Marcello Cuttitta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Marcello Cuttitta
MarcCuttitta.jpg
Cuttitta in una fotografia del 2011
Dati biografici
Paese Italia Italia
Altezza 181 cm
Peso 98 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Tre quarti ala
Ritirato 2000
Carriera
Attività di club¹
1985-1988 L’Aquila
1988-1997 Milan
1997-2000 Amat. & Calvisano
Attività da giocatore internazionale
1987-1999 Italia Italia 54 (110)
Attività da allenatore
2005-2011 Amatori Milano
2015- Lyons Settimo
Palmarès internazionale
Vincitore Coppa FIRA 1995-1997

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito

Statistiche aggiornate al 15 febbraio 2018

Marcello Cuttitta (Latina, 2 settembre 1966) è un ex rugbista a 15 e allenatore di rugby a 15 italiano, nazionale dal 1987 al 1999, attivo nel ruolo di tre quarti ala; è dal 2015 allenatore e direttore tecnico del Lyons Settimo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Marcello Cuttitta è nato a Latina da una famiglia di origine napoletana, della quale facevano parte, oltre ai genitori, anche il gemello Massimo e il fratello maggiore Michele, entrambi rugbisti, benché quest'ultimo solo a livello dilettantistico; alla fine degli anni sessanta si trasferì in Sudafrica e fece ritorno in Italia nel 1985.

In Sudafrica i tre fratelli Cuttitta iniziarono la pratica del rugby e, al ritorno in Italia, furono ingaggiati dall'Aquila; successivamente, il fratello maggiore Michele si dedicò agli studi di ingegneria, e a intraprendere la carriera di alto livello rimasero i due gemelli, Massimo pilone, e Marcello, ala.

In tale ruolo Marcello Cuttitta si mise in luce, e fu convocato da Bertrand Fourcade per la Nazionale che affrontò gli impegni di Coppa FIRA 1985/87: esordì a Lisbona il 18 gennaio 1987 contro il Portogallo e nel maggio successivo, con solo tre incontri internazionali alle spalle, prese parte alla prima Coppa del Mondo in Australia e Nuova Zelanda, disputando il primo incontro in assoluto della competizione, quello degli azzurri contro gli All Blacks.

Nel 1988 si trasferì, insieme a Massimo, all'Amatori Milano, poi Milan, rimanendovi 10 stagioni e formando insieme ad altri internazionali quali Croci, Domínguez, Vaccari e Properzi l'ossatura di una squadra che dal 1991 al 1996 vinse quattro titoli nazionali e una Coppa Italia.

Dal 1990 in poi militò in coppia con suo fratello in Nazionale; entrambi presero parte alla Coppa del Mondo di rugby 1991 in Inghilterra e, successivamente, a quella del 1995 in Sudafrica, l'ultima per tutti e due i fratelli.

Entrambi fecero parte della Nazionale che vinse la finale della Coppa FIRA 1995/97 a Grenoble contro la Francia, che diede all'Italia al contempo la prima vittoria in una competizione ufficiale, la conquista del titolo di campione d'Europa e soprattutto la prima vittoria sui transalpini.

Nel 1998 prese una strada diversa da quella di Massimo: quest'ultimo si recò a Londra negli Harlequin, mentre Marcello andò al Calvisano, dove chiuse la carriera agonistica nel 2000.

Con 25 mete internazionali (delle quali 15 da 4 punti, per un totale di 110) Marcello Cuttitta è tuttora il miglior realizzatore della storia della Nazionale italiana: precede Vaccari (22) e Carlo Checchinato (21). Vanta anche un invito nei Barbarians, per i quali disputò un incontro il 17 marzo 1998 a Leicester contro la locale compagine (73-19 fu il risultato per il prestigioso club multinazionale).

Divenuto allenatore, tornò all'Amatori Milano. Nel 2011 fu al Rugby Pieve, in Emilia-Romagna. Dal 2013 è nello staff del Lyons di Settimo Milanese di cui è divenuto allenatore capo nel 2015[1]. Nel 1999 il giornalista neozelandese di rugby Keith Quinn incluse Marcello Cuttitta nella lista dei cento migliori rugbisti del XX secolo nel suo A Century of Greats[2].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Matteo Politanò, Rugby, Marcello Cuttitta: "La Federazione deve rifondare. Ora tocca ai giovani", in Panorama, Mondadori, 11 marzo 2016, ISSN 0553-1098 (WC · ACNP). URL consultato il 15 febbraio 2018.
  2. ^ QuinnMarcello Cuttitta, Italy

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Keith Quinn, A Century of Rugby Greats, Auckland, Celebrity Books, 1999, ISBN 0958372985.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]