Lingue aymara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
lingue aymara
Altri nomijaqi, aru
Parlato inPerù Perù,
Bolivia Bolivia,
Cile Cile,
Argentina Argentina
Altre informazioni
TipoSOV
Tassonomia
FilogenesiLingue quechumara (?)
 Lingue aymara
Codici di classificazione
Glottologayma1253 (EN)
Aymaran languages.png

La famiglia delle lingue aymara è una tra le maggiori famiglie linguistiche dell'altopiano andino, assieme alle lingue quechua, alle lingue uru-chipaya e alle lingue araucane. Le lingue appartenenti a tale famiglia sono parlate prevalentemente nel sud est del Perù, in buona parte della Bolivia centro-meridionale e in piccole comunità in Cile e Argentina.

In alternativa alla designazione aymara, questo gruppo di lingue è anche noto con altri nomi: il linguista peruviano Alfredo Torero ha adottato il termine aru (che in aymara significa "lingua, parola") per riferirsi ad essa, mentre Martha Hardman propose invece jaqi (che, sempre in aymara, vuol dire "uomo, persona").

Dal momento che le lingue quechua e le lingue aymara condividono circa il 25% del loro lessico e mostrano numerose altre similitudini a livello fonologico e morfologico,[1] alcuni linguisti, come Rodolfo Cerrón-Palomino, ritengono che queste due famiglie debbano essere riunite assieme in un unico grande raggruppamento, il quechumara.[2] Altri studiosi, critici di tale ipotesi, sostengono al contrario che le somiglianze tra quechua e aymara siano spiegabili per via di prestiti dovuti al duraturo e prolungato contatto fra le due culture,[1][3] favorito dalla diffusione di un sistema economico misto basato su agricoltura e pastorizia.[4]

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia linguistica aymara è così articolata al suo interno:

  • Lingua aymara [aym]: con più di un milione di parlanti residenti in Perù, Bolivia, Cile e Argentina. Si riscontrano due varietà dialettali: l'aymara centrale [ayr] e l'aymara meridionale [ayc].[5][6] La parlata di La Paz è comunemente considerata come standard, nonché quella meglio descritta.[7][8]
  • Lingua jaqaru [jqr]: parlata da circa 740 locutori nel villaggio di Tupe e nei centri limitrofi della provincia di Yauyos, in Perù. Di una certa rilevanza è anche il dialetto kawki (o cauqui), diffuso nel villaggio di Cachuy, che per alcuni aspetti, specie a livello fonologico, si discosta considerevolmente dallo jaqaru propriamente detto.[1][9]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Fonologia[modifica | modifica wikitesto]

L'aymara, lo jaqaru e il kawki possiedono un sistema fonologico che differenzia soltanto tre fonemi vocalici, ‹a› /a/, ‹i› /i/ e ‹u› /u/, sia brevi che lunghi (nell'ortografia la lunghezza vocalica è rappresentata con ‹¨›). Quando vengono a trovarsi nelle vicinanze delle uvulari ‹q› /q/ e ‹x› /χ/, generalmente la /i/ e la /u/ sono pronunciate come vocali medio-alte, [e] e [o] rispettivamente. Lo jaqaru, a differenza dell'aymara e del kawki, mostra la presenza di un processo assimilatorio simile all'armonia vocalica. Ad esempio, la forma verbale jaqaru irp-k-utu "mi accompagna" corrisponde al kawki irp-k-itu e all'aymara irp-itu, dove la /i/ del suffisso -itu risulta assimilata alla /u/ della sillaba seguente in jaqaru.[10]

Il repertorio consonantico delle lingue aymara è piuttosto complesso. La serie delle occlusive e delle affricate distinguono le articolazioni semplici (es. ‹p› /p/) da quelle aspirate (es. ‹p"› /pʰ/) e da quelle eiettive (es. ‹p'› /p’/). Lo jaqaru e il kawki presentano inoltre una serie di affricate retroflesse di cui l'aymara è privo.[11][12]

Tutte le parole aymara terminano in vocale; anche i prestiti dalle lingue straniere con consonante finale vengono "aymarizzati" aggiungendo una -a, ad es. lo spagnolo habas "fave" entra in aymara come hawasa.

