Lingue dravidiche

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Lingue dravidiche
Parlato in Pakistan Pakistan
India India
Sri Lanka Sri Lanka
Nepal Nepal
Persone 93.000.000 (2000)[1]
Classifica non nelle prime 100
Filogenesi
Suddivisioni Dravidiche settentrionali
Dravidiche centrali
Dravidiche centro-meridionali
Dravidiche meridionali
Codici di classificazione
ISO 639-2 dra
ISO 639-5 dra
Dravidische Sprachen.png
Diffusione delle lingue dravidiche

La famiglia delle lingue dravidiche include circa 85 lingue[2], parlate principalmente nel sud dell'India e in Sri Lanka, e in certe aree del Pakistan, Nepal, Bangladesh e India orientale e centrale, così come in alcune zone dell'Afghanistan e dell'Iran.

Più di 200 milioni di persone parlano le lingue di questa famiglia, che non ha connessione con alcuna delle altre famiglie linguistiche conosciute. Alcuni studiosi incorporano le lingue dravidiche in una più ampia famiglia elamo-dravidica, che include l'antica lingua elamitica, che si parlava nell'odierno Iran sud-occidentale. Ma questo raggruppamento non è accettato da tutti i linguisti.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Il termine dravidico deriva dalla parola sanscrita drāviḍa. Non c'è accordo fra gli studiosi se il termine sanscrito drāviḍa provenga dal termine tamiẓ (tamil), o viceversa.

Secondo alcuni studiosi, la parola sanscrita drāviḍa avrebbe dato origine alla parola tamil (Dravida → Dramila → Tamizha o Tamil). Secondo altri, il termine damiḷa- sarebbe più antico di quello sanscrito, essendo attestato in antiche iscrizioni singalesi (dameḍa-, damela- usato in relazione a mercanti tamil) e in antiche fonti buddhiste e giainiste (damiḷa- in riferimento a un popolo dell'India meridionale, presumibilmente i tamil). Quindi il termine draviḍa- sarebbe una sanscritizzazione.

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

La classificazione delle lingue dravidiche secondo Ethnologue è la seguente:

Lingue dravidiche settentrionali
Lingue dravidiche centrali
Lingue dravidiche centro-meridionali
Lingue dravidiche meridionali
Altre non classificate

Grammatica[modifica | modifica sorgente]

Le lingue dravidiche sono agglutinanti, e hanno la caratteristica del pronome personale "noi" inclusivo ed esclusivo.

Fonologia[modifica | modifica sorgente]

Le lingue dravidiche sono note per la loro mancanza di distinzione fra le consonanti aspirate e non aspirate. Nonostante molte lingue dravidiche (specialmente malayalam, kannada e telugu) abbiano molte parole che provengono dal sanscrito o da altre lingue indeuropee nelle quali l'ortografia mostra una distinzione nell'aspirazione, le parole sono pronunciate nelle lingue dravidiche senza alcuna differenza fra aspirate e occlusive.

Inoltre, le lingue dravidiche sono caratterizzate dalla distinzione fra consonanti dentali, alveolari e retroflesse, così come dalla presenza di numerose liquide.

Parole con vocale iniziale e finale[modifica | modifica sorgente]

Un numero considerevole di parole comincia e termina per vocale, e questo facilita le proprietà agglutinanti delle lingue.

Lista di esempi in tamil:

  • aḷu ("piangere")
  • elumbu ("osso")
  • adu ("questo")
  • alli ("là")
  • idu ("questo")
  • illai ("no, assente")

Esempio: adu-idil-illai (quello-questo-in-assente = "quello è assente in questo")

Palindromi[modifica | modifica sorgente]

Nelle lingue dravidiche, un rilevante numero di parole sono palindromi.

Esempi (in tamil):

  • amma ("mamma")
  • appa ("papà")
  • akka ("sorella maggiore")
  • anna ("riso", "fratello maggiore")

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ David Chrystal, The Cambdridge Encyclopaedia of Language, p. 297
  2. ^ Ethnologue report for Dravidian

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]