Linea di successione presidenziale negli Stati Uniti d'America

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lo stemma del presidente degli Stati Uniti d'America

La linea di successione presidenziale negli Stati Uniti definisce chi può divenire o agire come presidente degli Stati Uniti in seguito a incapacità, morte, dimissioni o rimozione dall'incarico (per impeachment e successiva condanna) di un presidente o di un presidente eletto.

Linea di successione attuale[modifica | modifica wikitesto]

Questa è la lista dell'attuale linea di successione alla carica di presidente degli Stati Uniti,[1] come specificato dal Presidential Succession Act del 1947 e successive modifiche e integrazioni.

Posizione Ruolo Attualmente
ricoperto da
1 Vicepresidente e presidente del Senato Joe Biden
2 Presidente della Camera dei rappresentanti Paul Ryan
3 Presidente pro tempore del Senato Orrin Hatch
4 Segretario di Stato John Kerry
5 Segretario al Tesoro Jacob Lew
6 Segretario della Difesa Ashton Carter
7 Procuratore generale Eric Holder
Segretario degli Interni Sally Jewell[2]
8 Segretario dell'Agricoltura Tom Vilsack
9 Segretario al Commercio Penny Pritzker
10 Segretario del Lavoro Thomas Perez
11 Segretario della Salute e dei Servizi Umani Sylvia Mathews Burwell
12 Segretario della Casa e dello Sviluppo Urbano Julian Castro
13 Segretario dei Trasporti Anthony Foxx
14 Segretario dell'Energia Ernest Moniz
15 Segretario dell'Istruzione Arne Duncan
16 Segretario degli Affari dei Veterani Robert A. McDonald
17 Segretario della Sicurezza Interna Jeh Johnson

Ragioni per il mancato inserimento nella linea di successione[modifica | modifica wikitesto]

  • Mancanza dei requisiti previsti dalla Costituzione degli Stati Uniti, Articolo II:
    • Le persone che non sono cittadini statunitensi per nascita, come l'ex Segretario del Lavoro Elaine Chao, nata a Taiwan, sono costituzionalmente ineleggibili al ruolo di presidente.
    • Le persone di età inferiore a trentacinque anni sono costituzionalmente ineleggibili al ruolo di presidente.
    • Le persone che non hanno risieduto negli Stati Uniti per quattordici anni sono costituzionalmente ineleggibili al ruolo di presidente.
  • I funzionari ad interim sono ineleggibili: per entrare nella linea di successione un funzionario deve essere stato confermato dal Senato degli Stati Uniti, prima della morte, dimissioni, rimozione dall'incarico, inabilità o qualsiasi altro motivo per qualificarsi del Presidente pro tempore. Quindi i funzionari ad interim che non sono ancora stati confermati nel loro ruolo non possono rientrare nella linea di successione.

Il sopravvissuto designato[modifica | modifica wikitesto]

Con il termine di sopravvissuto designato (designated survivor, a volte, più eufemisticamente, designated successor) si indica un membro della linea di successione che, nelle occasioni in cui il Presidente e gli altri membri della linea di successione si trovano riuniti nel medesimo luogo, viene tenuto nascosto in un luogo fisicamente lontano, sicuro e segreto. Questo avviene, per esempio, durante la lettura dello State of the Union, il messaggio che il Presidente legge annualmente alle Camere in riunione congiunta, e durante la cerimonia di insediamento del Presidente.
Questa procedura, stabilitasi nel periodo della Guerra Fredda, ha lo scopo di mantenere ininterrotta la linea di comando nel caso in cui un evento catastrofico elimini tutti coloro che fanno parte della linea di successione presidenziale, poiché la legislazione statunitense non prevede che altre persone che non fanno parte di questa lista possano accedere al potere.
Solo chi possiede i requisiti costituzionali per divenire Presidente può essere scelto come sopravvissuto designato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Senato degli Stati Uniti, Presidential and Vice Presidential Succession: Overview and Current Legislation (PDF), lieberman.senate.gov, 27 settembre 2004. URL consultato il 30 gennaio 2009.
  2. ^ Nata nel Regno Unito, non rientra nella linea di successione.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]