Molte delle caratteristiche sopraelencate si riscontrano anche nelle lingue quechua.

Morfologia e sintassi[modifica | modifica wikitesto]

Le lingue aymara sono agglutinanti. Alcuni suffissi impiegati nella morfologia nominale (marche di caso e suffissi possessivi) e in quella verbale (indicazione del tempo, del soggetto e dell’oggetto) causano la caduta della vocale immediatamente precedente. In jaqaru, ad esempio, il sostantivo uta "casa" perde la /a/ finale quando ad esso sono aggiunti i suffissi possessivi, come in ut-nha "la mia casa" o ut-ma "la tua casa". Analogamente, in aymara la sequenza di morfemi uma- ("bere") + -ta- (1ª persona singolare soggetto e 3ª° persona singolare oggetto) + -wa (suffisso di fine frase), si realizza come umtwa "io (lo) bevo", dove le /a/ della radice verbale e del suffisso personale si perdono.[13]

L’ordine sintattico dei costituenti all'interno della frase è prevalentemente SOV.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Campbell, 1997, p. 188.
  2. ^ Cerrón-Palomino, 2008.
  3. ^ Adelaar & Muysken, 2004, p. 267.
  4. ^ Emlen & Adelaar, 2017.
  5. ^ ayr (ISO 639-3), su SIL International.
  6. ^ ayc (ISO 639-3), su SIL International.
  7. ^ Adelaar & Muysken, 2004, p. 265.
  8. ^ Briggs, 1976, p. 3.
  9. ^ Adelaar, 2012, p. 577.
  10. ^ Adelaar & Muysken, 2004, pp. 264-265.
  11. ^ Adelaar & Muysken, 2004, p. 265.
  12. ^ Hardman, 2000, pp. 3-4.
  13. ^ Hardman, 2001, p. 34.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Lyle Campbell, American Indian Languages: the Historical Linguistics of Native America, New York, Oxford University Press, 1997, ISBN 0-19-509427-1.
  • (ES) Rodolfo Cerrón-Palomino, Quechumaran: estructuras paralelas del quechua y del aimara, La Paz, Plural editores, 2008, ISBN 978-99954-1-117-6.
  • (EN) Willem F. H. Adelaar e Pieter C. Muysken, The Languages of the Andes, New York, Cambridge University Press, 2004, ISBN 978-0-521-36275-7.
  • (EN) Martha J. Hardman, Aymara, in LlNCOM Studies in Native American Linguistics, vol. 35, München, Lincom Europa, 2001, ISBN 3-89586-975-9.
  • (EN) Martha J. Hardman, Jaqaru, in Languages of the World/Materials, vol. 183, München, Lincom Europa, 2000, ISBN 9783895862434.
  • (EN) Nicholas Q. Emlen e Willem F. H. Adelaar, Proto-Quechua and Proto-Aymara agropastoral terms - Reconstruction and contact patterns, in Martine Robbeets e Alexander Savelyev (a cura di), Language Dispersal Beyond Farming, John Benjamins Publishing Company, 2017, pp. 25-45, ISBN 9789027212559.
  • (EN) Lucy Therina Briggs, Dialectal variation in the Aymara language of Bolivia and Peru (PDF) (tesi Ph.D.), 1976.
  • (EN) Willem F. H. Adelaar, Languages of the Middle Andes in areal-typological perspective: Emphasis on Quechuan and Aymaran, in Lyle Campbell e Verónica M. Grondona (a cura di), The Indigenous Languages of South America: A Comprehensive Guide, The world of linguistics, vol. 2, De Gruyter Mouton, 2012, pp. 575-624, ISBN 978-3-11-025513-3.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica