nel 2006 proprio in finale. A metà incontro è Higgins in vantaggio per 10-7. Ma nella terza sessione Selby gioca in maniera perfetta e si porta avanti 13-11 all'ultima pausa. Alla fine l'inglese riesce ad abbattere la resistenza del veterano scozzese e lo batte 18-15 diventando il 4 giocatore a vincere per due anni consecutivi il mondiale, il nono a vincerlo tre volte ed il primo a vincere il China Open e Il mondiale nello stesso anno entrando così ufficialmente tra i più grandi di questo sport

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

È un tifoso della squadra di calcio Leicester City sin da bambino[2] e un fan del tiro a freccette. Nel luglio 2006 vinse il WEPF, ossia il Campionato del mondo della palla a otto, battendo Darren Appleton per 11-7 nella finale tenuta a Blackpool. Gioca per la Leicestershire County Pool Association at Club 147 a Leicester. Il suo soprannome nello Snooker è “The Jester from Leicester”, attribuitogli da Richard Beare. È sposato con Vikki Layton, una giocatrice a livello internazionale di Pool la quale, attualmente, ricopre anche il ruolo di manager di Selby.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Selby pockets world rules pool crown, UK 8 Ball Pool Community, 17 June 2006. URL consultato il 6 maggio 2007 (archiviato dall'url originale il 6 dicembre 2006).
  2. ^ Mark Selby Picture Special Archiviato il 16 dicembre 2007 in Internet Archive., Leicester City 4 October 2007. Retrieved 5 October 2007

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]