Georges Coste

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Georges Coste
Dati biografici
Paese Francia Francia
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Mediano di mischia
Ritirato 1970
Carriera
Attività di club¹
19XX-1970 Perpignano
Attività da allenatore
1970-1974 Francia Frontignan-Sète
  Perpignano
1993-1999 Italia Italia
1999-2000 Stade français

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito

Statistiche aggiornate al 23 gennaio 2012

Georges Coste (Perpignano, 7 dicembre 1944) è un ex rugbista a 15 e allenatore di rugby a 15 francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Insegnante di educazione fisica, ebbe una breve carriera da mediano di mischia nel club della sua città natale, il Perpignano, rappresentando anche la Francia a livello giovanile. La sua carriera da giocatore fu interrotta da un infortunio a 26 anni.

Passato quindi all'attività di tecnico, guidò il Frontignan, poi lo stesso Perpignano, dopo il BUC di Barcelona, e, nel 1993, rilevò da Bertrand Fourcade la conduzione della Nazionale italiana.

Alla guida degli Azzurri Coste realizzò una serie di risultati che aprirono all'Italia la strada per l'ingresso tra le prime Federazioni del mondo e l'ammissione al Torneo delle Cinque Nazioni, all'epoca riservato solo alle quattro britanniche e alla Francia: l'11 novembre 1993, nel girone finale di Coppa FIRA, per la prima volta l'Italia batté una selezione francese (16-9), anche se nella fattispecie si trattava della Nazionale A, e alla fine del torneo arrivò appaiata ad essa, anche se la differenza punti le fu sfavorevole.

Tra il 1995 e il 1997 l'Italia batté tre volte l'Irlanda (una volta delle quali a Dublino) e una volta la Scozia e, infine, nella finale di Coppa FIRA 1995/97, a Grenoble, batté 40-32 la Francia maggiore, laureandosi campione d'Europa e vincendo il suo primo test match contro i francesi.

Guidò la squadra alla Coppa del Mondo di rugby 1995 in Sudafrica, nella quale l'Italia, pur uscendo al primo turno, riportò una vittoria di prestigio (31-25) contro l'Argentina e una più che onorevole sconfitta (20-27) contro l'Inghilterra.

Nonostante l'ammissione al Torneo delle Cinque Nazioni, ribattezzato quindi Sei Nazioni, deciso nel 1998, i rapporti di Coste con la Federazione si degradarono a partire dalla preparazione della Coppa del Mondo di rugby 1999 da disputarsi in Galles: a causa del nuovo status di professionisti, i club rifiutarono di prestare i loro migliori giocatori alla Nazionale, e Coste affrontò un tour preparatorio in Sudafrica in pieno caos organizzativo, sì da rimediare un pesantissimo 0-101 dagli Springboks, che rimane tuttora il peggior passivo internazionale dell'Italia; dopo tale performance Coste lasciò la squadra al suo secondo Mascioletti[1].

Dopo un breve incarico sempre in seno alla Federazione Italiana Rugby divenne allenatore in seconda dello Stade français e, dal 2006 è tornato a lavorare per la F.I.R., nel ruolo di supervisore tecnico delle Nazionali giovanili italiane.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ravagnani, pag. 365.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luciano Ravagnani, Pierluigi Fadda, Rugby. Storia del Rugby Mondiale dalle origini a oggi, 2ª ed., Milano, Vallardi, 2007 [1992], ISBN 88-87110-92-1.